LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Spunta una banlieue medievale nel giardino di Porta San Donato
PAOLA NALDI
03 maggio 2016 LA REPUBBLICA




LA BOLOGNA medievale aveva la sua banlieue a Porta San Donato, e dove oggi si muovono giovani studenti universitari, tra il Museo di mineralogia Bombicci e le aule del dipartimento di Fisica, nel XIII secolo si insediavano i nuovi abitanti della citt. Un quartiere periferico, molto modesto, stava sorgendo poco oltre la cerchia delle mura, specchio della crescita demografica, sociale e culturale del tempo. Un rione di cui si erano perse le tracce ma che ora sta ritornando alla luce grazie ad un nuovo scavo archeologico.

Il cantiere stato aperto da qualche tempo dalla Soprintendenza, in accordo con Enel e Tper, nel punto in cui sorger una nuova cabina elettrica di servizio al Crealis. Gi cinque anni fa abbiamo portato avanti i primi sondaggi preventivi per il progettto della cabina elettrica spiega Renata Curina che segue i lavori per conto della Soprintendenza -. Siamo arrivati ad una profondit sufficiente per incontrare anche i resti pi antichi, di epoca romana, che hanno messo in luce un'antica strada che collegava il centro alla campagna.

Non sempre l'archeologia urbana regala grandi ritrovamenti, oggetti da museo o reperti preziosi, ma ogni scavo aggiunge un tassello alla storia della citt, scrivendo pagine di cronaca di vita quotidiana in cui i protagonisti sono persone comuni, e non necessariamente nobili e guerrieri.

I ritrovamenti di queste abitazioni medievali-rinascimentali sono significativi perch ci mostrano un quartiere che non conoscevamo quasi per niente, composto da edifici feudatari prosegue l'archeologa -. Sono costruzioni povere, quasi interamente costruite in legno ma raccontano come la citt si espandesse in questa direzione. Poi, successivamente, l'intera area stata rasa al suolo per fare spazio a edifici pi importanti.

Quella che sta emergendo la parte pi superficiale ma gli scavi, per costruire le paratie della cabina, andranno in profondit arrivando quindi alle stratificazioni di epoca romana. Probabilmente non ci saranno grandi sorprese, anche perch c' uno spesso strato di terreno alluvionale che ricopre la parte pi profonda, segno di una modifica morfologica importante sottolinea Curina -. La strada romana era quasi certamente una via secondaria il cui tracciato si perso nei secoli successivi. Per ora negli edifici medievali non troviamo affacci importanti sulla via: in fondo siamo solo in prossimit di via Zamboni, che era una strada di rilievo.

Tra la fine di maggio e gli inizi di giugno dovrebbero essere completati gli scavi della parte medievale ma la Soprintendenza non si sbilancia sui tempi di conclusione dei lavori. Non avendo grandi informazioni sulla sequenza stratigrafica non mi sbilancio conclude l'archeologa -, intanto c' da studiare un nuovo quartiere della citt.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news