LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI-Casa Corriere ai Girolamini: qui una scuola di filologia e recupero dei libri
Natascia Festa e Valeria Catalano
Corriere del Mezzogiorno, 28/04/2016

L’annuncio del procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli. E il regista Marco Bellocchio pensa a un film.


La vertigine della bellezza, l’odore della carta antica, una «rete» di persone che la abitano per un pomeriggio con stupore e gratitudine. È un luogo straordinario quello che ha ospitato l’anteprima degli incontri di «CasaCorriere/La libertà delle idee». La rassegna curata dal Corriere del Mezzogiorno, che rientra nelle celebrazioni per i 140 anni del Corriere della Sera, parte dalla magnifica Biblioteca dei Girolamini. Ed è proprio il Corriere del Mezzogiorno ad aprire eccezionalmente la sala Vico e le altre della biblioteca del complesso monumentale finito sotto sequestro nel 2012, dopo il saccheggio di circa duemila libri.
Solo il primo di una lunga serie di luoghi prestigiosi della città che per un giorno di volta in volta diventeranno «Casa Corriere». Come ha scritto il direttore Enzo d’Errico nel suo editoriale «è il tentativo di portare un giornale oltre l’angusto perimetro della redazione, il desiderio di aprire le finestre e far entrare aria nuova nelle stanze, l’ambizione di essere parte di una comunità più ampia di quella che le nostre pagine possono contenere».
E per l’anteprima di «Casa Corriere» successo strepitoso e «sold out». Si è discusso di «Futuro della memoria» in un luogo che per il Corriere del Mezzogiorno ha tra l’altro un forte valore simbolico: la Biblioteca dei Girolamini, un gioiello d’arte e cultura d’inestimabile valore depredata e ora in via di rinascita proprio grazie alla denuncia portata avanti dal giornale.


Una scuola di filologia e recupero dei libri
L’apertura straordinaria si deve al procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli ed è stata realizzata con la collaborazione della Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Polo Museale della Campania. Il primo a parlare dopo l’introduzione del direttore d’Errico, è proprio Piscitelli: «Tutta la biblioteca era un corpo di reato - dice - Ho dovuto per forza metterla sotto sequestro. Erano confluiti qui anche libri sottratti altrove. Al massimo tra un anno riapriremo, forse meno, dipende dalle risorse che avremo a disposizione». Ed intanto un grande annuncio e una bellissima notizia. Sono in corso «trattative per creare proprio qui una Scuola di filologia e di recupero e digitalizzazione dei libri, in collaborazione con il Dipartimento di studi umanistici dell’Università degli studi di Napoli Federico II».

Ricucire il rapporto tra cittadini e beni museali
Rossana Rummo, direttore generale biblioteche e istituti culturali del ministero per i Beni e le attività culturali e Mariella Utili, soprintendente del Polo Museale di Napoli sono state intervistate da Paolo Conti, giornalista del Corriere della Sera. Si ricorda Umberto Bile curatore della pinacoteca scomparso. Per Mariella Utili «entrare in posti come questi potenzia la tutela perché vengono conosciuti e quindi amati e nasce spontaneo il desiderio di prendersene cura». «Stiamo ricucendo il rapporto tra cittadini e beni del polo museale - aggiunge - configurazione nuova voluta dalla riforma. In alcuni musei abbiamo raddoppiato i visitatori aumentando le attività». Stimolata da Conti Rossana Rummo racconta invece il legame tra memoria cartacea e digitale.

Digitale
E sul digitale arriva il contributo di Giorgia Abeltino di Google Cultural Institute e Google Italy: «Il futuro della memoria passa per il digitale - spiega - Ho diretto il progetto di digitalizzazione delle biblioteche tra cui quella di Napoli. Qui quasi centomila volumi messi online e consultati da oltre sei milioni di lettori in tutto il mondo, un numero enorme che non immaginavamo». Al dibattito anche Sebastiano Maffettone, consigliere alla Cultura della Regione Campania: «Investire in cultura è una nostra scelta - dice - Collegare i siti più visti con quelli bellissimi ma meno visitati, tipo Santa Maria Capua Vetere. È una cosa che sappiamo fare come la cucina».

E Bellocchio pensa a un film
E pure il regista Marco Bellocchio interviene con un’idea che subito entusiasma la platea: «Appartengo a una generazione che legge ancora i libri - dice - Poi lessi del saccheggio dei Girolamini che finalmente oggi scopro. Il mio mestiere è il cinema e la storia del saccheggio della biblioteca sarebbe un fantastico soggetto per un film. C’è tutto: un ladro, i complici, i preti, dei piccoli eroi... Mi meraviglio che nessuno ancora l’abbia fatto». «Ne farei una storia corale - aggiunge - Certo il ladro, ma anche preti e queste strane confraternite...».

Non solo dibattito. «Casa Corriere» è anche spettacolo. Una voce dal buio restituisce l’impasto linguistico dell’attore e scrittore Mimmo Borrelli. Grande vibrazione ella Sala Vico. Il direttore Enzo d’Errico intervista il sulfureo drammaturgo. Ed è subito siparietto. «Una lingua così aspra e promiscua è entrata nei templi del teatro» pungola d’Errico e Borrelli: «Io vengo dai Campi Flegrei, i Cumani fondarono Napoli quindi i cafoni non siamo noi ma voi... Scherzo ovviamente». Poi dà un saggio di dialetti flegrei e cita il poeta Michele Sovente: «Vado spesso a ubriacarmi con i vecchi dei Campi Flegrei e mi raccontano storie che poi si fondono con i miei demoni». Il Virgilio di Casa Corriere? Sarà un altro scrittore, Maurizio de Giovanni. «Con il giornale bisogna raccontare la città ai napoletani perché quando prendiamo in mano un quotidiano le notizie già le sappiamo- spiega - Come la storia di questo luogo che ha subito una violenza carnale, uno stupro. Io racconterò quello che le pietre assorbono. Di luogo in luogo per Casa Corriere».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news