LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mose, la Camera vota "sì" alla decadenza di Galan da deputato
27 aprile 2016 LA REPUBBLICA


L'assemblea di Montecitorio si è pronunciata sull'ex governatore del Veneto ed ex ministro: 388 voti a favore, 40 contrari, sette astenuti. Verdetto che consegue al patteggiamento di una condanna a due anni e 10 mesi di reclusione, oltre a 2,6 milioni di multa, che ha fatto scattare la legge Severino. Galan intascò tangenti per favorire l'iter del sistema di barriere mobili a protezione di Venezia

ROMA - Giancarlo Galan decade dalla carica di deputato. La Camera ha votato con 388 voti favorevoli, 40 contrari, sostanzialmente del gruppo di Fi, sette astenuti. Nel seggio a Montecitorio subentra Dino Secco. Il voto dell'Aula è arrivato dopo il via libera della Giunta per le Elezioni, che si era espressa in favore della decadenza con il solo no del rappresentante di Fi. Per il coinvolgimento nella vicenda del Mose, dopo aver patteggiato, l'ex ministro di Forza Italia è stato condannato alla reclusione di due anni e dieci mesi e alla confisca dei beni per 2,6 milioni di euro. Condanna che Galan sta scontando ai domiciliari e che aveva fatto scattare la procedura per la decadenza prevista dalla legge Severino. Per "traffico di influenze illecite" in relazione al Mose, il 14 aprile è stato condannato a due anni e mezzo di reclusione Marco Milanese, ex consigliere politico di Giulio Tremonti.

I guai per Galan non sono ancora finiti. La Procura della Corte dei Conti di Venezia oggi ha chiesto la condanna dell'ex governatore del Veneto ed ex ministro a un risarcimento per danni di immagine da 5,2 mln di euro, sempre in relazione al Mose, presentata dopo che il suo patteggiamento era diventato definitivo. La Corte si è riservata di decidere. Nel corso dell'udienza, la difesa di Galan ha puntato sul fatto che, nonostante l'ormai ex politico sia stato presidente della Regione per 10 anni, gli eventuali reati sono prescritti dal 2008, mentre dal 2010 non era più governatore non essendo stato candidato. Successivamente, sotto il governo Berlusconi, Galan era stato prima ministro dell'Agricoltura, poi ai Beni culturali. La richiesta di danno di immagine è stata effettuata dopo che il patteggiamento di Galan è diventato definitivo.

L'allora governatore finì in carcere insieme ad altri 34 arrestati per la vicenda di dazioni legate alla realizzazione del Mose, il sistema di barriere mobili per proteggere Venezia dalle maree eccezionali. Galan fu chiamato in causa dai vertici del Consorzio Venezia Nuova (Cvn) - all'epoca guidato da Giovanni Mazzacurati e incaricato di realizzare il Mose - per aver intascato dazioni milionarie e favorire così l'iter burocratico dell'opera. A seguito dell'inchiesta, la giunta per le autorizzazioni della Camera diede il via libera all'arresto.

Dietro le sbarre del carcere milanese di "Opera", Galan rimase per 80 giorni: pur di ricongiungersi con la famiglia optò, almeno questa è la sua versione, per il patteggiamento. Fu quindi trasferito ai domiciliari e si accordò con la Procura di Venezia e il via libera del Gip Giuliana Galasso per una condanna a 2 anni e dieci mesi che sta scontando in una casa in affitto, dopo la richiesta respinta di affidamento ai servizi sociali.
Quanto al pagamento di 2,6 milioni di multa, per pagarla Galan ha sacrificato la dimora storica di Villa Rodella sui Colli Euganei cedendola allo Stato.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news