LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ministro Franceschini chiede 1000 assunzioni con la legge di stabilità del prossimo anno


“Semmai - e mi rivolgo al Parlamento, che è titolare di questa funzione - in legge di stabilità del prossimo anno, poiché il concorso, a quel punto, sarà nella fase conclusiva, si può prevedere che quei 500 posti diventino 1.000, per consentire di coprire tutti i posti vacanti in pianta organica in tutti i settori”.

E’ una delle risposte alle varie domande poste al Ministro durante il question time del 30/06/2016 al Senato. Vediamo alcune delle questioni trattate.

Proseguendo sul criterio di ripartizione delle specializzazioni professionali dei 500 posti messi a bando: “Abbiamo scelto il criterio più oggettivo possibile: abbiamo visto quanti erano i posti vacanti in ogni singolo settore e in ognuno abbiamo riportato il rapporto che, dal punto di vista generale, esiste tra i 770 posti vacanti e i 500 posti a concorso. Così si sono determinati i numeri, che non hanno soddisfatto, in particolare, i bibliotecari”. Proprio sulla questione dell’organico dei bibliotecari ha insistito la senatrice Montevecchi: “Signor Ministro, purtroppo non sono soddisfatta della risposta ricevuta, perché, pur comprendendo che lei sia venuto qui e ci abbia parlato del metodo che ha deciso di adottare, mi sarei aspettata una risposta più articolata su questo punto, perché comunque le dimissioni di tutti i membri di un comitato così importante hanno provocato uno terremoto accademico. Non si era mai visto, infatti, l'utilizzo di metodi così forti per denunciare il disinteresse da parte del Ministero nei confronti del valore delle biblioteche”.

Parlando della seconda parte della riforma, o meglio del “regolamento”, come ha voluto precisare il senatore Giro:” Purtroppo non è una riforma, ma un regolamento. E non si tratta di una legge approvata in Parlamento attraverso un confronto pubblico tra i partiti e fra tutti gli interessati a diverso titolo. Si tratta di un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, entrato in vigore, come ricordava la senatrice De Giorgi, circa due anni fa”, il ministro ha comunicato che gli interpelli sono conclusi ed i soprintendenti sono stati nominati dal direttore generale della nuova direzione generale unica ed entreranno operativamente in carica il 10 o l'11 luglio. Ci sarà un'unica Sovrintendenza e il cittadino si potrà rivolgere ad un unico ente che al suo interno - così è previsto nel decreto - avrà il responsabile per l'archeologia, per i beni artistici e beni architettonici, il responsabile per educazione e ricerca e il responsabile demoetnoantropologia. Oggi sono 39 Sovrintendenze uniche e due speciali (Pompei e Roma). Ha quindi annunciato di aver firmato un decreto che istituisce l’ Istituto centrale per l’archeologia sul modello di altri istituti, come l'Istituto centrale del restauro, che sarà il luogo in cui si raccoglierà la conoscenza, il know-how e le eccellenze, in Italia e nel mondo.

Si è affrontato poi il tema del Turismo e subito è stato sollevato il problema della “gestione” dei visitatori del Colosseo che, come ha sottolineato Giro, incassa da solo 35 min di euro sul totale di 100mln incassati da tutti i siti culturali italiani. In particolare si è posta la domanda (Giro) sia sulla prosecuzione degli interventi che sulla realizzazione del centro servizi. Per quest’ultimo, il ministro ha annunciato che i lavori proseguiranno con l'intervento sugli ipogei, a cui si aggiungono le risorse pubbliche - pari a 18 milioni di euro - per il restauro e la ricostruzione dell’arena. Quanto al centro servizi, in queste settimane si sta indicendo la gara per il progetto esecutivo, che è reso necessario dalla nuovo normativa sui lavori pubblici. Secondo la Soprintendenza serviranno circa trni perché il centro servizi sia concretamente operativo.

Il senatore Centinaro ha quindi sollevato la questione dei finanziamenti a favore del turismo culturale, sottolineando che nei mesi scorsi il CIPE ha varato il Piano cultura e turismo, stanziando un miliardo di euro del fondo sviluppo e coesione 2014-2020 per la realizzazione di numerosi interventi su tutto il territorio nazionale, finalizzati alla tutela del patrimonio culturale e per aumentarne la fruibilità. “Il piano dovrebbe teoricamente servire a promuovere l'immagine dell'Italia nel mondo e mirare al rilancio della competitività del nostro Paese. Io dico che forse dovremmo chiudere l'ENIT per valorizzare il nostro Paese” ha proseguito Centinaro chiedendo maggiori indicazioni riguardo al suddetto Piano, soprattutto in termini di promozione turistica coinvolgendo i tour operator italiani.

Risponde il ministro Franceschini: “Il 27 luglio si terrà una seduta del comitato permanente per il turismo. Vedremo se sarà quella in cui verrà approvato il Piano strategico per i prossimi cinque anni o se sarà a settembre; dopodiché andrà in Consiglio dei ministri perché questo prevede la legge. All'interno di quel Piano strategico si ragiona sostanzialmente attorno a due cardini: il primo cardine è costituito dall'Italia come museo diffuso e il secondo pilastro è costituito dal turismo sostenibile, ovvero compatibile con la fragilità del nostro paesaggio e delle nostre città d'arte, che punti sull'eccellenza e sulla qualità e non sul turismo "mordi e fuggi”. Per quanto riguarda il cosiddetto piano CIPE, si tratta di una scelta davvero importante, visto che si parla di un miliardo di euro. Il mio Ministero, quando sono arrivato, aveva 35 milioni di euro per gli interventi sul patrimonio: adesso c'è il miliardo di euro del CIPE per i grandi attrattori turistico culturali, in base alle regole europee. Ci sono poi i 490 milioni di euro del Programma operativo nazionale (PON) per le Regioni del Mezzogiorno e i 300 milioni di euro - 100 milioni di euro all'anno - per gli interventi di manutenzione. Mi pare che ci siamo messi in moto e che ci sia la consapevolezza, in un terreno che mi pare condiviso da maggioranza e opposizione, della necessità di risorse, per la vastità del nostro patrimonio culturale e monumentale”.

http://www.quotidianoarte.it/models/articolo.aspx?ttl=Il_ministro_Franceschini_chiede_1000_assunzioni_con_la_legge_di_stabilita_del_prossimo_anno&artN=2932


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news