LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dalla sfida della Grande Brera al recupero dell'Aquila un miliardo per la cultura
Sara Grattoggi
03 maggio 2016 LA REPUBBLICA



IL PIANO DEL MIBACT: 33 PROGETTI FINANZIATI IN 13 REGIONI

Dai gioielli del centro storico dell'Aquila, dove le ferite del terremoto sono ancora aperte, al sogno della Grande Brera, che dopo decenni dovrebbe finalmente diventare realtà. È dedicato ai grandi progetti incompiuti, «che aspettavano da anni chiusi nei cassetti», il miliardo di euro destinato dal Cipe alla cultura. «Risorse già disponibili per interventi che partiranno subito », assicura il ministro ai Beni Culturali, Dario Franceschini, che parla del «più grande intervento sul patrimonio culturale della storia repubblicana». Trentatré i progetti finanziati grazie al Fondo Coesione e Sviluppo 2014-2020 in 13 regioni, con la Campania a fare la parte del leone. Nuove risorse arriveranno, infatti, per Pompei (40 milioni), per il restauro delle domus di Ercolano (10 milioni), per Paestum (20 milioni) e per il Parco archeologico dei Campi Flegrei (25 milioni). Ma anche per la Reggia di Caserta (40 milioni), per il museo archeologico di Napoli (20 milioni) e per quello di Capodimonte (30 milioni), «che dal primo maggio — ha ricordato Franceschini — è collegato al centro dalla navetta dell'arte e con le sue 6mila opere rappresenta un'enorme risorsa per Napoli».

All'Aquila, a ormai sette anni dal terremoto, 30 milioni serviranno per terminare il restauro delle mura, del Duomo e di S. Maria a Paganica, mentre — sempre per recuperare i beni danneggiati dal sisma, questa volta dell'Emilia — 70 milioni saranno destinati al Ducato Estense. Fra gli interventi più attesi, il completamento della Grande Brera (40 milioni), più vicino grazie all'accordo raggiunto per spostare una parte dell'Accademia nella Caserma Mascheroni. Ma anche il completamento dell'Auditorium di Firenze (60 milioni), dei Nuovi Uffizi e la valorizzazione del percorso che collega il museo a Palazzo Vecchio attraverso il Corridoio Vasariano (40 milioni). Altrettanto sospirato, l'allestimento dell'Ala Cosenza della Galleria nazionale d'arte moderna di Roma, inutilizzata da anni (15 milioni). Mentre sempre nella capitale sarà finanziato con 40 milioni uno dei più ambiziosi progetti dedicati alle periferie: la riqualificazione dell'ex complesso militare Cerimant di Tor Sapienza, con i suoi capannoni progettati dalla scuola di Nervi. Un magnifico esempio di archeologia industriale, che Franceschini sogna di trasformare in un polo d'arte e creatività, sul modello del celebre "104" di Parigi.

Settanta milioni sono destinati, invece, al restauro dell'ex carcere borbonico di Santo Stefano (Ventotene), simbolo della resistenza antifascista e degli ideali europeisti di Altiero Spinelli, che fra quelle mura, insieme a Ernesto Rossi e Ursula Hirschmann, scrisse il Manifesto di Ventotene, documento embrione dell'Europa. Di isola in isola, si arriva alle Tremiti, con il recupero da 20 milioni del convento sull'isola di San Nicola. Ma fra le «grandi sfide » ci sono anche il rilancio del Porto Vecchio di Trieste (50 milioni) e il restauro della Cittadella di Alessandria, per cui 25 milioni però non basteranno. Finalmente si recupereranno, inoltre, gli spazi dell'ex Arsenale alla Maddalena (15 milioni), simbolo degli sprechi del G8, mentre a Genova 15 milioni saranno destinati al nuovo waterfront disegnato da Renzo Piano. E ancora: il completamento del Museo nazionale dell'ebraismo e della Shoah in costruzione a Ferrara (25 milioni) e gli interventi al Palazzo Ducale di Mantova, sulle Cavallerizze e i Musei Reali di Torino, al Museo d'arte orientale di Venezia, così come a Palazzo Barberini a Roma.

Venti milioni andranno, infine, ai Cammini di San Francesco e Santa Scolastica, così come alla Via Francigena e all'Appia Regina Viarum, per valorizzare l'antico tracciato che da Roma conduceva a Brindisi. Anche se la responsabile dell'Appia Antica per la Soprintendenza di Roma, Rita Paris, fa notare che «solo nel tratto romano, per restauri e acquisizioni di monumenti oggi in mano a privati desiderosi di vendere, servirebbero 22 milioni». «Ancora una volta, in Italia si punta su progetti straordinari mentre non si riesce a far funzionare l'ordinaria amministrazione», commenta l'archeologo e storico dell'arte Salvatore Settis. «Ci sono centinaia di monumenti da salvare che mancano in questo piano. Mentre si concentrano ingenti risorse su pochi interventi, le soprintendenze non hanno nemmeno personale sufficiente. E anche le 500 assunzioni annunciate da Franceschini non saranno che una goccia nel mare».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news