LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il museo di Torino va a Catania l'antico Egitto sbarca in Sicilia
ISABELLA DI BARTOLO
22 aprile 2016 LA REPUBBLICA





Non solo Catania per la "succursale" in Sicilia del Museo Egizio di Torino. L'istituzione museale statale è pronta ad aprire i suoi scrigni per esporre in altre città tesori oggi nascosti ai visitatori. E lo fa partendo dal capoluogo etneo dove, nel 2017, sarà allestita una "filiale" del museo torinese sulla scia dei dettami del ministro ai Beni culturali, Dario Franceschini, ispirati alle grandi realtà museali in continuo rinnovamento. Alla base del gemellaggio culturale vi è proprio il concetto di museo "vivo", come confermato dal ministro Franceschini, che trasformerà l'ex convento catanese di via Crociferi in una sede distaccata del Museo Egizio con l'esposizione di una silloge di reperti di età ellenistica tra le migliaia custodite nei magazzini dell'istituzione di Torino e coinvolgerà anche il Museo del Papiro di Siracusa, storico collaboratore dell'ente torinese oltre che del museo del Cairo e della Biblioteca Alexandrina, che ospita l'Istituto italiano per la civiltà egizia.

«Si tratta di una proposta ancora in fieri ma concreta – dice Evelina Christillin, presidente della Fondazione "Museo delle antichità egizie" di Torino – che si inserisce nella nostra volontà di gemmare la nostra esperienza e di rendere fruibilile migliaia e migliaia di reperti da sempre custoditi nei nostri magazzini».

Un modello è il Louvre Lens, recente "filiale" del museo di Parigi dove sono in mostra opere che nella sede "madre" sono negate al pubblico per ragioni di spazio o per motivi scientifici. E l'intento del Museo Egizio è proprio quello di mostrare a tutti, non solo a Torino, gli oltre 40mila reperti ancora nei suoi depositi tra cui figurano preziosi oggetti di epoca ellenistica che bene si addicono al dialogo culturale e archeologico sull'asse Sicilia-Egitto.

«L'idea di aprire una sede a Catania è nata da una chiacchierata con il sindaco Enzo Bianco – dice il presidente Christillin – Il nuovo allestimento del Museo Egizio a Torino mette in mostra circa 3.500 reperti secondo una concezione museale canonica e, da dicembre, circa 10.500 reperti esposti in 38 armadi. Ne abbiamo ancora migliaia e migliaia che meritano certamente di essere ammirati dal pubblico poiché il museo appartiene a tutti e proprio in virtù di questo il sindaco di Catania ha proposto un'idea che apprezziamo e che si inserisce lungo la strada della collaborazione con altre istituzioni per la diffusione della grande cultura custodita tra le sale e i depositi del nostro museo».

La stessa motivazione per cui il Museo Egizio di Torino ospita la mostra "Il Nilo a Pompei. Visioni d'Egitto nel mondo romano" che verrà replicata, con altri oggetti, nel sito vesuviano. «Il progetto in Sicilia si colloca in questo contesto di comunità scientifica: vogliamo sempre più essere un museo aperto che ha come punto focale il fatto di essere anche un centro di ricerca».

La proposta di Catania ha già ottenuto il placet ufficiale del ministero ai Beni culturali e dovrà partire con il coinvolgimento della Regione siciliana: il deus ex machina dell'operazione è il sindaco Enzo Bianco, pronto a consegnare le chiavi del gioiello dei Crociferi, nel cuore del centro storico, al Museo di Torino dopo un imponente restauro che si concluderà entro l'anno. Il pianterreno dell'edificio sarà dedicato a uffici, biglietteria, bookshop e botteghe artigianali a tema; una delle due grandi ali del primo piano sarà destinata ai reperti di Torino. Il restante spazio sarà destinato a ospitare il Museo della città e, al secondo piano, la Fondazione Verga e l'Archivio storico comunale con il suo prezioso fondo verghiano e libri antichi.

«Attendiamo nelle prossime settimane i sopralluoghi – dice l'assessore alla Cultura di Catania, Orazio Licandro, che è anche uno studioso dell'Egitto di età augustea – per decidere quali altri interventi predisporre in termini di sicurezza, di climatizzazione e quali accorgimenti tecnici siano necessari alla luce delle peculiari esigenze dei reperti tra cui potranno esserci anche antiche mummie. Ci sarà una curatela scientifica ed è chiaro che il direttore del museo torinese, Christian Greco, da eccellente studioso selezionerà tutti i reperti per dar vita a un percorso legato alla Sicilia, al Mediterraneo e ai rapporti che l'Egitto aveva con l'Isola già prima della conquista romana ».

E se Torino chiama, risponde anche Siracusa dove dal 1989 ha sede il Museo del Papiro: realtà culturale unica in Italia che vanta collaborazioni internazionali e conserva migliaia di preziosi oggetti tra cui le rare barche di papiro dall'Etiopia e dal lago Ciad. «Siamo legati a Torino da decennali rapporti di grande amicizia – afferma il direttore Corrado Basile – e professionali. Saremmo noi la sede naturale di una sua "filiale" ma non abbiamo sufficiente spazio nemmeno per esporre tutti i nostri reperti. Ben venga una nuova idea di esposizione».

Subito dopo la sua missione in Egitto per la nascita di un laboratorio di restauro del papiro al museo egizio del Cairo, sposata dal ministro delle Antichità Mamdouh Eldamaty, anche il Museo di Siracusa sarà coinvolto nel progetto siciliano che porterà a Catania un pezzo dell'antica civiltà .



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news