LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa perde le sue biblioteche e noi un tesoro di sapere
Claudio Giunta
Internazionale 13/7/2016

Com’è cambiata Pisa, in poco più di vent’anni! Quando ci sono arrivato per fare l’università, nei primi anni novanta, d’inverno era difficile trovare un bar aperto dopo le dieci di sera, e d’estate si preferiva andare al mare, chi aveva la macchina, anziché fare la spola tra i soliti quattro o cinque locali con i tavolini all’aperto. Ci sono tornato qualche settimana fa, dopo un po’ che mancavo, ho semidormito in un albergo sul Lungarno (dalle 3 alle 6, prima è stato impossibile per gli schiamazzi e i clacson), e mi è sembrata una di quelle cittadine zozze e divertenti della Costa Brava, a luglio. Le piazzette piene di pub ristoranti, i vicoli pieni di microbazar cingalesi, piazza dei Cavalieri disseminata di bottiglie vuote, piazza delle Vettovaglie un suk, un assordante rumore di fondo. Ed era mercoledì.

Da quattro anni, intanto, la Biblioteca universitaria è chiusa. Naturalmente tra le due cose non c’è alcun rapporto, non è che la trasformazione della già sonnacchiosa città universitaria in una Benidorm sull’Arno spieghi il fatto che la più grossa e antica biblioteca della città non esiste più, ma insomma finisce per renderlo più razionale, quasi accettabile.

È successo questo. Nel 2012 c’è stato a Pisa un leggero terremoto che pare abbia danneggiato il palazzo della Sapienza, dove da quasi due secoli è ospitata la Biblioteca universitaria: solo il palazzo della Sapienza, gli altri no. È lo stesso terremoto che – tutti lo ricorderanno – ha fatto danni assai seri in Emilia e in Veneto. A Padova, la Biblioteca umanistica di palazzo Maldura è rimasta chiusa per qualche mese, ma poi ha riaperto. La Biblioteca universitaria di Pisa non ha riaperto. Si sono convocati esperti, si sono riunite commissioni, ma in quattro anni la Biblioteca non ha riaperto. Né si sono trovate, per i libri, sedi alternative in città.

Una città universitaria senza la sua biblioteca perde un pezzo qualificante della sua anima

Giorni fa, una perdita d’acqua ha danneggiato varie decine di volumi del cinquecento, che i restauratori stanno ora cercando di salvare; su altri libri antichi, mancando la manutenzione, cresce la muffa. E attorno ai fatti (o meglio ai non fatti) sono fioriti ragionevoli dubbi e ragionevoli sospetti, perché si dice che il terremoto sia stato un’occasione colta al volo da chi ha sempre voluto sloggiare la biblioteca dal palazzo della Sapienza. Inutili le proteste degli studiosi e degli studenti pisani, proteste che si riaccendono adesso perché il ministero dei beni culturali (proprietario della Biblioteca ma non del palazzo della Sapienza, che vent’anni fa è stato donato dallo stato all’Università di Pisa) ha deciso di chiudere la biblioteca e di trasportare altrove il mezzo milione di volumi (manoscritti, incunaboli, cinquecentine, riviste) che formano il suo patrimonio. E qui sta il punto, perché non pare che questo altrove sia stato precisato, cioè che una sede adeguata sia stata trovata da chi ha deciso la chiusura. Si impacchettano i libri, ma non si sa se e quando verranno spacchettati, cioè se la Biblioteca universitaria di Pisa avrà un futuro.

L’indignazione degli intellettuali è spesso stucchevole: perché non di rado càpita che parlino in difesa del proprio interesse spacciandolo per l’interesse universale. Ma non è questo il caso. Chi studia, e chi ha studiato a Pisa, sa che una città universitaria senza la sua biblioteca perde un pezzo qualificante della sua anima, sicché con il tempo quella città rischia di assomigliare sempre di più a una zozza e chiassosa Benidorm sull’Arno. Non che Benidorm non abbia le sue attrattive, o che tutto debba rimanere immoto nei secoli, ma i nostri antenati ci hanno consegnato una città universitaria modello, che ha attratto e attrae studenti da tutta Italia, che è nota nel mondo per la qualità dei suoi studi, dei libri che vi vengono scritti, e lasciare chiusa la più grande biblioteca della città per quattro più… quanti altri anni? significa non aver compreso l’importanza ideale e materiale di quel lascito.

Non è un momento propizio per le biblioteche, a Pisa. Giorni fa è stata chiusa anche la biblioteca provinciale, e altre rischiano di fare la stessa fine. Né il problema sarebbe la chiusura di una o più biblioteche, se queste chiusure fossero fatte in vista di una razionalizzazione del servizio: se ne chiudono due piccole per finanziarne una grande. Ma così non è: c’è invece la soppressione del servizio, l’eliminazione degli spazi di studio, e dei libri, in una delle più importanti città universitarie d’Italia.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news