LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia sotto processo. E scoppia il caso Unesco
Gloria Bertasi - Monica Zicchiero
Corriere del Veneto 16/7/2016

Costa: basta consigli senza soldi. Coin: ma i consigli sono utili

Essere sito Unesco è un onore e un onere. Venezia è il simbolo dell’intero meccanismo del World Heritage, un impegno di lunghissimo periodo che parte dall’alluvione del 1966 e che ha fatto confluire sulla città le donazioni dei Comitati Internazionali per i restauri. Giovedì da Istanbul è arrivato l’onere: il Comitato Unesco ha deciso che se entro febbraio non saranno congelati progetti come la doppia pista dell’aeroporto, se non saranno limitate le barche in laguna e non saranno estromesse le grandi navi, se non si gestirà il turismo da 25-30 milioni di presenze l’anno, la città-simbolo dell’impegno Unesco finirà nella black list dei siti patrimonio dell’umanità a rischio. Potrebbe essere un vantaggio, come fu per Dubrovnik che dopo i bombardamenti della guerra nei Balcani fu inserita nei siti a rischio nel 1991 e la cosa accelerò le donazioni tanto che nel 1998 dopo la ricostruzione fu nuovamente ammessa nella «white list».

Oppure potrebbe succedere come a Dresda, che nel 2009 fu cacciata perché i cittadini con un referendum decisero a maggioranza del 68% di costruire il quarto ponte sull’Elba per smistare il traffico in eccesso e invece l’Unesco chiedeva un tunnel. Cosa porta l’organismo internazionale a Venezia? Un dito alzato ammonitore e non un euro, dice il sindaco Luigi Brugnaro che ieri parlando col mecenate del restauro del ponte di Rialto Renzo Rosso ha ribadito: «Rosso ha voluto aiutare concretamente Venezia Ancora una volta dico all’Unesco che questa è la strada giusta per salvare Venezia: tutto il resto sono chiacchiere e bla bla bla».

Un richiamo per niente velato a contribuire con soldi, più che con suggerimenti. Lo condivide l’ex sindaco Massimo Cacciari, seppure in polemica con lo stesso primo cittadino: «Ha ragione Brugnaro, peccato però che lo dica soltanto ora, mentre quando lo sostenevo io non mi ascoltava nessuno. Da presidente degli Industriali, lui era schierato con i giornali a favore del Mose. Adesso è tardi per pretendere soldi dal governo».

«Il rapporto Unesco è tanta buona volontà ma fa una diagnosi non corretta. Il tema è: no representation without taxation - dice il presidente dell’Autorità Portuale Paolo Costa, già sindaco – Cosa hanno portato i comitati internazionali? Il restauro di due quadretti l’anno? Sono stufo di sentire gente ché dà consigli senza dare soldi. Oggi il punto è che ci sono alberghi, ristoranti e bed and breakfast per questa popolazione turistica eccessiva. Li togliamo? Ma li dobbiamo sostituire con altre attività se vogliamo che la popolazione sia abbastanza ricca da poter sostenere il proprio Patrimonio dell’Umanità». Perplesso è anche il governatore Luca Zaia: «Venezia è già un patrimonio dell’Umanità, non serve il bollino di qualcuno. La cura del territorio passa attraverso la civiltà, colpendo chi butta le carta a terra, imbratta i muri o fa la pipi sui palazzi». Parole che accendono lo scontro con Alessandra Moretti, capogruppo del Pd in consiglio regionale: «Ma è possibile che il governatore di una regione che accoglie 63 milioni di turisti ogni anno tratti con tanta superficialità una questione così cruciale? Piuttosto convochi un tavolo per un progetto di rilancio serio».

Si schiera con l’Unesco Alberto Ferlenga, rettore Iuav: «Non si può che essere d’accordo con le raccomandazioni dell’Unesco, è una buona cosa che intervenga e solleciti azioni per Venezia. Certo, ci sono questioni da risolvere sui siti Unesco godono di molta visibilità e il turismo aumenta e spesso si crea una pressione difficile da gestire. Qui da noi la vera difficoltà è impedire la trasformazione della città a museo». «Non possiamo chiedere all’Unesco di fare di più, il suo compito di porre problemi non è solo chiacchiere – dice Franca Coin, dai comitati di Salvaguardia - Il compito è porre all’attenzione del mondo dei temi ed è la politica a doverli affrontare. I turisti a Venezia meritano di essere trattati bene ma sono troppi e trovano una città esausta, invasa, incattivita e poco accogliente. I suggerimenti Unesco sono preziosi, non possiamo dare l’idea di aver solo bisogno di soldi».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news