LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA. Rivoluzione appalti addio ribassi record con il nuovo codice
Barbara Ardu'
16 aprile 2016 LA REPUBBLICA




I lavori avranno un inizio, ma soprattutto una fine certa. Le gare non saranno più al massimo ribasso, che faceva lievitare il prezzo finale, ma affidate a chi fa l'offerta «economicamente più vantaggiosa», un mix di qualità e prezzo. È affidato a 217 articoli il testo del Nuovo Codice degli appalti varato ieri in via definitiva dal Consiglio dei ministri.

L'obiettivo è trasformare quello che da sempre è un labirinto in un meccanismo agile, trasparente e certo. «Una riforma strutturale con regole semplici e meno astruse», ha commentato il Premier Matteo Renzi, «che chiude le strade alla corruzione ». Sarà infatti l'Autorità Anticorruzione di Raffaele Cantone a scrivere le linee guida e a vigilare sulla correttezza.

La filosofia che anima il provvedimento è quella della soft law ovvero, non rigidi regolamenti e commi di legge, ma linee di indirizzo generali. A scriverle sarà l'Authority di Cantone. Poi sarà la volta dei decreti attuativi. Prima della partenza ufficiale è prevista una fase transitoria. Il testo definitivo ancora non c'è, ma i punti principali non dovrebbero essere modificati.

Eccoli. Vince la gara l'impresa che fa l'offerta economicamente più vantaggiosa, ma solo per gare superiori a 500mila euro, che scendono a 210 mila per le forniture di servizi. Solo il 30 per cento dei lavori può essere affidato in subappalto, che comunque deve essere già previsto nel bando di gara. Come nel bando deve essere indicata la data di inizio e fine dei lavori. Nelle gare più contenute, per lavori tra 40mila e 150mila euro dovranno essere consultati almeno cinque imprese, dieci per gli importi tra 150mila e 1milione di euro.

Sul fronte della programmazione scompare la legge obiettivo e punto di riferimento diventa il piano generale dei trasporti e della logistica che contiene le linee strategiche triennali. Sul fronte della progettazione il sistema è incentrato sulla qualità e consente di eliminare la causa principale del lievitare dei costi delle opere pubbliche, rappresentata da gare su progettazioni preliminari.

Sono infatti previsti tre livelli di progettazione: il nuovo progetto di fattibilità tecnica e economica, il progetto definitivo e il progetto esecutivo, che viene posto a base della gara.

E per la prima volta viene aperta la strada alla sponsorizzazione dei beni cultrali. «La riforma - ha sottolineato il ministro per i beni culturali Dario Franceschini «semplifica le procedure per le sponsorizzazioni in favore del patrimonio culturale, che avverranno con una procedura trasparente sui siti web».

Sempre all'Anac è affidato il controllo delle soglie che prevedono che nelle concessioni di importo superiore a 150 mila euro, l'80 per cento dei lavori dovrà essere affidato con gara e solo il 20 potrà andare alle società in house.

Viene inoltre richiesta la qualificazione sia agli operatori economici, per i quali è prevista una specifica disciplina nella quale rientra anche il rating di legalità, sia alle stazioni appaltanti secondo standard predefiniti e sistemi premianti che consentono, progressivamente, di appaltare opere, lavori e servizi più costosi e complessi.

Cambiamenti dunque rispetto al passato, ma anche alcune novità. Viene disciplinato nel Codice per la prima volta l'istituto del Partenariato pubblico privato che diventa una disciplina generale autonoma quale forma di sinergia tra i poteri pubblici e i privati per il finanziamento, la realizzazione o la gestione delle infrastrutture o dei servizi pubblici.

Si cerca infine di ridurre il contenzioso, uno dei motivi che spesso ferma i lavori: non sarà più possibile per una impresa dichiarare che la concorrente non è in regola e dunque non aveva il diritto di partecipare alla gara. Potrà ancora farlo, ma non a gara finita. Se ha dubbi su un concorrente dovrà dirlo quando presenta il progetto. Dopo sarà molto difficile.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news