LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. La cultura «sfrattata» per fare reddito
Vittorio Emiliani
Corriere della Sera - Roma 10/7/2016

Le intimazioni di Tronca a Filarmonica, Museo Burcardo, Scuola di Musica di Testaccio

Cultura sfrattata per essere «messa a reddito». È quello che è successo, per iniziativa del commissario Tronca all’Accademia Filarmonica Romana, alla Siae affittuaria dell’edificio in cui ha sede dal 1929 il Museo del Teatro e dell’Attore del Burcardo, alla Biblioteca di organologia «Sylvestro Ganassi» e alla Scuola Popolare di musica di Testaccio. Istituzioni altamente meritorie, di ricerca, di didattica.

La sindaca Virginia Raggi e l’assessore alla Cultura Luca Bergamo si troveranno sul tavolo una catasta di problemi. Mi permetto di segnalarne uno grave e urgente creato dallo sfratto presso che immediato (avallato dal Tar) che il commissario Tronca ha intimato all’Accademia Filarmonica Romana, alla Siae affittuaria dell’edificio in cui ha sede dal 1929 il Museo del Teatro e dell’Attore del Burcardo, alla Biblioteca di organologia «Sylvestro Ganassi» e alla Scuola Popolare di musica di Testaccio. Istituzioni altamente meritorie, di ricerca, di studio, di didattica, sfrattate col fine di «mettere a reddito», cioè sul mercato libero, quei locali ormai «storici». Della serie: tiriamo su un po’ di soldi con gli edifici del Comune. A danno delle istituzioni culturali? Embè? Che si adeguino al mercato. Lo chiede la Corte dei conti.

La questione è ora al Consiglio di Stato che si spera più illuminato del Tar. Vediamo come stanno le cose. Cominciamo dall’Accademia Filarmonica Romana fondata nel 1821, la più antica istituzione di concerti, molto dedicata, da sempre alla musica contemporanea e a quella barocca meno nota. Si trova in via Flaminia da quasi cent’anni, dal 1921, In un’area che era occupata da un allevamento di pollame e che tuttora confina con carrozzerie abusive, officine, degrado. La Filarmonica, presieduta per anni dalla volitiva Adriana Panni e ora da Paolo Baratta, ha bonificato il tutto, ha risanata e recuperata la Casina Vagnozzi, creata la Sala Casella, ordinato un archivio musicale di eccezionale interesse su ‘800 e ‘900. Oltre ai concerti di qualità al Teatro Olimpico e all’Argentina (o in palazzi storici) la Filarmonica svolge una intensa attività formativa, specie per l’educazione vocale con migliaia di bambini e ragazzi. Sulla Casina Vagnuzzi ci si può speculare, ma questo è il compito di un Comune? Cacciando inquilini mai in ritardo con l’affitto?

Analogo il caso del Museo del Burcardo di via del Sudario. Alla Siae fanno presente che il Comune ha loro inviato i bollettini di pagamento «dell’importo dovuto per l’utilizzo dell’immobile in regime di concessione» per un canone annuo di 45.684 euro. Più le spese per caldo/fresco, rete elettrica, ascensore, ecc.. La Società Autori Editori vi ha investito almeno 4 milioni di euro, da recuperare. Ho visitato giorni fa il Museo e l’ho trovato ben allestito, con materiali di prim’ordine su Petrolini, Pirandello e altri nomi del teatro italiano, assai fruibile. La Siae ovviamente non se la sente di pagare oltre dieci anni di arretrati per una «indennità di occupazione pari al 100% del valore di mercato», come reclama il Comune al quale si offre di donare tutto il materiale di questo Museo unico in Italia purché esso trovi una sede espositiva adeguata...Siamo al grottesco.

Poi la Scuola Popolare di Musica di Testaccio esistente da decenni, attivissima, inserita nel progetto «Città delle Arti» con Roma Tre e col Macro, con un centinaio fra collaboratori e insegnanti e complessi musicali (basti ricordare le mille iniziative di Giovanna Marini) la cui iniziativa nasce da ricerche continue. Ultima, ma non ultima la specializzatissima Biblioteca di Organologia di Col di Lana emanazione della Fondazione per la Musica Antica di Giancarlo Rostirolla che da mezzo secolo organizza corsi ed eventi a Roma e a Urbino (Festival di Musica Antica). Fondamentale, assieme alla «Mischiati» di Bologna, per lo studio del vastissimo patrimonio nazionale di organi antichi, almeno 12.000, da Tirano a Cefalù, decine e decine nella sola Roma con alcuni restauri - ai Fiorentini, al Caravita, a San Vincenzo e Anastasio, ecc. - di ottima qualità. Grazie anche ai documenti della Biblioteca Ganassi oggi sfrattata con un tratto di penna.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news