LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Templi, teatri e musei sporcizia e pochi soldi "Costretti al fai-da-te"
ISABELLA DI BARTOLO
04 maggio 2016 la repubblica





«Provo vergogna davanti ai turisti per l'incuria di monumenti e musei. Per questo non mi imbarazza affatto spolverare le vetrine, con orgoglio e senso di appartenenza al patrimonio «. Maria Costanza Lentini è la direttrice del Parco archeologico di Naxos di cui fanno parte il Teatro antico di Taormina, l'area di Naxos e Isola Bella. Ed è proprio davanti all'incuria del sito più visitato della Sicilia che l'archeologa scuote la testa, accennando alle condizioni di scarsa igiene dei bagni e degli uffici, alla mancata manutenzione della cavea di uno dei Teatri antichi più noti al mondo, star della Sicilia. Nonostante il teatro di Taormina incassi più di 4 milioni di euro e vanti oltre 600mila presenze all'anno, non ha i soldi per la sua cura quotidiana. «Viviamo un momento di grande difficoltà — dice Maria Costanza Lentini — perché di fronte a un flusso enorme di visitatori non abbiamo nemmeno le somme minime per il decoro del Teatro antico. A Naxos me la sono cavata solo grazie al sindaco di Giardini che con uno sponsor ha promosso una visita teatralizzata nell'area archeologica ripulendola così dalle erbacce. Ma questo certo non basta e i turisti, legittimamente, contestano il fatto di dover pagare il biglietto per trovarsi poi davanti al degrado ». Per la pulizia quotidiana del Parco archeologico di Naxos, con i suoi tre tesori, la Regione ha stanziato 60mila euro. «Troppo poco — afferma la direttrice — , basti pensare che i servizi igienici del Teatro di Taormina, dovrebbero essere puliti 4 volte al giorno e noi a malapena riusciamo una volta. Adesso sto lottando per ottenere i fondi necessari a ripristinare la cavea dove si sono rotte le pedane in legno che ricoprono la gradinata: per rimetterle in sesto servono 40mila euro. Ovviamente il risultato è che metà cavea è interdetta alle visite con ovvie proteste dei turisti». Un disagio confermato da Ernesto Fichera, presidente delle Guide turistiche della provincia di Messina. «Una vergogna. Siamo costretti a chiedere ai grandi alberghi di far usare i servizi a qualche turista, perché i bagni del Teatro antico sono indecenti».

La carenza di fondi per il funzionamento di musei, aree archeologiche e Soprintendenze riguarda l'intera Isola. A Ragusa è il soprintendente Calogero Rizzuto a comprare carta, toner e penne per poter lavorare in ufficio. «Sappiamo che ci devono arrivare 2mila euro — dice l'architetto Rizzuto — ma intanto dobbiamo mandare avanti le attività di ogni giorno ». La scorsa settimana sono arrivati i soldi per le spese postali ma in questi primi mesi dell'anno sono stati i dirigenti ad acquistare i francobolli. «Amministrare in queste condizioni diventa complicato perché mancano le cose indispensabili» — dice il soprintendente . Con la metà dei soldi a disposizione per le pulizie annuali, anche il museo archeologico di Kamarina dovrà tirare la cinghia. «È già un miracolo che le imprese partecipino alla gara visto che quest'anno avremo meno di 11mila euro a disposizione; cifra con cui lo scorso anno potevamo assicurare la pulizia dei bagni appena due volte a settimana", commenta il direttore Giovanni Di Stefano. Ed è lui stesso che si occupa della cura del prato e delle piante del giardino museale. «La Regione ha promesso che ci daranno una mano tre operai della Forestale — dice — . In loro assenza ci arrangiamo e a me non dispiace occuparmi del giardino del museo e annaffiare fiori e piante anche quando il museo è chiuso». Di Stefano dirige anche la Casa Verga di Catania dove il problema sono invece i soldi per i custodi. «Il personale è insufficiente e così chiudiamo nei festivi perdendo turisti: un'amarezza sapere che i visitatori restano fuori dai cancelli. Per questo, spesso gli stessi dipendenti fanno da custodi ed io con loro».

A Segesta, con i suoi 300mila visitatori all'anno, il direttore Sergio Aguglia è avvezzo a buttar via le bottigliette vuote che deturpano il teatro o a gettare le cartacce nei cestini del parco archeologico. «È un'abitudine e un segno di rispetto verso il patrimonio — dice l'architetto Aguglia — che condivido con i miei colleghi. Senza servizio di pulizia, sono stati i dipendenti a pulire uffici e servizi igienici. Non è il nostro lavoro ma è certo un dovere ». Razionalizzazione è il diktat alla Villa Romana del Casale. «Abbiamo fronteggiato l'assenza di soldi per le spese quotidiane con i risparmi degli scorsi anni», commenta la direttrice Rosa Oliva che attende gli operai della Forestale per il diserbo del sito Unesco. Si rimboccano le maniche i dipendenti della Soprintendenza di Trapani. «Ognuno pulisce il proprio ufficio — dice la dirigente archeologa Rossella Giglio — e, in passato, io stessa ho acquistato gli attrezzi per i giardinieri».

A Selinunte e Marsala, invece, a dare una mano come possono ci pensano i sindaci. «Grazie all'amministrazione di Castelvetrano — dice Enrico Caruso, direttore del Parco archeologico di Selinunte — è partita la pulizia di una parte dei 175 ettari. Il sindaco ha stanziato 20mila euro che è certo una goccia nel mare ma che, tuttavia, significa molto per l'area archeologica dove è tornata ad essere visibile l'acropoli e la collina est». Il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, è intervenuto per salvare il giardino del Museo Lilibeo dalle erbacce. Nel Siracusano, ci sono voluti invece i Marines per ridare lustro al Castello Eurialo e alla Villa del Tellaro: lavori-tampone in attesa degli operai della Forestale che restituiranno ai turisti la possibilità di ammirare i resti antichi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news