LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il mago delle teche "Abbiamo rivestito anche la Gioconda"
SIMONE MOSCA
15 LUGLIO 2016 LA REPUBBLICA






LA SETTIMANA scorsa all'Icom, il convegno che a Milano ha riunito gli operatori dei maggiori musei del mondo, sfilavano direttori e personalità. Ma è lontano dai riflettori che un'azienda milanese ha tenuto tre conferenze per raccontare come, alla porte della città, nascano le scatole invisibili che custodiscono i capolavori più famosi del pianeta. Si chiama Goppion l'impresa che a Trezzano sul Naviglio progetta e fabbrica le teche di vetro dentro cui sono finiti tesori da milioni di visitatori. Prendi l'arte e mettila da parte. «Pensare che mio padre, che faceva le vetrine per Perugina, non amava tanto lavorare con i musei, finiva sempre che pagavano poco e in ritardo» sorride Alessandro Goppion, che nato nel 1955 a Milano, ha trasformato la vetreria del padre Nino, che un tempo aveva sede in Porta Genova, nel più celebrato laboratorio di exhibit design su scala globale.

Si presenta con i suoi ingegneri più fidati nella fabbrica, un capannone come tanti e che però in Lombardia cela un'eccellenza. «Qui lavoriamo in 50, mi hanno fatto Cavaliere del lavoro un anno fa, carica di fronte a cui molti amici hanno sorriso, io però ci credo ancora nel lavoro». Gira con una giacca che sembra elegante ma che ha i polsini stretti e i bottoni che sembrano quelli di una tuta da officina. Mostra una vetrina destinata al Museo Egizio di Torino. Le giunture, brevettate, scompaiono, la guarnizioni sigillano con un puf l'atmosfera interna, una pellicola di plastica inserita tra le pareti del doppio vetro impedisce a eventuali frantumi di disperdersi in caso di rottura. Un'altra ha un telaio in allumino, ispirato alla Ferrari Scaglietti.

Fondata nel 52, la prima teca Goppion fu realizzata per la collezione civica di strumenti musicali, oggi al Castello allora a Palazzo Morando, nel ‘56. «Papà realizzò una vetrina disegnata da Cossovich e Monzeglio, due architetti razionalisti, ma era un progetto complicato, troppo appariscente nel disegno ». L'abilità del mestiere è invece mostrare senza farsi vedere. «Mostrare, custodire, proteggere» dice infilandosi in una scatola e rivela: «Un'opera che avremmo voluto mettere sotto teca ma non siamo riusciti? No, le abbiamo messe tutte noi le migliori». L'elenco fa paura: il Cenacolo, Cristo del Mantegna, il Codice Atlantico, La Venere di Milo, i Rotoli del Mar Morto. E nel 2005, lei, la Gioconda. «Teca fantastica, indistruttibile, eppure se sai come farlo, basta un minuto per aprirla». La teca più resistente è stata fatta per i gioielli della Corona inglese. «A prova di bomba, i servizi di sua maestà se la sono tenuta una settimana prima dell'ok, hanno esploso di tutto, nemmeno un graffio». Gli piace lavorare con gli inglesi. «Ascoltano e poi decidono, il contrario di noi italiani». Sta lanciando una vetrina intelligente. «Riconosce la nazionalità dei turisti, l'età, e regola le didascalie ». I cinesi non fanno paura. «È un settore dove non puoi abbattere i costi». La crisi non arriverà mai. «Mostrarsi è nella natura dell'essere umano».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news