LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-I Carabinieri svelano i loro 'tesori' nella mostra 'L'Arma per l'Arte'
www.adnkronos.com, 14/07/2016

Tele di Cézanne, Van Gogh, Guercino. Un'opera di Canaletto, la lettera in cui Cristoforo Colombo annunciava la scoperta del nuovo mondo. E poi opere mai viste finora come un dipinto raffigurante un mezzobusto di Bacco con uva e coppa di vino del pittore caravaggesco Loth Johann Carl detto il Carlotto. Senza dimenticare un disegno di Amedeo Modigliani, il Mitra Tauroctono, una scultura che raffigura il Dio Mitra, e una Kylix (una sorta di coppa) ad occhioni attribuita al pittore e ceramista greco del VI secolo a.C. Andokides.

I carabinieri svelano i loro tesori, rendendo visibili, nell'esposizione 'L'Arma per l'Arte e la Legalità', allestita da oggi al 30 ottobre, nella Galleria nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini, i reperti recuperati attraverso le attività d'indagine del nucleo per la Tutela Patrimonio Culturale, comandato dal generale Mariano Mossa.

Si tratta, ha spiegato il ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, nel corso della presentazione, di una "mostra straordinaria: è capitato di presentare ai cittadini e alla stampa il recupero di un'opera rubata e poi recuperata grazie all'azione straordinaria dei nostri Carabinieri per la tutela del patrimonio. Ma così tante insieme, mai. Vedere opere importantissime di arte antica e moderna, capolavori assoluti recuperati dall'azione dei nostri Carabinieri, è una cosa bellissima per il Paese che deve essere molto orgoglioso di questa eccellenza. E' un'occasione per i turisti e penso davvero che, una cosa come questa, andrà ripetuta perché è unica", ha concluso Franceschini.

Le opere, circa 210, la cui datazione inizia "dal VII secolo avanti Cristo fanno parte dello straordinario patrimonio storico dell'Italia", ha sottolineato Tullio Del Sette, comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, che ha poi aggiunto: "Credo che sia una mostra importante sia per il luogo in cui si tiene sia per il numero delle opere e per il modo in cui sono esposte. La collaborazione con l'Università, con la Direzione nazionale dei Musei e con la Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini, è stata straordinaria". Per Del Sette aver esposto "le opere con l'indicazione del loro valore e con l'indicazione delle modalità con cui sono state sottratte e recuperate e del luogo cui sono destinate, rende onore al lavoro spesso oscuro di questi nostri carabinieri".

La mostra, infatti, si avvale della collaborazione, oltre che del Mibact, anche dell'Università di Roma Tre. Per il direttore generale dei Musei, Ugo Soragni, si tratta di "una mostra non convenzionale che richiama l'attenzione sulla gravità dei furti arrecati al nostro patrimonio". Furti che "privano la comunità scientifica della possibilità di interrogare e studiare i reperti".

A far parte della mostra, anche 430 beni nuragici recuperati in Svizzera e 5 sculture lignee recuperate a Torino. Una parete, sulla quale per ora sono state affisse delle fotografie, infine, attende il ritorno delle opere rubate a Verona, nel museo di Castelvecchio.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news