LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La non tutela del lavoro con i beni culturali
Marcello Madau
Il Manifesto, 06/05/2016

I nodi della riforma. Territorio, valorizzazione, canonizzazione del volontariato... E un nuovo centralismo che rischia di espropriare la possibilità di governare dai luoghi e creare occupazione con la cultura e il patrimonio ambientale



Mentre Renzi e Franceschini riaprono il museo di Reggio Calabria con i bronzi di Riace e la canonizzazione del volontariato, diventa operativa una profonda riforma del sistema italiano della tutela – e del relativo ministero – che ha caratterizzato il Novecento. Riorganizzazione di uffici e istituti centrali e periferici, 22 «istituti dotati di autonomia speciale», valorizzazione di aree monumentali e dei musei organizzati in «Poli regionali» e separati dalle soprintendenze. Queste ultime scomparse nella forma singola, o mista, e unificate come «Soprintendenze archeologiche, belle arti e paesaggio».

La riforma avviene in un corpo sfiancato da decenni di tagli e mancate assunzioni, con provvedimenti gravi come il «silenzio-assenso» della «Legge Madia», che prevede in casi particolari l’intervento superiore dell’autorità prefettizia.
Ma la vera crisi non emerge nella rappresentazione prevalente tra fautori e critici della riforma, gli uni all’assalto della tutela gli altri alla sua difesa. I nodi sono su lavoro, valorizzazione, territorio. Emerge l’uso di tirocini, gratuità e volontariato sostitutivo, più che sussidiario; il centralismo sembra appartenere, in forme diverse, a critici e fautori. La crisi ha radici più profonde.

Il Ministero dei beni culturali e ambientali nasce agli inizi del 1975, dopo molto dibattito e con solide radici nella narrazione pubblica centralista, di matrice ottocentesca, dello stato italiano. Segue le rivendicazioni operaie e l’accesso ad una scolarizzazione democratica di fine anni Sessanta del Novecento. Il superamento della rarità e pregio nel riconoscimento dei beni culturali (come insegnò Bianchi Bandinelli) con nuovi occhi e intelligenze, amplia notevolmente il numero degli stessi beni. Le forze della tutela sono ben presto insufficienti per tutelare un patrimonio di molte decine di migliaia di unità. Uno squilibrio strutturale con fondi inadeguati. Si ricorre all’utilizzo sistematico e numericamente assai significativo dei cosiddetti collaboratori esterni, non di rado impiegati con sfruttamento e diffusa gratuità.

È proprio dalla relazione fra aumento di studiosi, impossibile assorbimento dello Stato e accresciute esigenze di lavoro su identità, analisi e valorizzazione dei luoghi che si forma la forza lavoro degli indipendenti. Questi lavoratori, radicati nei luoghi e ora riconosciuti nel «Codice dei beni culturali e del paesaggio» (art. 9bis), sono una forza di produzione preziosa, di ricerca, valorizzazione e beni comuni. È radicamento cognitivo nel paesaggio, da dove serve partire.

La tutela del paesaggio e il suo specificarsi in luoghi e segni culturali, comprendendoli, pretende unitarietà, e in questa direzione appare positiva l’unificazione delle soprintendenze. Sono piuttosto i modelli noti a essere inadeguati al patrimonio vasto. Servirebbe una territorialità della tutela radicalmente diversa, una nuova riflessione (per la verità assai timida anche in una sinistra più impegnata a difendere il vecchio sistema) che si radichi in teoria e prassi dei beni comuni.

Senza la costruzione di una tutela diffusa, di rete, che potenzi gli strumenti a disposizione dei luoghi tramite la pianificazione paesaggistica (originatasi nel 1985 con la «Legge Galasso», vera, profonda innovazione rispetto alle «cose» e ai luoghi di rarità, pregio e particolare bellezza) prevarrà il comando centralistico nel territorio, miratamente de-regolato da classe politica e lobbies relative.

Territorio, neo-centralismo e lavoro appaiono anche nel punto nodale della riforma, i «Poli museali regionali». Si pone il corretto problema dell’autonomia di musei e ricerche connesse. Il legame con le soprintendenze non può essere cancellato, ma andrebbe piuttosto riscritto in funzioni più vaste e adeguate della relazione museo/territorio. Infine: serve lavoro professionale, ci sono precisi profili, e da qualche parte si vedono novità. Ma troppo spesso si enfatizza, con simpatia opportunista e un po’ curiale, i bravi ragazzi ciceroni e volontari, a iniziare dalle visite al Quirinale. Gratis è bello, non per il lavoro ma per la spending review.

Proprio nei Poli museali regionali Mibact emergono problemi territoriali: è previsto che organizzino la valorizzazione anche di realtà non statali. La somma di potere tolta alle soprintendenze riappare nel sistema Musei: con effetti paradossali per il territorio. Come in Sardegna, dove un Polo statale composto da tredici musei e luoghi della cultura potrebbe coordinare un sistema museale di competenza regionale di circa duecento unità. In compenso la Sardegna, Regione autonoma e portatrice di un monumento Unesco come Su Nuraxi di Barumini, non ha neppure un istituto di autonomia speciale.

Esiti plasticamente espressivi di un neo-centralismo che rischia di espropriare la possibilità di governare dai luoghi e creare lavoro con cultura e paesaggio. D’altronde, nella riforma costituzionale che voteremo questo autunno si dice a chiare lettere che la promozione sarà, e con dei limiti, in capo alle Regioni, ma la «vera» valorizzazione sarà in capo allo Stato.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news