LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, piazza del Carmine: erbacce, bici rottame e ora anche il bitume
Ernesto Ferrara
La Repubblica - Firenze 14/7/2016

A un anno e mezzo dalla pedonalizzazione, il brutto si aggiunge all'incompiuto: gli abitanti sono infuriati

Un anno e mezzo e non sentirlo. Anzi, sentire tutto il peso dei ritardi, della sciatteria, pure di quel briciolo di indecisione che si staglia sull'indecente skyline di questa piazza del Carmine ridotta a maneggio post-urbano, con la recinzione-staccionata mezza rotta, le erbacce che crescono tra le pietre, bici rottame abbandonate, un tendone di plastica bianca accanto al bar estivo a forma di baita, pancali di legno sparsi, 32 segnali di pericolo, chissà quante transenne, un vecchio personal computer abbandonato di fronte ai cassonetti interrati.

"C'è un problema di bellezza in questa piazza", non può che notare il priore della basilica padre Raffaele Duranti. Quella colata d'asfalto che da un paio di giorni sta inondando i lati della piazza sta lì a dirlo, orribile memento all'ombra di quella che è forse la facciata di chiesa più bella di Firenze. Quando il 12 gennaio 2014 la piazza fu semi pedonalizzata, il sindaco Nardella non potè che notarne in quel primo giorno il colpo d'occhio rinnovato ("Che bella" si gongolava mentre giocava a calcio coi bambini), anche Francesco, il farmacista della vicina piazza Piattellina, ci aveva creduto, aveva sperato che la rinascita fosse lì, a portata di mano: "Ora non vedo più l'obiettivo. Per la tramvia siamo tutti pazienti perché alla fine qualcosa cambierà. Sul Carmine non vedo più dove vogliano arrivare".

Brutto che si aggiunge a incompiuto, 18 mesi perduti per la perla dell'Oltrarno che doveva rifarsi prima il look e poi ridarsi una nuova anima e invece non ha mai ritrovato se stessa e anzi qualcosa per strada ha perso: "Abbiamo problemi per il culto: le persone non sanno più come arrivare e dove parcheggiare", lamenta il priore. "Io ogni martedì per anni sono andato a mangiare la pizza con gli amici: ora ho smesso, se muovo la macchina mi ci vuole due ore a ritrovare posto, e poi la notte è pieno di ubriachi", protesta Ubaldo, elettricista in pensione. Qual è l'obiettivo, si chiedono i residenti? "Partiamo coi lavori tra gennaio e febbraio prossimi", annunciano ora da Palazzo Vecchio. Sarà rifatto il selciato utilizzando in parte le pietre che saranno rimosse da piazza dei Nerli, il rettangolo centrale della piazza verrà rialzato rispetto ai bordi per evitare la sosta selvaggia e forse al centro ci verrà messa una fontana, mentre in fondo, dall'altra parte della basilica, nascerà un boschetto di alberi. Questo però è il futuro. L'oggi parla di un'immagine trasandata, di residenti indignati, quel proposito iniziale del sindaco di valorizzare la Cappella Brancacci con la sola cacciata di 135 macchine, qualche mercatino e il villaggio di Babbo Natale appare largamente fallito agli occhi degli avventori: "Mia madre vive qui da sempre, dice che la piazza non è mai stata così disastrata, non lo era nemmeno durante la guerra: per come è ridotta manca solo Buffalo Bill", si sfoga Annalisa, insegnante, che vive proprio sopra la pizzeria "Napoleone" ed è infuriata pure per il rumore notturno di concerti e spettacolini organizzati dall'Aics, che gestisce lo spazio estivo e secondo la consigliera comunale di Alternativa Libera Miriam Amato non chiede ogni volta le apposite deroghe per le emissioni acustiche e quindi è fuori
regola. La notte,

E l'asfalto? Più guardano il cartello di cantiere più s'arrabbiano i passanti: Palazzo Vecchio sta spendendo 37 mila euro per una toppa di catrame che correrà lungo tutto il rettangolo della piazza (non c'erano più le condizioni di sicurezza, spiegano dal Comune) e fra 7 mesi dovrà essere ancora una volta rimossa per lasciare spazio stavolta alle pietre. A meno che la sindrome dell'incompiuta non colpisca ancora.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news