LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FRIULI - Appalti affidati senza gara: Cantone boccia la soprintendenza Fvg
di Piero Rauber
23 APRILE 2016, IL MESSAGGERO VENETO



L’operato dell’ex, Maria Giulia Picchione, non passa l’esame dell’Anticorruzione. «Irregolarità e zone d’ombra saranno segnalate alla Procura della Corte dei conti»



TRIESTE Non si è curata abbastanza dei “comandamenti” della concorrenza e della trasparenza amministrativa.

E con le sue decisioni, censurate per l’appunto nel merito ma anche nel metodo (là dove ha prospettato una fretta poi smentita da tempistiche d’intervento non altrettanto rapide), ha messo indirettamente a nudo una serie di cose fatte male o meglio non fatte (come alcune manutenzioni strutturali già inserite in precedenti piani di cantiere e trasformate alla fine in opere straordinarie di massima urgenza) anche da chi era venuto prima di lei.

L’Anticorruzione di Raffaele Cantone sistema una pietra sopra l’operato, più corretto è dire sopra una precisa parte di esso, attribuito a Maria Giulia Picchione quand’era soprintendente ai Beni architettonici e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia.

A un anno dalla comunicazione di chiusura dell’istruttoria da parte dell’Ufficio vigilanza lavori dell’Authority, che allora presupponeva la possibilità per Picchione di replicare con delle controdeduzioni più un’eventuale audizione in prima persona, ora infatti arriva la delibera finale del Consiglio della stessa Autorità nazionale, che boccia in sostanza il modo in cui l’ex soprintendente assegnò tra fine 2012 e fine 2013 a una sola ditta specializzata in interventi di restauro monumentale (la Lepsa Srl di Roma) ben quattro opere per quasi un milione di denaro pubblico: un paio sulle mura di Palmanova, una terza sul tetto di Palazzo Clabassi, sede udienese della Soprintendenza e una quarta per la manutenzione straordinaria di Casa Bartoli di Aquileia.

E i rilievi sono tali che, nell’ultimo punto di tale provvedimento, è previsto letteralmente «di mandare la segnalazione del caso alla Procura regionale della Corte dei conti».

Il cuore dell’istruttoria, nata da una segnalazione del 2014 da parte dell’Ance Fvg, l’Assocostruttori del Friuli Venezia Giulia, a quel tempo per la cronaca sugli scudi per l’asserita rigidità di Picchione sui permessi edilizi soggetti al giudizio delle Belle Arti, pulsa attorno al concetto ormai famoso della cosiddetta «somma urgenza», ovvero all’opportunità normativa di derogare dalle selezioni pubbliche di prassi e di individuare d’imperio l’appaltatore ideale per risolvere un problema che non può aspettare: un problema che, nei casi qui contestati a Picchione, si chiamava sicurezza, «pubblica incolumità».

Opportunità normativa - si legge in particolare nella delibera dell’Anticorruzione firmata dal presidente Cantone a marzo - cui è mancata «nel caso di specie» una «corretta applicazione», «sottraendo degli affidamenti ad un confronto competitivo».

«Per giurisprudenza ormai consolidata - aggiunge la delibera - è infatti illegittimo il ricorso a tale procedura nel caso in cui l’urgenza sia sopravvenuta per comportamento colpevole dell’amministrazione, la quale, pur potendo prevedere l’evento, non ne abbia tuttavia tenuto conto al fine di valutare i tempi tecnici necessari alla realizzazione del proprio intervento».

Ma, al di là di quella che è una censura rispetto a una sorta di abuso del ricorso alla «massima urgenza» per opere programmate da tempo (e talvolta non realizzate, a dirla tutta, di chi era venuto prima di Picchione), il provvedimento dell’Authority di Cantone muove un ulteriore rilievo: quello secondo cui determinate dichiarazioni di «somma urgenza» non sono state poi corroborate dalla celerità dell’intervento invocato appunto come urgente e non differibile.

«La circostanza - recita la delibera - che i lavori sono stati realizzati spesso con tempi molto posticipati rispetto alla dichiarazione di somma urgenza porta a ritenere che non ricorreva l’eccezionale situazione di pregiudizio per la pubblica incolumità e, pertanto, la Soprintendenza sarebbe potuta intervenire solo per opere provvisionali o comunque indispensabili al momento, rinviando a una fase successiva l’affidamento urgente mediante confronto
concorrenziale».

Morale: «sono stati violati, nei casi in esame, i principi della libera concorrenza, parità di trattamento e rotazione». Se non di una sola ditta, pur competente e di fiducia, evidentemente, ruotata di fatto su se stessa.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news