LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Vuole donare i suoi libri, alla Lombardi dicono: «No grazie»
Francesca Mandese
Corriere del Mezzogiorno - Bari 1/5/2016

Luigi Buonvino, bancario in pensione di Bari, è rimasto colpito dalla denuncia del Corriere sullo stato di abbandono della biblioteca della scuola media «Lombardi» al quartiere San Paolo. Ha deciso, allora, di donare una enciclopedia. Quando si è presentato a scuola, però, gli è stato risposto che il sindaco non ha autorizzato l’istituto ad accettare donazioni. Buonvino è tornato indietro con il suo carico, di libri e di delusione. L’assessora Paola Romano, però, assicura che non esiste alcun divieto.

BARI. Si presenta a scuola con una valigia piena di libri da regalare, ma lo rispediscono indietro con tutto il suo carico. È successo a Luigi Buonvino, settantunenne barese, dirigente in pensione del Banco di Napoli. Dopo aver letto gli articoli del «Corriere» sulla biblioteca della scuola media «Lombardi» e, soprattutto, dopo aver visto le fotografie di quella bella struttura vuota e desolata, Buonvino ha deciso di fare la sua parte, ma non è andata come sperava. Un’impiegata della scuola gli ha risposto che non erano autorizzati dal sindaco a ricevere donazioni.

«Sono rimasto davvero malissimo», dice Buonvino, che poi racconta nel dettaglio la storia di quella donazione fallita. «Ho seguito sul vostro giornale — spiega — la vicenda della scuola media Lombardi. Negli articoli si descriveva lo stato della biblioteca — della quale non conoscevo l’esistenza —, che nonostante la grande quantità di denaro pubblico speso, giace nell’incuria più totale. L’articolista sollecitava tutti, anche i privati, a conferire libri e quant’altro sia utile a una biblioteca».

Buonvino, che di libri ne possiede davvero tanti, si è ricordato di avere anche una enciclopedia a fascicoli rilegata in sei volumi che conserva in condizioni pressoché perfette. «Confesso — dice — che a causa del poco tempo libero a disposizione non l’ho consultata di frequente». Ha pensato che potesse essere utile in una scuola e ha deciso di sistemare i volumi in un trolley. Ha caricato la valigia in auto e si è diretto da Poggiofranco, dove risiede, a San Paolo, destinazione scuola «Lombardi». «Mi creda se dico che l’enciclopedia pesa non meno di 15 chili perché i volumi sono molto grossi», aggiunge Buonvino.

«Volevo che la mia donazione rimanesse anonima — prosegue —. Al mio arrivo mi sono rivolto a una bidella, che si è limitata a sorridere e fare spallucce. Si è poi recata in segreteria, ma pare che nemmeno lì sapessero cosa rispondere. Allora, ho insistito per poter parlare con qualcuno ed è arrivata una signora, credo dalla segreteria, che ha ripetuto di dover chiedere informazioni. Ho pensato che avesse bisogno di consultarsi con la dirigente scolastica. Dopo qualche minuto, la signora è tornata e mi ha riferito che il sindaco non ha autorizzato l’istituto ad accettare libri. Le ho detto che comunque l’enciclopedia avrebbero potuto ritirarla nell’attesa dell’autorizzazione, ma niente da fare. A quel punto, ormai rassegnato, mi sono nuovamente sobbarcato del peso della valigia e sono andato via». Buonvino, però, non si arrende. Quella donazione intende proprio farla. «Se la Lombardi non vuole i miei libri, li porterò in un’altra scuola. Ciò nonostante, non mi ritengo offeso e se la dirigente di quella scuola dovesse cambiare idea, sono pronto a tornare. È anche possibile che la preside non sappia nulla delle mie intenzioni e spero che il vostro giornale possa aiutare me e altri come me che vogliono contribuire a diffondere la conoscenza e la cultura».

Buonvino, dunque, non sa se la dirigente della scuola «Lombardi», Giusy Pastore, sia stata realmente messa a conoscenza della sua volontà di donare dei libri. Di sicuro, però, la risposta data dall’impiegata non è corretta. E lo spiega l’assessora comunale all’Istruzione, Paola Romano. «Le scuole — dice — sono libere di accettare qualsiasi cosa, e del resto già lo fanno. Non è necessaria alcuna autorizzazione da parte del sindaco o dell’amministrazione, come è stato riferito al signore. È vero che non abbiamo ancora completato il progetto che regolamenterà i lasciti alle biblioteche scolastiche, ma ciò non impedisce a nessuno di cominciare ad arricchire il patrimonio librario. Conosco dirigenti scolastici che percorrono centinaia di chilometri per andare a recuperare libri da destinare alle biblioteche. Per quanto mi riguarda, la scuola poteva benissimo accettare quella donazione e forse è ancora in tempo a rimediare al rifiuto».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news