LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La scomparsa degli Archivi di Stato, così l’Italia distrugge la sua storia
di Marco Sarti
IL FATTO QUOTIDIANO 19 Aprile 2016 -



Il 94 per cento dei dirigenti archivisti ha più di cinquant’anni, il 66 per cento ha superato i sessanta. Tra poco andranno in pensione. E senza archivi gli storici non possono lavorare




L’Italia è un Paese che rischia di perdere la memoria. Un passato collettivo scritto nero su bianco e conservato negli oltre cento Archivi di Stato. Fascicoli su fascicoli, milioni di documenti, custoditi da funzionari che tra pochi anni andranno quasi tutti in pensione. Nelle 101 strutture preposte sono conservati 1.600 chilometri di scaffalature. A gestire l’enorme memoria pubblica sono 621 dirigenti archivisti del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Un gruppo di esperti in via di estinzione. Come denuncia la deputata del gruppo Per l’Italia Milena Santerini, il 94,6 per cento di loro ha più di cinquant’anni. Il 66,3 per cento supera i sessanta. Nel giro di pochi anni si saranno tutti ritirati dal lavoro. «La stragrande maggioranza - si legge in una interrogazione presentata pochi giorni fa a Montecitorio - guadagneranno il riposo lasciando a gestire uno dei patrimoni archivistici più preziosi al mondo i 29 funzionari che oggi hanno meno di cinquant’anni e i 4 che hanno meno di quarant’anni».

In ballo c’è il passato di un Paese. «Noi pensiamo ai musei e all’archeologia - racconta la parlamentare - ma la nostra storia è conservata in queste carte». Agli archivisti il compito di organizzare, custodire e catalogare il materiale. Un impegno indispensabile, spiega il documento parlamentare, «dopo un’alluvione o un terremoto per coloro che vogliono recuperare una planimetria, ma anche per ricostruire i precedenti di una causa penale o una storia familiare». Un’attività essenziale, che troppo spesso avviene in condizioni difficili. Basti pensare al solo Archivio centrale dello Stato, a Roma. Qui sono conservati documenti che occupano almeno 120 chilometri di scaffalature. E altri 40 chilometri sono stati trasferiti in un deposito a Pomezia. «I depositi sono gonfi all’inverosimile - si legge - e nei soffitti di quelli sotterranei sono incassati cubetti di vetrocemento che a stento reggono l’acqua, che si infiltra nelle pareti dove sono addossati scaffali alti sette metri».

A custodire e catalogare la nostra memoria storica sono 621 dirigenti archivisti. Il 94 per cento ha più di cinquant’anni. Il 66,3 supera i sessanta. Nel giro di poco tempo saranno tutti in pensione

Intanto gli archivisti continuano il loro prezioso lavoro. Veri e propri archeologi della memoria collettiva, sono impegnati a «studiare e scoprire piccoli e grandi tesori seppelliti nelle carte». Nel frattempo catalogano, custodiscono, ricevono gli interessati e rispondono alle richieste per corrispondenza. E sono sempre di meno. Mentre i più si avvicinano alla pensione, l’organico non viene integrato. L’ultimo concorso per archivista è stato bandito dal ministero nel 2009. Sette anni fa.

Per la manutenzione e la sicurezza degli Archivi di Stato sono stati investiti 25 milioni di euro per il triennio 2016-2018. E ogni anno gli affitti degli immobili superano i 17 milioni

È una situazione difficile, per stessa ammissione del ministro dei Beni e attività culturali Dario Franceschini. Pochi giorni fa è intervenuto a Montecitorio per approfondire l’argomento. E ha ammesso che la situazione rischia persino di aggravarsi. Come prevede il decreto Enti locali dello scorso anno, infatti, le province in fase di scioglimento potranno versare i propri archivi presso gli Archivi di Stato. «E questo - spiega il ministro - aumenterà ovviamente le esigenze di spazi e personale». C’è anche un problema di costi. Non ci sono solo i 25 milioni di euro investiti nel triennio 2016-2018 per la manutenzione e la sicurezza degli Archivi. Attualmente gli istituti archivistici sono ospitati in 238 immobili. «Di cui 137 - dice l’esponente del governo - sono purtroppo in locazione passiva». In attesa di individuare nuovi immobili pubblici dove trasferire i documenti, ogni anno lo Stato deve far fronte a oltre 17 milioni di euro solo per i canoni di locazione.

Resta la questione degli archivisti che andranno in pensione. La legge di Stabilità ha previsto una norma in deroga ai criteri generali del turnover nella pubblica amministrazione. Come spiega il ministro Franceschini, il provvedimento autorizza l’assunzione a tempo indeterminato per il ministero di 500 funzionari «inquadrati nella terza area del personale non dirigenziale». Una parte rilevante, assicura, servirà a coprire i posti vacanti degli archivisti. È una novità positiva. Un intervento necessario, ma non ancora sufficiente. Già nei prossimi anni molti archivisti attualmente in attività, data l’età media avanzata, andranno in pensione e dovranno essere sostituiti. Ecco perché nella prossima legge di stabilità saranno obbligatori altri interventi. Il primo ad esserne consapevole è Franceschini. «Non possiamo lasciare gli Archivi senza il personale specializzato».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news