LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Resistenza, il museo dimenticato "Il Comune non consegna i locali"
24 aprile 2016 la repubblica



SI festeggia il 71esimo anniversario della Liberazione e Napoli ancora non ha un museo della Resistenza. L'ultimo equivoco è in una parola. Il Comune dice: «Ormai è fatta: abbiamo assegnato i locali all'Anpi nella Galleria Principe». E l'Anpi che replica: «Assegnati, ma mai consegnati. Noi lì non ci possiamo entrare ».

E su questo gioco di parole si innerva l'ultimo balletto del museo sempre promesso e mai realizzato.

«Trovo inconcepibile che una città come Napoli non abbia un museo della Resistenza - denuncia il presidente dell'Anpi Napoli, Antonio Amoretti - Ho cominciato a lavorare a questo progetto quando è diventato Valenzi sindaco, quindi quarant'anni fa. E ancora non riusciamo ad avere una sede e custodiamo documenti e cimeli, in strutture private e non a disposizione della città».

Cosa accade? Accade che l'Anpi aveva ricevuto dall'ex sindaco Rosa Iervolino dei locali nell'ex chiesa sconsacrata nel complesso di San Severo al Pendino, in via Duomo, ma quando tutto sembrava fatto è arrivata la giunta de Magsitris che ha spostato il museo nella Galleria Principe: fino ad oggi però non agibile. «Abbiamo quattro locali, con ingresso da via Pessina, proprio accanto alla sala Gemito, ma non ne abbiamo mai preso possesso. Ci sono impalcature ovunque. Per quanto ne sappiamo manca l'agibilità », conferma Amoretti. Sulla questione agibilità interviene l'assessore all'Urbanistica, Carmine Piscopo: «Abbiamo investito 800 mila euro di fondi di bilancio per ripristinare l'ingresso da via Pessina e per una serie di interventi sul lato Museo. Abbiamo abbattuto e ricostruito secondo le direttive della Soprintendenza un torrino, sostituito dei vetri di copertura e soprattutto effettuato corposi lavori di consolidamento e messa in sicurezza. Insomma ci sono ancora le impalcature (per eliminarle occorrono circa 2 milioni di euro che il Comune al momento non ha ndr), ma la galleria è agibile». E l'assessore al Patrimonio Sandro Fucito: «Abbiamo anche assegnato i 24 locali con una articolata gara pubblica e le assegnazioni sono diventate definitive ad aprile. Ora chi come l'Anpi ha dei locali ci deve presentare un progetto per i lavori che il Comune deve approvare e poi ripagherà con un meccanismo di scomputo dell'affitto. Insomma è fatta». Ma Amoretti cade dalle nuvole: «Ma noi che progetto presentiamo se in mano abbiamo solo una planimetria. I locali non ci sono stati consegnati ». Un terzo assessore, Alessandra Clemente, che in Galleria Principe avrà la gestione del Punto Giovani, cerca di trovare la soluzione all'ennesimo inghippo burocratico: «Il 25 Aprile è l'occasione per incontrare l'Anpi e fissare con loro un sopralluogo ufficiale nei locali e procedere insieme all'inizio dei lavori».

(cri.z.)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news