LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - Vasca in Sant’Andrea: arriva l’ok del ministero
di Sandro Mortari
20 aprile 2016 la gazzetta di Mantova



I Beni Culturali approvano la proposta avanzata nei mesi scorsi dalla diocesi. Ora tocca a Busti decidere sull’intervento che coinvolge anche altare e ambone



MANTOVA. Interventi all’altare, all’ambone e la realizzazione della piccola vasca battesimale che aveva scatenato proteste e polemiche in serie. La diocesi ha incassato tutte le autorizzazioni necessarie, compresa quella che attendeva dalle sedi romane del ministero dei Beni culturali e può ora far scattare l’adeguamento liturgico di Sant'Andrea progettato nei mesi scorsi. La notizia si è diffusa ieri 19 aprile e oggi, quando il vescovo e i tecnici della diocesi andranno in conferenza stampa, si arricchirà di tutti i particolari.

Tempi e modalità dell’intervento, tuttavia, restano da definire. Sarà il vescovo a dover decidere. Busti, che aveva sempre detto di non voler parlare delle sue intenzioni operative fino all’eventuale autorizzazione definitiva del progetto, lo farà quest’oggi. Resta da capire se vorrà dare impulso al progetto in questi suoi ultimi mesi di permanenza in piazza Sordello o se preferirà lasciare la decisione al suo successore.

Nel progetto approvato per la vasca battesimale è prevista una struttura pensata nel transetto nord-ovest (lungo 23,5 metri e largo 16,3), in prossimità dell'ingresso di sinistra, quello che dà su piazza Leon Battista Alberti. La vasca, di forma rettangolare, verrà realizzata in marmo rosaceo di Verona e sarà larga 4,7 metri e lunga 2,7. In caso di costruzione definitiva si presenterà al pubblico come vasca di spessore ridotto - si parla di circa venti centimetri di altezza - sollevata da terra attraverso un supporto alto cinque centimetri.

Una piccola rampa di tre gradini consentirà l'accesso al fonte battesimale, che sarà riempito con un velo d'acqua di circa dieci centimetri: «L'altezza da terra è molto ridotta - avevano spiegato in occasione della presentazione Giacobbi e Manzoli - e in paragone le sedie presenti nella basilica sono molto più invasive a livello architettonico. In più ci teniamo a sottolineare che il pavimento non verrà bucato dato che la vasca sarà soltanto appoggiata e rimovibile all'occorrenza. Il gesto del battesimo sarà simbolico, non è necessario immergere del tutto il corpo».

Tutta la struttura deve essere smontabile e removibile. Alcune prescrizioni sono arrivate dal ministero, ma non tali da minare la sostanza del progetto. Un progetto, affidato a Paolo Zermani ordinario di composizione architettonica a Firenze, che trova fondamento in esigenze litugiche come quella dei battesimi per gli adulti.

Non casuale dunque la posizione scelta: vicino alla porta, per simboleggiare l'ingresso di una persona nella comunità cristiana. La persona poi riceve lo Spirito Santo con il battesimo e si incammina verso l'altare, che simboleggia l'eucaristia, passando sotto agli affreschi raffiguranti il battesimo di Gesù e l'incontro con la samaritana, posizionati sui due pilastri di sostegno della cupola tra i quali dovrebbe essere collocata la vasca.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news