LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TERAMO - Sotto il corso affiorano reperti romani
Marianna De Troia
02 giugno 2016 IL CENTRO





Dai lavori di corso San Giorgio affiorano reperti importanti, probabilmente la prova scientifica del punto esatto in cui terminava la vecchia citt romana grazie al ritrovamento di una strada extraurbana della Teramo antica. A confermarlo la Soprintendenza archeologica, che ieri ha rinvenuto una vecchia canalizzazione delle acque e tracce di un corredo funebre risalenti all'epoca romana. Dunque nulla a che vedere con i vecchi portici ottocenteschi riemersi finora, ma reperti risalenti a 18 secoli prima. I reperti sono stati trovati all'altezza della Tercas, proprio sul lato dell'istituto di credito. A confermare che sono riferibili all'epoca romana stato Francesco Di Gennaro, soprintendente ai Beni archeologici d'Abruzzo, che spiega: Nel corso dei lavori ai servizi interrati del corso sono state intercettate evidenze riferibili a epoca romana. Gli scavi sono controllati dalla Soprintendenza archeologica dell'Abruzzo che, considerata la prevalenza di strutture moderne venute finora alla luce, ha chiamato a collaborare la Soprintendenza per le belle arti e il paesaggio. Gli ultimi ritrovamenti si riferiscono per ad et romana: una canalizzazione con rivestimento in malta e ciottoli composta da corti tubi fittili innestati l'uno con l'altro per l'adduzione delle acque verso l'antico centro urbano; nelle immediate adiacenze sono stati individuati resti di deposizioni funerarie a rito tipo incineratorio. La lettura preliminare d'insieme degli elementi emersi, fino a questo momento fa ipotizzare la presenza di un percorso viario extraurbano dell'antica Interamnia. Tuttavia attendiamo il recupero di ulteriori elementi per dare conferma di quanto anticipato. Quanto detto non lascia per intendere se i reperti comportino un blocco dei lavori, ma certamente uno slittamento dei tempi prevedibile visto che i rinvenimenti necessitano di approfondimenti. E' prematuro fare qualsiasi previsione ha detto l'ispettore archeologico di zona Glauco Angeletti. Ho dato indicazioni per approfondimenti in alcuni punti specifici, per vedere quanto di ci che abbiamo rinvenuto sia conservato o deteriorato, e dove prosegue. Dobbiamo verificare se si tratta della parte finale di una struttura o se allargando gli scavi rinvenibile altro. Certo che le tracce dei corredi funerari fanno pensare che siamo fuori dalla cinta del pomerio della citt romana. Questo poich le urne dei defunti venivano sepolte fuori le mura. Questo sarebbe il segno tangibile della zona in cui termina la vecchia citt romana che in precedenza ipotizzavamo subito dopo l'anfiteatro, ma senza un'evidenza scientifica che invece ora possiamo avere.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news