LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PATERNO'-Scavi archeologici a Paternò per riportare alla luce un’edificio termale romano
Lorena Peci
www.vocidicitta.it, 07/06/2016

Nella città di Paternò, in provincia di Catania, sono da poco ripartiti gli scavi che consentiranno di riportare alla luce un edificio termale romano risalente all’età imperiale. La struttura era, in realtà, già stata scoperta nel 1998, ma allora si era dovuto lasciare il tutto così com’era a causa della mancanza di fondi necessari a intraprendere i lavori. Adesso, tramite un progetto destinato agli studenti delle scuole superiori e che vede la collaborazione dell’associazione Siciliantica, della soprintendenza ai Beni culturali e della Ragioneria di Paternò, i lavori di scavo sono stati ripresi. Saranno dunque 130 allievi delle terze classi dell’istituto tecnico-economico G. Russo, guidati da esperti archeologi, a iniziare gli scavi: il loro lavoro andrà avanti per due settimane, dopodiché subentreranno dei volontari provenienti da tutta la Sicilia coadiuvati da Siciliantica.


Così, grazie a un progetto scolastico che ha come obbiettivo primario quello di dare vita a un’alternanza scuola-lavoro e all’interessamento di associazioni e volontari, si è alla fine riuscito ad ovviare alla mancanza dei fondi necessari. Lo scavo ha un’importanza particolare per la città di Paternò perché rivaluta e rimette al centro dell’interesse la zona delle salinelle nella collina di San Marco, area precedentemente abbandonata e utilizzata da molti come discarica a cielo aperto. Interessante è l’ipotesi che i romani possano aver sfruttato la geotermia derivante dalla presenza delle salinelle che si presentano come dei vulcanetti di fango che eruttano argilla rammollita dall’acqua, unita a sostanze saline come acque salso-bromo-iodiche ed anche metano e idrocarburi. L’edificio termale romano ritrovato nel 1998, secondo le prime indagini effettuate doveva essere composto da almeno quattro vani, tutti riempiti dal durissimo fango vulcanico prodotto dai vulcanetti vicini. Allora si è riusciti a far emergere una sola delle quattro stanze e i materiali complessivamente rinvenuti sono databili tra il I e il II secolo d.C..

È fondamentale ricordare che tutta la zona di San Marco, Pietralunga e Cappuccini vecchi risulta essere ricca di reperti, come sostiene l’archeologa Daniela Midolo:«Sono zone che sono state ricoperte di terra per preservarle. Non c’è in città una specifica coscienza civica, non ci si rende conto delle bellezze che ci sono a Paternò e che vanno dal Neolitico fino al Seicento».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news