LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Privati italiani non sapete fare il vostro dovere per la cultura"
MARIA CRISTINA CARRAT
27 aprile 2016 LA REPUBBLICA



L'ex amministratore delegato della Fiat si dimesso dalla Scuola di Musica di Fiesole ed entrato nel consiglio d'amministrazione degli Uffizi



NESSUNO pu fare soldi da solo, e una parte di ci che si guadagna si ha l'obbligo morale di restituirlo alla societ. Obbligo poco sentito in Italia, dice Paolo Fresco, ex presidente e ad Fiat, uno dei pi influenti manager internazionali ma anche esperto d'arte e collezionista, presidente uscente della Scuola di Musica di Fiesole (per la quale ha raddoppiato di tasca propria l'importo delle borse di studio, ma da cui, oggi, dar le dimissioni: Seguo troppe cose, spiega, devo ridurre i miei impegni ). Membro del nuovo cda degli Uffizi ex riforma Franceschini, finanzia con 70 mila euro l'anno il progetto Muse per la diffusione delle arti nelle scuole, e ha stanziato 25 milioni di euro per la Fondazione per la ricerca sul Parkinson che ora porta il suo nome.

Perch in Italia il concetto del give back stenta a entrare nella mentalit sia dei privati che del pubblico? L'Art Bonus, un primo passo, ha avuto risultati scarsi.

Nei paesi a tradizione protestante l'iniziativa privata gode da sempre di grande prestigio, ma in Italia, nonostante il suo scarso senso dello Stato o forse proprio per questo, domina lo statalismo, complice l'egemonia culturale della sinistra. Ovvio che ne risulti attutito il senso di responsabilit sociale dei privati. Gli enti pubblici non possono pi, e sempre meno potranno, pensare a tutto. La vera sfida mettere insieme i due attori in nome del bene comune. E' anche un modo per chiamare tutti a sentirsi cittadini, a far corrispondere oneri e onori. L'Art Bonus era una buona idea, ma il meccanismo, come al solito, pensato pi per evitare abusi che per favorire gli interventi, pieno di vincoli, con un limite di deduzione troppo basso per chi pensa in grande, e insomma non premia abbastanza chi vuole fare qualcosa.

C' chi teme che l'apertura ai privati condizioni le scelte politiche sulla cultura.

Nessuno pensa certo di mettere tutto in mano ai privati, il cui ruolo deve restare suppletivo. Al pubblico, fiduciario del patrimonio culturale per conto dell'umanit, spetta quello principale, di controllo e tutela. Ma non ha senso considerare il rapporto come antagonistico. Tutti i grandi musei del mondo sono cofinanziati da pubblico e privato, e si guardano i risultati. Non mi sembra che al Moma si facciano scelte culturali mirate su interessi privati. La presenza dei privati, semmai, garantisce il rigore economico della gestione .

Sarebbe favorevole alla concessione onerosa di spazi degli Uffizi per eventi e attivit private?

Occorre valutare il rapporto costi/benefici con elasticit e senza dogmatismi. Commercializzare troppo gli spazi significa svilire il patrimonio, ma va evitato l'elitarismo, altro difetto della sinistra storica. Una cena di gala pu far entrare nel museo persone che non l'hanno mai visto e possono sentirsi spinte a sostenerlo. Fra l'altro, il contributo del privato, che pretende rigorosi rendiconti, impone un buon uso dei soldi, mentre la gestione gerarchica dei fondi pubblici rischia la scarsa trasparenza.

Lei l'unico rappresentante del mondo privato nel cda degli Uffizi. Idee da proporre?

S, e molto pratica: migliorare l'accessibilit al museo diversificando i percorsi, con pi ingressi e pi uscite, a seconda di quello che si vuole vedere. Nei grandi musei, come il Louvre, gi cos. Servirebbe anche per ridurre le code.





news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news