LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La signora delle fonti
di Salvatore Settis
5 giugno 2016, Il Sole 24Ore

Con la morte, dolorosa, di Paola Barocchi si allontana da noi una figura impareggiabile di studiosa, una maestra di stile e di vita. Come usa nei rituali accademici, potremmo qui ripercorrerne la bibliografia vasta e coerente, ma più conta provare a coglierne la sostanza. Facendo centro su una lettura ravvicinata e dinamica delle fonti scritte (sempre nutrita di nuove e immaginative ricerche d’archivio) il suo lavoro promosse una storia dell’arte multiforme e instabile, preoccupata più di agganciare la storia letteraria, culturale, politica, sociale, che di difendere la propria pretesa autonomia da tutto il resto. Del suo maestro Roberto Longhi Paola Barocchi non prese la scrittura ispirata e magnetica, non l’abilità rabdomantica di stabilire con uno sguardo e dieci righe nessi indubitabili, dall’attribuzione al necessario “viaggio d’artista”, non la sprezzatura con cui liquidare astrusi o pedestri biografismi. Ne prese invece l’invito, raramente esplicito ma sempre sotteso, a vedere il lavoro degli artisti sullo scenario del mondo come un intarsio d’intenzioni sì, ma anche di interazioni. In quell’intreccio non c’è quadro né scultura che non rifletta, anche, il gusto del committente, le tensioni religiose, le competizioni fra botteghe, le esaltazioni e le crisi della politica locale e “globale”, la tessitura di una società che muta forma a ogni passo, e in cui s’intersecano senza mai fermarsi le linee di forza dell'economia, del costume, delle pratiche socio-culturali diffuse.

Lo studio delle fonti fu dunque per lei come una continua, assidua verifica, condotta sulla parola scritta, di quella storia dell’arte che nessuno come Longhi aveva saputo praticare e imporre sulla superficie dipinta. Paola Barocchi cercava nei testi (da Vasari alle lettere d’artista, specialmente Michelangelo, agli inventari manoscritti, a oscure o insigni carte d’archivio) non banali conferme a quel che le opere d’arte già di per sé ci dicono, ma anzi voci parallele, notizie contraddittorie, ipotesi di lettura alternative. Insomma, la trama di una vita remota a cui farsi contemporanei, per poi riportarla nella dimensione del nostro presente. Perciò questa studiosa del Cinquecento (specialmente fiorentino) volle donarci anche una Storia moderna dell’arte in Italia in più volumi (Einaudi, poi Electa), in cui registrare con implacabile esplorazione il passaggio «dalla pittura di storia alla storia della pittura» intorno alla soglia del 1900. Costruzione, intenzionalmente esemplare, di una raccolta di testi che, per essere a noi più vicini nel tempo, potessero render chiare a un tempo e l'autentica prossimità degli scritti sull’arte alla pratica artistica, e l’inevitabile arbitrarietà e parzialità di ogni antologia.

Ma quel che di Paola Barocchi giganteggia nel ricordo non è solo questo. Orgogliosamente convinta dell’utilità del proprio lavoro di ricerca (nell’Archivio di Stato di Firenze, china su documenti ancora in attesa d’esser letti, riprendeva forza e slancio, come Anteo al toccare la madre Terra), Paola Barocchi ebbe di sé un fortissimo, ascetico senso del limite. Perciò, e non per la vanità del professore che voglia imporre allievi sulle cattedre, non si limitò a trasmettere il suo insegnamento in aula (insegnò dal 1968 in quella Normale in cui, sotto la direzione del fisico Gilberto Bernardini, furono chiamati anche Pugliese Carratelli e Momigliano, Garin, Fubini, Contini, Nencioni...). Accanto all’insegnamento, Paola Barocchi volle inventare istituzioni per la trasmissione di un sapere, il suo, che nel dialogo con i più giovani prendeva e mutava forma. Tale fu il precocissimo Centro di ricerche informatiche per la storia dell’arte della Normale, improvvidamente smantellato in anni recentissimi, tale la Fondazione Memofonte che le sopravvive, diretta da Donata Levi.

Entrando nell’arena informatica nei primi anni Ottanta, Paola Barocchi non inseguiva una moda, introduceva un costume di ricerca: non per niente i due primi convegni a misura mondiale sul tema furono co-organizzati dal Getty Art History Information Program di Los Angeles e dalla Normale (dove si svolse nel 1984 il secondo convegno su Automatic Processing of Art History Data and Documents). Fu dunque un’autentica intuizione di ricerca (e non un passivo “aggiornarsi”) che spinse Barocchi (e la Normale) all’avanguardia del settore.

Indimenticabile, inimitabile fu lo stile personale di Paola Barocchi. In Normale volle accanto a sé altri studiosi di storia dell’arte, da Enrico Castelnuovo a Mimita Lamberti, a me che sto scrivendo (per non dire dei ricorrenti inviti a Francis Haskell o a Paolo Fossati), diversi eppur simili per desiderio di formulare e di trasmettere alle nuove generazioni più domande che risposte.

Generosissima di sé, delle sue conoscenze e del suo tempo, fino agli ultimi suoi anni (era nata nel 1927) cercò la conversazione con i più giovani, eppure sempre punì se stessa di colpe inesistenti costringendosi entro un’austerità di vita e di costumi che la faceva apparire quasi monacalmente devota agli studi, con una vita interiore che s’indovinava ricchissima ma pareva inaccessibile. Come Giacobbe, Paola Barocchi sembrò lottare perpetuamente con un angelo senza nome, in una ricerca insonne che si alimentava insieme della voce di antichi documenti e dello sguardo di nuove generazioni di allievi. Per questa tensione che pareva (e non fu mai) sopita entro un superiore equilibrio, l’eredità di Paola Barocchi è difficilissima. Ma resta viva.

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2016-06-03/la-signora-fonti-153928.shtml?uuid=ADwmSMR


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news