LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - Vivai Testi, si fa strada l’idea dell’esproprio
di Gianni Parrini
12 luglio 2016 IL TIRRENO



Lucca, trattativa in stand-by. Si valuta il piano B: il ministero potrebbe avviare la procedura


LUCCA. Erba alta e sterpaglie la fanno sembrare una sorta di giungla vietnamita. Ma non siamo nel sud-est asiatico e non c’è nessun Charlie pronto a farci la festa: l’unica cosa in cui potremmo imbatterci è un cartello arrugginito con su scritto “Ingresso Vivai Testi”. Siamo sugli spalti o – per meglio precisare – in quell’unico pizzicotto di terra attorno alle Mura che appartiene ancora ai privati. Qui, lungo viale Carlo del Prete, sorgevano i Vivai Testi, azienda di proprietà dell’omonima famiglia. Il passato è d’obbligo perché ormai l’attività è cessata e lo spettacolo che si presenta agli occhi del visitatore non è certo bello. Sul vialino che doveva accogliere le auto dei clienti per consentire di caricare le piante acquistate, l’erba è cresciuta rigogliosa e selvaggia. Alcune palme sono ancora lì, testimoni di un tempo che fu. Nella fitta vegetazione che ricopre i tre ettari della proprietà, qualcuno dice di aver visto scorazzare anche un daino. Verità o fantasia non è dato saperlo.

Di certo c’è l’intenzione dell’amministrazione comunale di rientrare in possesso di questa ultima parte degli spalti per completare l’anello intorno alle Mura. A novembre scorso il sindaco Alessandro Tambellini aveva addirittura manifestato il desiderio di trasferire qui alcuni padiglioni dei Comics per la 50ª edizione della manifestazione. Ma stando alle voci ufficiali una trattativa vera e propria non è mai stata messa in piedi. E questo nonostante Ultimo Testi, novantenne vivaista, a ottobre avesse reso pubblica la volontà di vendere. Eppure, dietro questo immobilismo apparente, qualcosa si muove.

In un primo momento l’amministrazione comunale aveva pensato di far acquisire l’area a Crea, la società che gestisce i Comics e facente parte della holding partecipata al 100 per cento dal Comune. Ma il piano finanziario e l’impegno economico richiesto per acquisire i vivai non erano sostenibili. Inoltre, il passaggio da un privato a un altro privato (seppur partecipato dal Comune) non rispondeva all’obiettivo di rendere formalmente pubblico il terreno.

Alla fine della fiera, il vero nodo della vicenda sono e restano i soldi: i proprietari dei terreni (oltre ai Testi, ci sono altri piccoli possidenti) giustamente non hanno intenzione di regalare l’area al Comune. I primi tentavi di chiudere l’affare risalgono all’epoca Favilla: ma la valutazione dell’amministrazione era ben distante da quella richiesta da Testi e dagli altri proprietari e così l’affare naufragò. Oggi, anche se i due milioni di cui si parlava all’epoca sono anni luce fuori mercato, lo scoglio continua a essere lo stesso e il fatto che l’attività vivaistica sia cessata non ha favorito granché l’incontro tra domanda e offerta.

Così si esplorano altre strade. L’ipotesi su cui stanno lavorando gli uffici di palazzo Orsetti, in accordo con la Soprintendenza (che ha il vincolo su quei terreni) è quella dell’esproprio. O per meglio dire di una particolare procedura di esproprio: quella per i beni culturali. In questo caso, è il ministro stesso a fare una dichiarazione di pubblico interesse. «È un iter di cui si sono avvalsi tempo fa a Pisa, per consentire all’Università di acquisire i terreni di privati che sorgevano sotto le Mura – spiega l’ingegnere della Soprintendenza Francesco Cecati – Anche in quel caso si trattava di vivai. La procedura prevede una valutazione dell’immobile da parte del soggetto che vuole acquisire la proprietà. Se l’espropriando non è d’accordo ricorre davanti a un giudice che a questo punto fa fare una valutazione terza per stabilire l’esatto valore del terreno. Si farà anche qui? La risposta non spetta a me. Dovete chiedere al Comune. Io sto solo illustrando le procedure esistenti». I tempi per un simile intervento
sono quelli soliti della legge italiana: lunghi e di certo non compatibili con una legislatura che ha meno di un anno di vita. Ma se non si parte, non si arriva mai da nessuna parte. Per questo a palazzo Orsetti l’idea dell’esproprio culturale non dispiace.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news