LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Toscana. Urbanistica, più poteri ai Comuni. E trasformazioni semplificate
Giulio Gori
Corriere fiorentino 8/7/2016

Così è stata cambiata la legge Marson. «Ora rischio scempi». «No, modifiche minime»

Cambi di destinazione d’uso più semplici e più poteri dei Comuni (a scapito della Regione). Sono le due modifiche più significative alla legge urbanistica toscana che, insieme al Piano paesaggistico, fu la colonna portante del progetto dell’allora assessore regionale Anna Marson per mettere uno stop al consumo del suolo. Ora, quella legge è passata di nuovo al vaglio del Consiglio regionale, che l’ha emendata, con l’obiettivo di limarne alcuni passaggi.

La giunta di Enrico Rossi decise di metterci di nuovo le mani a gennaio, la commissione Ambiente del Consiglio cominciò a discuterne lo scorso marzo. Martedì è arrivata l’approvazione in aula: scopo, correggere alcuni refusi, armonizzare le norme con la legislazione nazionale e, ancor di più «semplificare ed alleggerire i procedimenti», per dirla con Stefano Baccelli (Pd). Dalle opposizioni, arriva il no della sinistra e dei Cinquestelle, che temono che le nuove norme possano aprire allo «scempio del territorio». Ma al di là della condanna delle opposizioni e malgrado il Pd affermi che le modifiche hanno solo carattere tecnico, il nuovo testo presenta cambiamenti sostanziali. Alcuni dei quali rischiano di riaprire il dibattito che accompagnò le riforme di Marson. Quando l’allora assessore, nel 2014, fece approvare la legge urbanistica, le associazioni degli agricoltori riconobbero che con le nuove norme era diventato assai più semplice avere l’autorizzazione per costruire annessi agricoli. Ora, gli emendamenti aprono a cambi di destinazione d’uso abitativi: il rischio, almeno teorico, è che la costruzione di un annesso possa essere il primo passo per aumentare i metri cubi a scopo residenziale. Inoltre, le modifiche all’articolo 25 rendono più facile evitare di dover sottostare al parere della Conferenza di co-pianificazione (Regione, Comune e cittadini) sulle trasformazioni urbanistiche, lasciando in molti più casi la responsabilità nelle sole mani dei Comuni. Uno degli obiettivi della legge del 2014 era proprio quello di ridurre i poteri di sindaci e Consigli comunali, costruendo una «regia» regionale. Ora, «la disciplina rurale è oggetto di corpose modifiche», per dirla con la relazione introduttiva della riforma. Ma, mentre il centrodestra si dichiara insoddisfatto della svolta, il Pd rivendica la maggiore chiarezza delle norme. E proprio a questo scopo ha istituito una «Banca dati dei pareri» in materia di governo del territorio, così da garantire l’uniformità di interpretazione della legge.

E Enrico Rossi? «La legge è rimasta integra, non ci sono modifiche sostanziali — dice il governatore — Ci sono state modifiche procedurali minime che si sono rese necessarie alla luce della sperimentazione di questa legge, che peraltro ha dato già buoni risultati. Ha dimostrato che si che si può fare programmazione urbanistica lasciando stare i terreni ancora agricoli».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news