LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nastasi: "La legge imponeva concorsi, molti candidati senza diploma"
di GIULIANO FOSCHINI
03 giugno 2016 LA REPUBBLICA


CAPO di gabinetto del Ministero dei Beni culturali. Poi direttore generale. Sub commissario per la ricostruzione. Barese. Il teatro Petruzzelli, e la sua rinascita dopo l'incendio, sono inevitabilmente legati a uno dei più influenti grand commis della burocrazia italiana: Salvo Nastasi. Dopo anni al Mibac, Renzi lo ha voluto vice segretario generale di Palazzo Chigi. Sul suo tavolo, al terzo piano del palazzo, ci sono alcuni dei dossier più delicati, dall'Ilva a Bagnoli. Del Petruzzelli non se ne occupa più. Ma, evidentemente, ricorda ogni passaggio di quella storia. Ancora di più ora che il nome del suo Ministero è tornato prepotentemente nel dibattito sulla vicenda assunzioni: fu Roma a bloccare tutto o no?

Nastasi, il presidente Della Regione, Michele Emiliano, accusa il ministero dei Beni culturali, ai tempi in cui lei era dirigente, di aver sempre bloccato le assunzioni al Petruzzelli. Da qui la loro scelta di procedere con i contratti a tempo determinato che ha portato al cortocircuito delle cause di lavoro. È vero?
"Credo sia opportuno rinfrescare un po' la memoria a qualcuno. Fino al 2010 vigeva per le assunzioni di personale delle fondazioni liriche l'obbligo di procedure ad evidenza pubblica stabilito dal loro contratto nazionale di lavoro. Da quell'anno in poi, una specifica norma di legge impose per il Petruzzelli la generosa possibilità di deroga al blocco per le assunzioni a tempo indeterminato che durava da anni, a condizione che venissero espletate procedure ad evidenza pubblica. Il Parlamento, con l'approvazione di quell'emendamento bipartisan, voleva cosi garantire la qualità della futura orchestra ed impedire quelle operazioni opache che si stavano materializzando. Quindi mai nessuno, nè il ministro nè il sottoscritto, avrebbe potuto autorizzare presso la Fondazione Petruzzelli assunzioni senza procedure trasparenti e concorsuali".

La Fondazione aveva però bisogno di personale. Il teatro come poteva funzionare altrimenti?
"Bisognava fare i concorsi. E invece per evitarlo e rinviare il problema, si ricorse a contratti a tempo determinato, che non dovevano essere autorizzati, rinnovati più e più volte. Una scelta di Michele Emiliano e del sovrintendente dell'epoca che ovviamente ha illuso i lavoratori e creato forti aspettative, oltre che indebolito la Fondazione nella difesa in seguito delle sue posizioni".

L'ex capo di Gabinetto della Regione, Davide Pellegrino, ha detto in un'intervista al Corriere del Mezzogiorno, che al San Carlo di Napoli, dove lei è stato commissario, quelle stesse assunzioni negate al Petruzzelli siano state fatte. Ha ragione?
"Pellegrino non è informato sufficientemente. Al San Carlo di Napoli furono stabilizzati nel 2011 alcuni coristi ed orchestrali, precari da anni, a seguito di concorso pubblico. E quel Teatro non era nemmeno oggetto della stessa norma del Petruzzelli. Ovvero avrebbe potuto comportarsi diversamente. Ma fu scelto anche lì il concorso per lo stesso motivo: trasparenza e qualità delle scelte".

Perché secondo lei, allora, Comune e Regione non vollero procedere mai ai concorsi?
"La morsa del sindacato sul Petruzzelli è stata fortissima. E' la cronaca e se ne parla da anni. Le pressioni su di loro furono conseguentemente enormi. Si volevano assunzioni dirette senza limiti o controlli. Esemplare è la motivazione con cui il Pm della Procura di Bari ha archiviato una denuncia contro Fuortes: "L'assenza in fatto di un qualunque criterio oggettivo e predeterminato seguito nella scelta dei musicisti".

Gli ex orchestrali della Provincia avevano titoli per partecipare a selezioni pubbliche?
"Sui giornali, all'epoca, mi parse di leggere che qualcuno aveva problemi. E questo è uno dei motivi per cui non si volevano concorsi. Il diploma specialistico è richiesto nei concorsi delle fondazioni liriche. Ed infatti quando il Commissario Fuortes organizzò finalmente il concorso nel 2012, e fu autorizzato come la legge prevedeva, alcuni lavoratori dell'epoca non parteciparono o furono bocciati. L'orchestra che nacque da quel concorso vero era selezionata e composta da giovani promesse.
Anche Riccardo Muti raccomandò più volte pubblicamente una vera selezione. E così fu".

Come si può venir fuori da una situazione come questa? Il Petruzzelli davvero rischia la bancarotta?
"Io credo fermamente che il Governo debba intervenire e sostenere il nuovo corso che ha impresso Gianrico Carofiglio alla Fondazione. Ma trovando con serenità ed efficacia le soluzioni, non sanando posizioni illegittime".



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news