LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMAIORE - Recuperati 3 quadri rubati a Villa Cavanis dai nazisti
di Stefano Taglione
18 aprile 2016 IL TIRRENO

Il ritrovamento dopo 72 anni grazie ad una indagine dei carabinieri

CAMAIORE. I Monuments Men non sono riusciti a salvarli. E i nazisti - che avevano occupato Villa Le Pianore per utilizzarla come base dopo l’armistizio italiano dell’8 settembre del 1943 - li hanno portati via. Tre quadri, di importantissimo valore, sono stati ritrovati dopo 72 anni. Fino al 1944 erano appesi nella dimora di Capezzano. Probabilmente risalgono all’epoca dei Borbone. Magari li ha voluti direttamente il duca di Parma, Roberto I, affascinato da quei quadri così antichi che i tedeschi hanno deciso di rubare.

Milano, recuperati tre dipinti del '400 razziati dai nazisti: ora in custodia a Brera
I dipinti trafugati nel 1944 dalle truppe di occupazione naziste a Camaiore (Lucca) dalla villa dell'allora Principe di Lussemburgo, sono stati recuperati dai carabinieri e portati alla Pinacoteca di Brera a Milano fino a quando non verrà deciso in quale museo dovranno andare

Potrebbe essere una storia in stile Monuments Men quella che verrà svelata questa mattina a Milano, nella Sala della passione della Pinacoteca di Brera. Il comando Tutela patrimonio culturale dei carabinieri, nei giorni scorsi, ha ritrovato tre importantissimi dipinti trafugati nel ’44 dal territorio di Camaiore.

Le opere vengono ritenute preziosissime dagli storici dell’arte che le hanno visionate. Sono state rubate, al pari della celebre Madonna di Bruges di Michelangelo. Che i soldati tedeschi, durante la ritirata, nascosero in mezzo a dei materassi su un convoglio della Croce rossa. Ci sono voluti due anni - grazie alla spedizione della task force dei Monuments, Fine Arts, and Archives, voluta dagli Alleati per proteggere i beni culturali durante la guerra - per ritrovare la celebre scultura, rinchiusa in una miniera austriaca.

Chissà che un destino simile non riguardi proprio le tre opere sottratte dai nazisti a Capezzano. «Potrebbero risalire a prima del 1900 - ipotizza Giuliano Matteucci, voce storica di Camaiore - e lo dico sulla base dell’arredo di Villa Cavanis e sul fatto che la presentazione del recupero sia stata organizzata alla Pinacoteca di Brera. La famiglia Borbone amava l’arte in ogni sua forma».

Dal Comune di Camaiore, fino a domenica 17, nessuno sapeva nulla. «Dovranno spiegare a chi andranno questi quadri - si interrogano da Palazzo civico - Spettano alla nostra amministrazione, allo Stato, alla proprietà attuale o a quella degli anni Quaranta?». Impossibile dirlo. Almeno fino a quanto le opere non verranno svelate in tutto il loro splendore.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news