LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI- «I restauri a Napoli e lo scandalo Monumentando», la denuncia di Brancaccio
Marisa La Penna
Mattino, 05/05/2016

La denuncia arriva nel corso di una conferenza stampa indetta dall'avvocato Gaetano Brancaccio, presidente dell’ Associazione Mario Brancaccio. «Il restauro di ventisette monumenti affidato dopo una gara del Comune è stato trasformato in un pretesto per fare pubblicità. Il recupero doveva essere completato in sessanta giorni. Invece molti di quesi monumenti dopo dieci mesi sono ancora impacchettati» ha dichiarato Brancaccio che ha indetto l'incontro con i giornalisto insieme con il consigliere comunale Gennaro Esposito.



Questa la denuncia di Brancaccio: «Il Comune ha pubblicato una gara in data 16 settembre 2013, per la quale entro il 25 novembre 2013 le imprese che dichiaravano interesse a partecipare dovevano mappare le superfici di 27 enormi monumenti (l’offerta poteva riguardare solo la totalità dei beni culturali e non lotti singoli), con problematiche di restauro e materiali lapidei della natura più disparata, cercando di capire, quindi, per aree di intervento di natura assolutamente eterogenea e pari a centinaia di migliaia di metri quadri, tutta la natura complessa ed articolata del restauro necessario. Dopo aver compiuto questa mappatura così complessa ed articolata ed aver capito quindi la natura ed i costi necessari ad eseguire un restauro conservativo a perfetta regola d’arte per tutti i 27 monumenti, l’impresa doveva poi calcolare i costi per tutti i gradi delle progettazioni, per tutte le possibili variabili e varianti e quindi raffrontare questi costi con i possibili ricavi da ottenere dalla pubblicità. È di tutta evidenza che nessun imprenditore sano di mente poteva immaginare di correre in tempi così brevi tale “rischio di impresa” perché è impossibile per restauri così complessi e delicati ed in presenza di opere di tale valore monumentale e storico poter calcolare le reali spese di esecuzione del restauro».


« I monumenti in questione sono 27 tesori dell’arte internazionale di valore inestimabile consegnati ad una s.r.l. con capitale versato di 6mila euro. La nuova normativa sugli appalti prevede che tali tesori possano essere appaltati solo ad imprese di solidità assoluta ed iperspecializzate nella tutela, cioè con categoria tecnica OS2. Incredibilmente in questo caso il Comune ha aggirato la normativa sugli appalti e ha consegnato i beni ad una piccola impresa che si è solo occupata di vendere spazi pubblicitari. Riassumendo: in questo appalto non sono previste penali per i ritardi della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva che è tutta a carico e di responsabilità diretta della s.r.l. da 6mila euro a cui spetta incredibilmente anche la Direzione Lavori ed il Collaudo, come riportato dall’art. 8 del contratto di appalto. La Pubblica Amministrazione, e quindi i cittadini, non hanno alcuna tutela, non c’è un Direttore dei Lavori terzo, non c’è un collaudo dell’opera che possa tutelare gli interessi della collettività perché il collaudo è a cura della stessa impresa. Non esiste, quindi, né controllo né tutela per il Comune. Ma non è tutto. Quale conoscenza tecnica e quale garanzia può dare una società s.r.l. che si occupa di pubblicità, come si evince dal sito internet, che diviene assegnataria dell’appalto di comprendere la complessa problematica relativa a restauri di opere uniche al mondo? Quale garanzia può dare una s.r.l. di avere eseguito a perfetta regola d’arte le indagini conoscitive preliminari ai vari gradi di progettazione di restauri così delicati e complessi? Questa garanzia la può dare solo un’impresa iperspecializzata con categoria OG2 per la parte strutturale e OS2 per le superfici ornate e decorate della architettura, e cioè con comprovata esperienza nel campo del restauro monumentale, la sola in grado di poter eseguire a perfetta regola d’arte tutte le indagini conoscitive preliminari e poi a cascata tutte le progettazioni definitive ed esecutive».

«I nostri beni culturali - ha detto Brancaccio - sono come il petrolio, una risorsa inesauribile e inestimabile per lo sviluppo e la crescita pulita di Napoli e del suo tessuto sociale. Beni culturali e monumenti sono il nostro oro nero che fa da traino ad un turismo sempre più indispensabile per garantire un futuro ai giovani ed anche ai non giovani della nostra città. Un postulato ormai generalmente riconosciuto valido per tutti. Eppure qui in città questo assunto è un po’ più valido per la società che gestisce l’appalto di Monumentando».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news