LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. La cultura in cerca d’assessore
Enzo D'Errico
Corriere del Mezzogiorno 9/7/2016

La Campania è l’unica regione d’Italia nella quale persiste la cultura dell’effimero, nata dalla straordinaria intuizione di un genio come Renato Nicolini. Se fosse una decisione, potremmo discuterne a lungo. Il guaio è che non c’è nulla di cui discutere perché tutto avviene all’insaputa (cfr. Scaloja e il suo appartamento di fronte al Colosseo) degli stessi amministratori pubblici chiamati a tracciare le linee guida di questo settore. Siamo effimeri per fatale inerzia e giocoso lassismo, non per scelta. E così alla fine ci ritroviamo dinanzi a pasticci come quello del Teatro Festival, una rassegna per la quale vengono spesi 6 milioni e 225mila euro (tale è il budget dichiarato pochi giorni fa da Luigi Grispello, presidente della Fondazione) ma che dopo nove anni rimane ancora una sembianza informe, un contenitore da stipare con le offerte disponibili al momento sul circuito delle grandi agenzie e con le piccole mance elargite agli operatori del territorio. Nulla, insomma, che abbia a che fare con una strategia. Nulla che metta radici e cresca. L’effimero, appunto. Eppure un festival, anche il più negletto, nasce intorno a un’idea, a una visione che diventa missione. Altrimenti è il bancone di un supermercato, casomai di lusso ma sempre supermercato. Vogliamo usare il vocabolario dell’industria? Bene: un festival degno di questo nome deve diventare un marchio d’eccellenza capace di trainare nella sua scia l’indotto turistico (e non solo) che ruota intorno a simili manifestazioni.

Basta fare due esempi fra i tanti: Spoleto e Umbria Jazz. Certo, parliamo di due eventi che hanno alle spalle un bel po’ di strada. Ma nove anni bastano e avanzano per delineare almeno il profilo di ciò che s’intende fare. Invece siamo fermi al modello «grandi magazzini», dove si espongono i brand altrui, non il proprio. E nessuno si mette in viaggio per visitare un supermarket. Purtroppo tutto gira intorno a un equivoco: non basta un nome di rango – che sia l’intellettuale o l’artista – per costruire un immaginario. Il mondo dell’immateriale, con l’economia che ne deriva, ha bisogno di architravi solide, bulloni stretti bene, impianti funzionanti. E dunque di operai, falegnami, carpentieri. In poche parole: di un’impresa centrata sulla meritocrazia, di una squadra che lavori sodo sulla base di un progetto. E’ il solito discorso della «rete», un esercizio collettivo che richiede fatica e rigore, soppiantato qui dal prevalere dell’estro individuale, scorciatoia che conduce fatalmente al pressapochismo e, più avanti, al trionfo degli interessi privati. Questo giornale ha più volte polemizzato con la scelta del presidente De Luca di nominare un consigliere delegato alla cultura e non un assessore, mansione che incarna una precisa responsabilità politica e istituzionale del tutto diversa dalla vaghezza dell’altra funzione. Non l’abbiamo fatto a caso o in virtù di chissà quale pregiudiziale: eravamo convinti - e oggi lo siamo ancor di più - che se si considera davvero questo settore un asset fondamentale, è necessaria una chiara e netta determinazione del ruolo di chi lo amministra. Avete mai visto un’azienda senza manager, una squadra senza allenatore, un condominio senza amministratore? Sia chiaro, in quest’anno Sebastiano Maffettone s’è mosso con grande dinamismo e ci auguriamo che continui a offrire il suo contributo a Palazzo Santa Lucia. Ma serve un assessore. Che sia lui o un altro. E’ giunta l’ora, infatti, di mettere a sistema l’intero comparto dandogli il giusto peso nella strategia regionale, costruendo una filiera decisionale (e di conseguenti responsabilità) che risponda a un vertice frutto di solida investitura politica e istituzionale. A conti fatti si tratta di allestire una «fabbrica culturale», ossia l’esatto contrario di quel «cantiere dell’estemporaneo» nel quale da troppo tempo si aggira una folla di personaggi in cerca d’autore e che finisce per impolverare anche nomi di prestigio come quello di Franco Dragone, star acclamata dello show business mondiale e ora al centro, suo malgrado, di piccole e grandi polemiche in merito all’organizzazione complessiva della rassegna. Una «fabbrica» segue una linea di produzione e, in base a quella linea, programma per tempo l’attività per poi mettere il suo brand sul mercato e sfidare la concorrenza. Possiamo sperare che questo accada? Possiamo immaginare che un giorno la Regione <venda> in modo degno la sua offerta culturale nelle borse internazionali del turismo? Possiamo sognare che domani un ragazzo europeo – come avviene oggi per Avignone, Spoleto, Umbria Jazz – affronti un viaggio per venire in Campania a seguire il Teatro Festival? Parliamo di soldi pubblici, non dimentichiamolo mai. E, quindi, parliamo del presente e del futuro di una comunità. Che non merita lo sperpero effimero del suo destino.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news