LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, McDonald's. La multinazionale americana ha due appigli
M.F.
Corriere fiorentino 6/7/2016

In viale Jenner, a Milano, sede di McDonald’s Italia, il responsabile dell’«affaire» McDuomo è rimasto di fronte al computer fino a tarda sera, per controllare che arrivasse la «Pec», la mail certificata con la risposta della Commissione del Comune di Firenze alla loro richiesta di deroga per l’apertura del ristorante. E fino alla chiusura dell’ufficio, ieri, non era arrivato niente. Dopo le parole del sindaco Dario Nardella, che ha affermato il suo no allo sbarco della m gialla al Duomo, i vertici del colosso Usa però sanno che è molto probabile che la commissione incaricata di concedere una deroga ai «paletti» del regolamento Unesco dia risposta negativa. E si preparano al duello legale. Quello che è certo è però il disappunto, espresso platealmente dall’Ad Roberto Masi con una battuta: «Si è passato il limite del razionale» per il no, tutto «politico», alla loro apertura al Duomo. Si erano presentati a Palazzo Vecchio, hanno incontrato per mesi gli assessore Giovanni Bettarini, Federico Gianassi e pure il sindaco Dario Nardella. Avevano cambiato il progetto in base ai desiderata dello stesso Nardella (a partire dai servizi igienici aperti sempre a tutto il pubblico, non solo la clientela) e alle integrazioni chieste in prima battuta dalla Commissione tecnica: una specifica sul «concept culturale» dell’arredamento interno (con grandi foto di Firenze, frasi di fiorentini celebri tra cui Tiziano Terzani, tavolini, perché sarà un vero e proprio ristorante) e alcuni aspetti legati all’offerta delle pietanze. Dove McDonald’s ha rivendicato la lunga serie di consorzi Igp e Doc con cui lavorano. Ovviamente, un numero inferiore ai 30 prodotti di filiera corta obbligatori per aprire senza richiesta di deroga. Ma, ha ricordato Masi, «cosa significa locale? Comunale, provinciale, regionale o italiano?». E già nell’intervista rilasciata al Corriere Fiorentino giovedì scorso Masi voleva così sottolineare le contraddizioni di un regolamento basato su dichiarazioni di principio e sull’articolo 52 del Codice dei beni culturali. Ma che, secondo i legali della società, senza altri riferimenti normativi forti rischia di cadere al primo ricorso. E sotto attacco finiranno anche i margini di discrezionalità della commissione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news