LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO-Operazione Caravaggio
Oreste Paliotti
www.cittanuova.it, 15/04/2016

Palermo, Oratorio di San Lorenzo. La celebre “Natività” del pittore lombardo, rubata dalla mafia nel 1969, oggi rivive in una fedelissima copia tecnologica realizzata da un laboratorio di Madrid




Dopo quasi mezzo secolo lo spazio insopportabilmente vuoto nell’Oratorio di San Lorenzo, nel cuore antico di Palermo, è stato colmato. Quel vuoto gridava una illustre assente, una tela entrata nella storia dell’arte e nella cronaca nera: la Natività di Caravaggio, trafugata dalla mafia nella notte tra il 17 e il 18 ottobre 1969 e mai più ritrovata. Dal dicembre scorso una riproduzione perfetta di quel capolavoro del Seicento campeggia nuovamente tra i candidi stucchi barocchi di Giacomo Serpotta e gli ori delle cantorie: un vero miracolo tecnologico dovuto all’impegno di Adam Lowe, direttore di “Factum Arte”, e del suo team di artisti, tecnici e restauratori specializzati in tecniche di stampa altamente innovative.

La copia realizzata è un’ulteriore prova che oggi non è impossibile rendere “eterna” un’opera d’arte anche nel caso di perdita dell’originale. Quale vantaggio ne potrebbe venire all’immenso patrimonio andato distrutto nei due conflitti mondiali o in quelli che attualmente lacerano il pianeta, come pure alle opere e ai monumenti considerati a rischio, è facile immaginarlo. Penso, riferendomi al Caravaggio, a un altro suo capolavoro perduto: quel San Matteo e l’angelo scomparso a Berlino, verso la fine della Seconda guerra mondiale, nel rogo della Flakturm Friedrichshain.

Un’altra buona notizia riguardante lo stesso Oratorio: a Lowe sarà affidato il ripristino di alcuni dei preziosi stucchi del Serpotta, anch’essi spariti da questo ambiente nel corso degli anni e venduti a spregiudicati collezionisti.

È anche vero però che se da una parte iniziative del genere sono accolte favorevolmente quale parziale risarcimento alle ferite inferte al patrimonio culturale di una nazione, dall’altra non mancano di suscitare perplessità sul rischio che si possa alla lunga sminuire il significato più profondo di un’opera d’arte, sostituendo a essa una copia, per quanto perfetta.

Lasciando il dibattito aperto, entriamo nel raffinato spazio barocco dell’Oratorio di San Lorenzo finalmente completo nei suoi elementi. Sull’altare campeggia la grande Natività (2 metri e 68 centimetri per 1 metro e 97), il cui titolo originale è Adorazione del Bambino coi santi Lorenzo e Francesco. Solo un esperto, a distanza ravvicinata, potrebbe accorgersi che si tratta di una copia. Ma com’è stato possibile realizzarne una così perfetta? Provvidenzialmente, qualche anno prima del furto, nel 1951, l’opera era stata restaurata e le fasi del restauro erano state documentate con foto ad alta definizione: proprio quelle che hanno permesso di ricreare il capolavoro perduto.

La tela, che secondo lo storico dell’arte Giovan Pietro Bellori sarebbe stata commissionata al Caravaggio nel 1609 dalla Compagnia dei Bardigli e dei Cordiglieri, rappresenta il Cristo nato in una stalla, presenti i santi Lorenzo e Francesco. Anche qui per i personaggi l’artista lombardo s’è ispirato a figure popolari, scelte fra i poveri ed emarginati da lui incontrati nella sua inquieta esistenza. Colpisce, al centro della raffigurazione, la Vergine nella sua umanità di donna sfinita dal travaglio del parto, che contempla il Bambino nudo giacente sulla paglia. A sinistra si staglia san Lorenzo, dietro il quale si profilano il bue e l’asino, mentre a destra un san Giuseppe dal manto verde, la schiena volta a chi guarda, sembra dialogare con un pastore posto alle spalle di san Francesco. Sull’angolo sinistro superiore irrompe dallo sfondo oscuro, simile a folgore, un angelo che reca in un cartiglio l’acclamazione «Gloria in excelsis Deo».

Davanti a questa scena realistica, intima, piena di umanità, ci si dimentica che si tratta di una copia e si è spinti solo alla contemplazione del mistero che in essa si celebra.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news