LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il governo non fissa i paletti È ripartita la corsa all'eolico
ANTONIO FRASCHILLA
04 giugno 2016 LA REPUBBLICA




Annunci che rimangono tali, leggi inapplicate, burocrazia lumaca, ed ecco che la tanto decantata regolamentazione dell'eolico per bloccare l'installazione selvaggia di pale in tutta l'Isola rimane soltanto una promessa. Venerdì scorso è scaduto il termine per la presentazione da parte del dipartimento Energia della mappatura dell'Isola che doveva stabilire in quale aree realizzare ancora impianti eolici. Il termine era fissato dalla norma approvata all'Ars lo scorso anno. L'obiettivo della legge, nemmeno tanto nascosto dal governatore Rosario Crocetta, doveva essere quello di limitare questi impianti circoscrivendo le zone edificabili ai parchi esistenti e poco più. Invece, non solo la mappatura non è stata ancora presentata e formalmente da questa settimana chiunque può presentare nuovi progetti di impianti eolici pretendendo che vengano discussi nelle conferenze di servizio. Ma ripartono le pratiche anche delle 40 domande già giacenti. E c'è di più: si scopre anche che nel frattempo al Regione ha continuano tranquillamente ad autorizzare nuovi impianti perché la mappatura non è stata mai fatta. Il tutto in barba agli annunci fatti dal governatore Rosario Crocetta e dalla sua maggioranza che lo scorso novembre aveva approvato la norma «blocca eolico».

L'ultimo decreto che autorizza impianti eolici, in assenza di una programmazione regionale mai varata dai governi Cuffaro in poi, è del 18 marzo scorso e porta la firma del dirigente generale appena andato in pensione Pietro Lo Monaco. Con questo decreto si autorizza la società Aero- tanna «alla costruzione e all'esercizio di un parco eolico costituito da sei pale di 2,4 megawatt di potenza ciascuno nel territorio di Partanna, nel Trapanese, in contrada Magaggiari». La prima domanda per questo impianto era stata presentata nel 2008. Poi il governo Lombardo ha bloccato le conferenze di servizio per l'eolico e tutto rimane fermo fino al 2013, quando la società presenta un progetto più piccolo rispetto a quello iniziale. Fino al via libera dello scorso marzo. E, ancora, l'assessorato tra aprile e maggio scorso ha prolungato di altri sei mesi il termine per la realizzazione di due impianti già autorizzati a Polizzi Generosa e a Racalmuto.

La legge regionale che prevedeva l'obbligo «entro 180 giorni» per l'assessorato Energia di presentare la mappatura delle aree dove sarebbe stato possibile realizzare impianti di questo tipo è stata approvata lo scorso novembre. Ma ancora di questa mappatura non c‘è traccia e così l'assessorato continua ad autorizzare eolico. La pressione per questo tipo di impianti rimane fortissima.

A sollevare il caso all'Ars è stato ieri il Movimento 5stelle: «Niente mappa per le aree non idonee alla realizzazione di impianti eolici, legge disapplicata e rischio caos», attacca il gruppo parlamentare dei 5stelle. «Il termine entro il quale avrebbe dovuto essere allestita la cartografia regionale delle aree off-limits agli impianti di grosse dimensioni era il 27 maggio 2016 — continuano i deputati del movimento 5stelle — la mappa avrebbe dovuto tracciare le aree vietate alle pale voluminose perché di particolare pregio ambientale, paesaggistico, archeologico o agricolo o a causa di vulnerabilità ambientale, pericolosità o rischio idrogeologico. Adesso, che non opera più questa sospensione — circostanza rilevata anche dai giudici del Cga — potrebbero essere rilasciate autorizzazioni alla costruzione di grossi impianti in zone che avrebbero potuto o dovuto essere considerate non idonee. E temiamo che dalla mancata regolamentazione possa derivare un possibile rischio per il patrimonio paesaggistico della Sicilia».

In realtà la Regione ha comunque continuato ad autorizzare impianti: «Nei prossimi giorni presenteremo il piano di mappatura come previsto dalla norma regionale», dicono dall'assessorato Energia. Ma una cosa è fuori di dubbio: la macchina dell'eolico nell'era Crocetta non si è mai fermata, al di là dei proclami.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news