LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi, ecco lo scalone che taglia tempi e costi
Marzio Fatucchi
Corriere fiorentino 1/5/2016

Più vicina la fine dei lavori, si torna al progetto Godoli di vent’anni fa

Uffizi, ritorno al futuro. Per risolvere il vero nodo del completamento dei «Nuovi Uffizi», cioè l’uscita che rende completamente utilizzabile tutto il complesso, raddoppiandone gli spazi museali, l’idea del futuro arriva dal passato. Al posto dello scalone e dell’ascensore sopra all’antica chiesa di San Pier Scheraggio (che si trovava di fronte a Palazzo Vecchio, su via della Ninna), opera invasiva e costosa, è stato deciso di usare un’idea progettuale nata venti anni fa, nel primo masterplan degli allora «Grandi Uffizi», sotto la soprintendenza di Antonio Paolucci, da Antonio Godoli, ancora oggi architetto agli Uffizi. Una semplificazione grazie all’uso di una corte, quasi invisibile se non dall’alto, presente tra il muro degli Uffizi su piazza Castellani e l’edificio che costeggia via della Ninna.

«Una scala ricoperta da vetro, nel vuoto di questa corte. Comprende scale e ascensori. Un volume che ha il pregio di essere reversibile» spiega lo stesso Godoli. Una soluzione minimale, ben meno costosa del progetto di «bucare» la volta di San Pier Scheraggio (e delicato, dovendo intervenire sulla struttura di una chiesa su cui è stata poggiata la nuova struttura del Vasari) e anche più veloce. Qualcosa del genere «è stato fatto a Madrid al Reina Sofia. Due torri di vetro e ferro — insiste Godoli — un’idea nata quando fu fatto il masterplan con il soprintendente Paolucci, prima del progetto attuale cominciato nel 2005». Insomma, dopo venti anni dal primo progetto e dopo 10 dall’inizio dei cantieri, si torna ad una soluzione meno invasiva. Sperando che così questi lavori infiniti, con molti stop&go , fasi di stallo (anche durante le inchieste sui grandi lavori), finanziamenti arrivati per lungo tempo al lumicino, si concludano e si realizzi il progetto che dovrebbe rendere i Nuovi Uffizi un museo di livello europeo anche per la logistica e l’organizzazione.

L’aumento degli spazi espositivi, rispetto a dieci anni fa, potrebbe passare dai 7 mila ai 15-20 mila metri quadrati. Aumenta anche la capacità, ma in questo caso non si tratterà di un raddoppio. Finiti i lavori, non si potrà andare oltre ai 1.200 visitatori in contemporanea: un terzo in più di adesso. La capacità, ovviamente, è legata non agli spazi complessivi ma ai «varchi di sicurezza». E quindi si torna all’uscita.

Oggi il premier Matteo Renzi annuncerà l’elenco delle opere strategiche della cultura da finanziare con un miliardo di euro. E ormai è certo che nella lista ci saranno i 40 milioni degli Uffizi, anche se scaramanticamente il sindaco Dario Nardella continua a dire: «Incrociamo le dita». Fondi che serviranno per il completamento dell’ala di Levante compresa di bookshop, nuovo guardaroba, manutenzione delle coperture e nuovi allestimenti (e ovviamente l’uscita). Ma fuori ci sarà o no la Loggia di Isozaki, il progetto vinto dall’archistar giapponese ormai nel ‘98 e da allora rimasto bloccato per i dubbi dei vari governi che si sono succeduti?

«Questo riguarda gli uffici del ministero e le sopraintendenze, a me risulta che 40 milioni servano per completare tutti i nuovi Uffizi, a parte il Corridoio vasariano e la Loggia. Poi su come articolare, gestire questi capitoli, non è compito del Comune» spiega Nardella. Insomma, sarà Roma a decidere. E di tempo ce n’è, considerando che siamo a metà dei lavori. Anche se ci dovesse essere un’accelerata, si parla di anni, oltre un lustro. Nardella aveva affidato a Stefano Boeri una «verifica» del progetto di Isozaki, che lui considerava superato. E anche l’ex sindaco ora premier Renzi aveva ipotizzato un «ponte» tra l’uscita degli Uffizi e l’ex Capitol, immobile che la Camera di commercio di Firenze ha provato a vendere non ricevendo nessuna offerta. Sarebbe un ampliamento del Museo stesso, l’abbattimento o l’adeguamento del Capitol consentirebbe un grande intervento di architettura contemporanea. Ma servirebbero altri fondi ed un altro concorso internazionale (dopo aver pagato la penale per la mancata realizzazione della Loggia a Isozaki).



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news