LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Il carcere Mamertino riapre alle visite
Manuela Pelati
Corriere della Sera - Roma 14/7/2016

Il carcere Mamertino o Tulliano (dalla sorgente d’acqua) alle pendici del Campidoglio dove ai tempi dell’imperatore Augusto venivano gettati i nemici dello Stato, riapre dal 21 luglio alle visite dopo un anno di restauro. Il luogo di detenzione posto sotto la rupe Tarpea vicino al Foro Romano, è stato secondo alcune testimonianze il carcere di San Pietro.

Luogo di spiritualità, atroci sofferenze e altari sacrificali, con tracce di tremila anni di storia. Il carcere Mamertino o Tulliano (il nome deriva dalla sorgente d’acqua) alle pendici del Campidoglio dove ai tempi dell’imperatore Augusto venivano rinchiusi i nemici dello Stato, riaprirà il 21 luglio alle visite dopo il restauro di un anno. È tornata a splendere la grotta circolare sotto alla buca dove venivano gettati i detenuti, l’ambiente più basso dei due piani che hanno riportato alla luce oggetti, marmi, reperti archeologici e anche tre scheletri di una donna, un uomo e una bambina. E i resti di polpa e buccia di un limone, il primo della storia del Mediterraneo risalente al I secolo d. C.

«Gli scavi condotti hanno portato alla luce nuovi reperti ed elementi prima ignoti, che non stravolgono la natura di questo luogo, ma la confermano e ne ampliano la conoscenza» ha detto il soprintendente per il Colosseo e l’Area archeologica centrale Francesco Prosperetti.

Il luogo di detenzione che esisteva fin dal VI secolo a. C., posto sotto la rupe Tarpea vicino al Foro Romano, è stato secondo alcune testimonianze il carcere di San Pietro. «Era un luogo di oblio e abbandono dove i nemici dello Stato venivano rimandati nelle viscere della terra, per farli riassorbire dagli inferi» ha detto monsignor Libero Andreatta ad dell’Opera Romana Pellegrinaggi. «Abbiamo scritti apocrifi sul martirio di due carcerieri che si convertirono e furono battezzati. Qui fu costruita una chiesa dedicata a San Pietro e Paolo al carcere nel V secolo dopo Cristo e poi dal Medioevo sono state affrescate con le effige dei santi le pareti che portano alla grotta».

Venendo da piazza Venezia e imboccando via dei Fori Imperiali si accede da Clivio Argentario dietro il Vittoriano, proprio alla base della Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami. I lavori del valore di 900 mila euro, con la direzione scientifica dell’archeologa Patrizia Fortini, hanno dimostrato che l’occupazione dell’area risale all’età del ferro (IX-VIII secolo a.C.). «Le indagini archeologiche degli ultimi anni ci restituiscono non solo un monumento celeberrimo, ma la sua straordinaria vicenda, legata a doppio filo con le origini di Roma e l’intera storia della città». Il carcere consisteva in due piani sovrapposti di grotte scavate alle pendici del Campidoglio, la più profonda risale all’età arcaica (VIII-VII secolo a.C.) ed era scavata nella cinta muraria di età regia che, all’interno delle Mura serviane, proteggeva il Campidoglio, la seconda successiva e sovrapposta è di età repubblicana.

«Non si è trattato solo di uno scavo, ma anche di un restauro – ha aggiunto Prosperetti – mirato a riconquistare la spazialità del sito. Inoltre c’è la musealizzazione degli importanti reperti trovati, in un allestimento contemporaneo che, attraverso tablet di ultima generazione, fornirà ai visitatori nuove informazioni, rendendoli partecipi anche emozionalmente alla storia di questo luogo». Al carcere si entra anche dal nuovo accesso con tornello della zona archeologica dei Fori. Per le viste si prenota sul sito www.orp.org



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news