LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Quello che non fecero i barbari e i Barberini lo fecero Renzi e Franceschini
Michele Mauri
www.rivistanatura.com, 04/05/2016

La parola d’ordine è evento. Che già di per sé è orribile. Figuriamoci poi quando è associata a location.
Eppure l’Italia intera è diventata un’immensa location per eventi. Aree archeologiche e musei, palazzi storici e chiostri sono utilizzati per ospitare feste private di ogni tipo: aperitivi, matrimoni, convention aziendali, vernissage, incontri politici.

Servono profitti, è l’altra parola d’ordine. Quindi avanti con chiusure temporanee, parziali e totali, di spazi pubblici. Chiusure che ne penalizzano il libero godimento.

Poi ci sono i beni demaniali d’Italia da mettere in vendita: fari, torri e fortificazioni militari. Un’asta per nuovi ricchi, ancora attratti dal fascino residuale del Belpaese.

Generazioni di viaggiatori colti, letterati e pittori, sono venuti da noi perché stregati dal mito del “Giardino d’Europa”. Ci venivano per Giotto e Michelangelo, per i templi di Agrigento e le rovine di Pompei, per i capolavori fiorentini e i Fori Romani. E per il paesaggio, sublime cornice dei capolavori d’arte universali. Come pensare alle ville palladiane senza la campagna veneta, a San Gimignano senza la serenità dei colli toscani, alle Cinque Terre avulse dalla cornice del mare e dei terrazzamenti? Oggi, invece, l’Italia è offerta come un luogo dove vivere una luxury experience. Altra espressione terribile, da catalogare nella lista di quelle che non andrebbero mai pronunciate, insieme a eventi e location.

Lo Stato è sempre meno garante della nostra storia, delle nostre tradizioni, della nostra stessa identità. E la politica degli ultimi anni sta trasformando la cultura da bene comunitario in risorsa per pochi.

Per dire sì a una Repubblica che «tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione», e cioè che lo mantiene, lo restaura, lo rende accessibile a tutti e non lo mercifica; per dire no alle scelte di Matteo Renzi e Dario Franceschini, no alla distruzione sistematica della salvaguardia attraverso il silenzio assenso delle soprintendenze e la confluenza di queste ultime in uffici diretti dalle prefetture, e cioè dal governo stesso; no alla norma del silenzio-assenso contenuto nella Legge Madia che fa scontare all’ambiente e al paesaggio prezzi altissimi; per chiedere di introdurre l’insegnamento curricolare della storia dell’arte dal primo anno della scuola superiore; per chiedere che si rinunci all’idea di smembrare i Parchi nazionali, che si rinunci al loro depotenziamento, che si nominino presidenti e direttori di livello nazionale e non più esponenti locali; per tutte queste e altre ragioni ancora è stata indetta la manifestazione nazionale “Emergenza cultura” il prossimo 7 maggio, in piazza Barberini, a Roma. È un appello in difesa dell’art. 9 della Costituzione aperto a tutti coloro che condividono l’analisi e le proposte contenute in questo manifesto.

C’è chi vuole “valorizzare” il Paese, con peripezie e goffaggini da fare invidia al Totótruffa che vende la fontana di Trevi. E chi vuole continuare a proteggerlo e amarlo. È importante scegliere da che parte stare.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news