LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Turris Libisonis, il giallo della domus di Orfeo
20 aprile 2016 LA NUOVA SARDEGNA


Anche il mosaico in bianco e nero risalente ad età forse repubblicana oggi celato verrà riscoperto insieme alle pareti, dopo la verifica delle condizioni del riempimento e la sostituzione della pannellatura di cantiere con una più decorosa. L'ultima chicca Gabriella Gasperetti la dice però sulle porzioni di affresco esposte nella mostra "Frammenti" al Centro di Li Punti: «Tenendo conto che nei settori ancora da scavare ci sono frammenti di affresco che potrebbero integrare le ricostruzioni fatte sui pannelli, finito il lavoro, gli affreschi dovrebbero tornare a Porto Torres, per essere esposti all'Antiquarium o nella Domus di Orfeo».di Emanuele Fancellu wPORTO TORRES Quando venne edificata, a metà del III secolo d.C., non mancò di suscitare l'invidia dei turritani dell'epoca, che pure vivevano il momento più opulento della Colonia Iulia Turris Libisonis. I mosaici di finissima fattura, le pareti magnificamente affrescate, lo splendido giardino con fontana: tutto della Domus di Orfeo rubava l'occhio. Eppure, neanche cinquant'anni dopo, l'abitazione venne demolita per lasciare spazio alle sontuose Terme Centrali. La scoperta. La storia della scoperta della più ricca domus di Turris Libisonis è degna di un giallo: l'angolo di un mosaico frammentato viene rinvenuto nel 1961, poi se ne perdono le tracce tanto da farlo considerare perduto. Ma nel 1995, in occasione di lavori di risistemazione dell'area davanti le Terme Centrali, si notano resti di strutture precedenti. La successiva campagna di scavo riporta in luce muri, canalizzazioni, frammenti di affreschi e pavimenti mosaicati fino alla scoperta più sensazionale, il 30 ottobre dello stesso 1995, quella del mosaico di Orfeo. Le meraviglie della domus. Le indagini hanno rivelato un'abitazione eccezionale ma conosciuta solo in parte, tanto da non avere contezza dello sviluppo planimetrico nord-sud. L'ingresso era probabilmente a nord; ad oggi sono note le porzioni di cinque ambienti mosaicati, mentre un altro al confine con la strada occidentale colonnata situato a livello più basso sarebbe afferente ad altra costruzione. Splendidi volti di uomini e semidei, melagrane simili a nature morte, animali variopinti, amorini e, magari nella stanza di Orfeo, quella che in maniera un po' ardita ma suggestiva potrebbe essere la rappresentazione del mito di Orfeo ed Euridice che escono dall'Ade, affrescano le pareti. Magnifici tappeti geometrici fungono da pavimenti di alcuni ambienti; due volti, forse parte di Ierogamia - l'accoppiamento o congiunzione tra due divinità - o della raffigurazione delle Tre Grazie inseriti in quanto resta di un ottagono ne decorano un altro, ma tra tutti spicca, nel vano da cui prende il nome la domus, il mosaico con Orfeo che suona la lira seduto su una roccia circondato da nove animali del suo tradizionale seguito. In stretta comunicazione, un ambiente mosaicato con al centro una piccola vasca pentalobata con fontana, nella quale sono raffigurate diciotto specie di animali marini abitanti le acque del golfo dell'Asinara. I problemi della struttura. «La Domus di Orfeo, la cui copertura è stata realizzata per rendere l'area fruibile al pubblico, è stata aperta nel 2013 scoprendo la maggior parte dei frammenti individuati – spiega la responsabile della Soprintendenza ai Beni Archeologici per l'area di Porto Torres Gabriella Gasperetti – ma si è notato un degrado dovuto all'umidità sia di condensa che di risalita delle acque meteoriche con cristallizzazione dei sali. Non solo: abbiamo fatto analizzare i sali scoprendo che quelli sulle tessere presentano grosse percentuali di sali del cemento. Evidentemente, la struttura va risistemata per essere idonea alla sua funzione protettiva». Il restauro in corso. Al momento Antonio Chessa, Tonino Sechi, Augusto Garau e Antonio Fiori, i tecnici del Centro di restauro di Li Punti guidati da Alba Canu, stanno curando la conservazione di tutto ciò che dell'area è possibile vedere, concentrando l'intervento sulla pulizia di muffe, la rimozione di incrostazioni di calcare e quanto grava sulle superfici decorate; il consolidamento delle fratture e lacune; il favorire al massimo l'aerazione delle porzioni di mosaico. E quello previsto con l'8‰. L'intervento più importante è però in fase di preparazione. «La Soprintendenza ha ricevuto, su un finanziamento richiesto nel 2010, l'approvazione di un progetto di restauro dedicato alla domus di Orfeo e alle Terme Centrali con fondi dell'Irpef diretta a gestione statale dell'8‰ – spiega Gabriella Gasperetti –. Dal 2010 sono cambiate alcune condizioni, perciò lo stiamo rimodulando per sottoporlo all'approvazione definitiva di Mibact e Commissione della presidenza del Consiglio che gestisce l'8‰». Il programma prevede l'ultimazione dello scavo per scoprire la domus nella sua interezza, il rivestimento delle basi dei pilastri dei quali è rimasto a vista il conglomerato con tutta la terra; il consolidamento di pareti di scavo e canalette; il risanamento delle superfici dei mosaici in situ, ad eccezione di quello coi due volti il cui massetto è compromesso e per il quale si studierà la migliore soluzione; la controsoffittatura con duplice funzione: coprire le travi in ferro ed evitare la condensa e perciò la ricaduta d'acqua che tanto nuoce ai mosaici.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news