LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-I caschi blu italiani della cultura pronti per Palmira
Flavia Amabile
Stampa, 29/04/2016

Terminato a Roma il training dei primi trentuno esperti da impiegare nelle aree colpite da guerre o catastrofi per recuperare il patrimonio archeologico e artistico



Da oggi l’Italia è pronta. 31 caschi blu sono stati formati e sono in condizioni di partire. Possono andare a Palmira dove ora che l’Isis si è ritirata bisogna recuperare i templi abbattuti, le torri romane fatte esplodere, l’arco di trionfo polverizzato. E possono andare ovunque sarà richiesto il loro intervento.
Sono i primi al mondo a potersi definire ufficialmente caschi blu, sono in 31 tra architetti, storici dell’arte, restauratori, archeologi e carabinieri esperti. Sono tutti professionisti nel loro settore di competenza ma tutti volontari: nessuno offrirà loro promozioni o aumenti di stipendio per aver accettato di mettersi a disposizione in caso di bisogno. E nessuno dovrà vedere i loro volti e conoscere i loro nomi. «Devono operare in situazioni particolari, bisogna evitare che diventino oggetto di rappresaglie», avverte il generale di brigata Mariano Mossa, comandante del Nucleo dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.
I primi magnifici 31 sono stati selezionati tra i principali esperti tecnico-scientifici degli istituti centrali del ministero dei Beni Culturali e i migliori elementi dei carabinieri che si occupano di Tutela del Patrimonio. In base all’intesa firmata a febbraio con l’Unesco si tratta di una task-force che dovrà intervenire nelle aree di crisi per la tutela della cultura o dell’arte danneggiati o a rischio per effetto di terremoti, guerre e calamità di ogni tipo. Non bastava quindi l’esperienza che molti hanno già maturato. C’è chi è stato in Afghanistan, chi in Nepal, chi in Abruzzo e Emilia per recuperare il patrimonio. Per la prima volta gli esperti degli istituti centrali del ministero sono stati selezionati e formati. Dopo aver inviato la loro candidatura, hanno superato visite mediche, quindi hanno innanzitutto frequentato quattro giorni di addestramento a Livorno, un corso curato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa in collaborazione con i carabinieri del Tuscania. I più fini conoscitori delle tecniche di restauro di preziosi libri antichi o di affreschi hanno imparato le procedure di primo soccorso, come pianificare e affrontare viaggi in sicurezza, come comportarsi in caso di rapimento.
«E’ stato molto utile - racconta uno di loro, un architetto che è stato in passato a lungo in Afghanistan e Nepal - Anche se abbiamo esperienza di luoghi difficili ora sappiamo di dover prestare attenzione ad alcuni dettagli che potrebbero sembrare insignificanti e invece non lo sono».
Da tre giorni sono in una caserma dei carabinieri a Trastevere, a Roma, per seguire l’ultimo corso. «È il primo corso di qualificazione “Unite For Heritage” al mondo - spiega il generale Mossa - al termine saranno i primi a poter essere definiti caschi blu». Carabinieri e esperti del Mibact stanno studiando insieme le leggi, le convenzioni e il contesto internazionale in cui dovranno operare.
Il corso termina oggi con la consegna degli attestati. A questo punto l’Italia è pronta, il prossimo passo spetta all’Unesco con la stesura definitiva del protocollo e delle regole d’ingaggio, quindi con la richiesta d’intervento in una località del mondo e la formazione del gruppo in base al tipo di operazione da effettuare. Ultimo passaggio prima della partenza: una formazione di alcuni giorni per amalgamare la squadra.
«L’Italia si pone come un modello in questo campo», avverte il generale Mossa. Nessuno finora ha attivato una task force di questo tipo. A Bruxelles dieci giorni fa l'idea lanciata un anno fa dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha avuto i complimenti del commissario europeo per l’Istruzione e la cultura, Tibor Navracsics, con l’augurio che «altri si aggiungano» agli uomini messi a disposizione dal governo italiano.
Difficile dire che cosa faranno gli altri Stati. Per l’Italia però questo è solo l’inizio, assicura Antonia Pasqua Recchia, segretario generale del Mibact. «I 31 esperti che sono stati formati a questo punto sono le persone più pronte e adatte ad intervenire. Ma nulla esclude un ampliamento del gruppo di esperti».
Le richieste non mancano, a dispetto della volontarietà dell’incarico. «Chi si occupa di beni culturali per l’amministrazione pubblica non lo fa per soldi, non è un lavoro in cui ci si arricchisce - spiega uno dei magnifici 31 -. È un settore in cui prevalgono la passione e lo spirito di servizio nei confronti di una comunità, la soddisfazione di sapere di aver contribuito a ricreare l’identità culturale di un popolo colpito da una calamità».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news