LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI-Orto sul tetto della Certosa, nei guai l’ex soprintendente
Fabio Postiglione
Corriere del Mezzogiorno, 15/07/2016

Napoli, indagine della Corte dei Conti: contestato un danno di mezzo milione. C’è anche una inchiesta della Procura penale, Vona accusato di abuso d’ufficio


Aveva iniziato a coltivare insalate e broccoletti sul tetto della Certosa di San Martino a Napoli, costruendo un orto abusivo che però nel 2013 era stato fotografato da un turista in visita al Castel Sant’Elmo. Quella foto fece il giro del web sollevando un gran polverone e l’apertura di una inchiesta. Ma era nulla rispetto a quello che sarebbe stato poi accertato. Per un anno, quell’edificio era stato occupato «sine titulo», perché non sarebbe stata regolarizzata la posizione del «condomino», che era lo stesso Soprintendente. Infine per quell’appartamento (in zona Vomero) era stato versato un canone mensile di 120 euro a fronte degli 870 che avrebbe dovuto fruttare. Ebbene adesso, dopo anni di indagini serrate, la Corte dei Conti di Napoli batte cassa, e con una indagine del sostituto procuratore generale Francesco Vitiello, delegata al Nucleo investigativo dei carabinieri di Napoli, ha notificato un invito a dedurre per oltre 500mila euro (512.036,86). Al centro dell’indagine contabile del magistrato partenopeo c’è l’attività di Fabrizio Vona, ex Sovrintendente del polo museale regionale della Campania, che adesso dovrà entro trenta giorni depositare una memoria o chiedere di essere interrogato dal magistrato nella sede di via Piedigrotta a Napoli.

Vona, che attualmente è Soprintendente dei beni culturali della Puglia, è anche indagato dalla Procura di Napoli. Non solo per l’abuso edilizio dell’orticello per il quale è già a giudizio davanti alla quinta sezione urbanistica e ambiente del Tribunale di Napoli, ma anche per abuso d’ufficio. L’iscrizione in questo caso è nuova e risale ad aprile scorso a firma del pm Loreto. Secondo l’accusa il Soprintendente avrebbe «assegnato ad uso abitativo l’immobile nella Certosa di San Martino dal primo dicembre del 2012, sebbene lo utilizzasse dal giugno dello stesso anno, in assenza di un atto di concessione demaniale e pagando un canone fuori mercato». Una storia che parte da lontano, nel 2012, e prova a configurare un illecito amministrativo con un danno all’erario.

Secondo la Corte dei Conti Fabrizio Vona ha assegnato a se stesso l’immobile nella Certosa di San Martino dal dicembre del 2012, sebbene lo utilizzasse dal giugno e ciò, per l’accusa, è avvenuto senza una concessione demaniale, con una «violazione dei codici di comportamento, compresi quelli relativi all’attuazione dei piani anticorruzione». Vona regolarizzava dunque con ritardo di quasi un anno la propria posizione di concedente, come Soprintendente, e di concessionario di un immobile demaniale, quale condomino.

Per la casa, che Vona aveva assegnato a se stesso, pagava un canone mensile di 120,39 euro. In «violazione dei criteri previsti dalla legge» che impone per i beni dello Stato in locazione «gli stessi prezzi praticati in regime di libero mercato e comunque non inferiore all’equo canone». Pertanto, per la magistratura contabile, il Soprintendente avrebbe dovuto pagare 840 euro. «Gli importi quantificati da Vona non sono inoltre rispondenti nemmeno a quelli determinati in base ai cosiddetti canoni convenzionali», che avrebbero portato ad un fitto minimo di 350 euro. Pertanto secondo la Corte il danno erariale, per questa parte di illecito, ammonta a 16mila euro. A questa somma va aggiunta quella per il costo della realizzazione delle opere abusive sul tetto, maggiorato per il costo del ripristino dello stato dei luoghi: 34mila euro.

L’importo più consistente che il sostituto procuratore generale contesta a Vona è quello relativo ai danni collaterali delle azioni ritenute illecite «e realizzate con dolo, intenzionalità e preordinazione». Secondo l’impostazione dell’accusa l’ex Soprintendente deve pagare anche per il disservizio provocato dalla sua azione: uno spreco di risorse fisiche, economiche e mentali. Il danno calcolato per questa fattispecie è di 230mila euro. Infine il danno all’immagine della Soprintendenza: quello non patrimoniale ed indiretto «derivante dalla lesione dell’onore e del decoro». Il danno ipotizzato in questo caso è di 230mila euro.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news