LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Perché la METRO C è un pozzo di San Patrizio?
Carlo Bonini
13 luglio 2016 la Repubblica

L'ANNUNCIO di un redde rationem giudiziario sugli appalti della linea C della Metropolitana di Roma a tre anni di distanza dall'apertura di un'inchiesta della procura della Repubblica non ha indubbiamente il pregio della sorpresa, ma sicuramente la forza "rivoluzionaria" di ricordare ad una città e al Paese intero, di cui è la Capitale, la dimensione macroscopica di una catastrofe amministrativa, contabile, politica. Che dice molto della spensierata assuefazione, inerzia e complicità con cui il governo del Paese e le amministrazioni comunali di centrodestra prima, centrosinistra poi, hanno consentito in questi anni (il progetto iniziale della linea risale al 2000) che il costo dell'investimento pubblico dell'opera — va da sé ancora incompiuta e per giunta ridimensionata nella parte qualificante del suo tracciato originario — sia già passato da un valore iniziale di 3 miliardi e 47 milioni di euro a 3 miliardi e 700 milioni. Un pozzo di san Patrizio dove il rapporto di forza tra appaltatore (ministero delle Infrastrutture e Comune di Roma) e appaltante (l'associazione temporanea di imprese composta dalle società Astaldi, Vianini Lavori, Consorzio Cooperative Costruzioni, Ansaldo Trasporti sistemi ferroviari) è stato regolarmente capovolto. Con il secondo a dettare, nei fatti, tempi di realizzazione e correzione dei costi. Forte di una capacità di ricatto che, in barba alla legge Obiettivo (di cui la Metro C sarebbe dovuta essere fiore all'occhiello), si è manifestata ora nella minaccia di ricorso ad arbitrati (in cui la parte pubblica è curiosamente e altrettanto regolarmente soccombente), ora in transazioni "capestro". Come quella documentata nei decreti di perquisizione della procura per la quale a fronte di 1 miliardo e 800 milioni di costi aggiuntivi pretesi e non dovuti, l'amministrazione capitolina, in un abbraccio complice e mortale con il fu Grande Mandarino del ministero delle Infrastrutture, l'immarcescibile Ettore Incalza, ne riconobbe "soltanto" 320. Di fronte a questa vergogna che è repubblicana prima ancora che municipale, per anni — e gliene va dato pubblicamente atto — un singolo consigliere comunale, Riccardo Magi, segretario dei Radicali Italiani, ha combattuto una battaglia solitaria a colpi di esposti, comunicati, dichiarazioni, regolarmente digeriti dal silenzio limaccioso con cui, a Roma, chi dice la verità può agevolmente essere scambiato per matto semplicemente se gliela si lascia ripetere ossessivamente e soprattutto in solitudine. E non più tardi del luglio di un anno fa, l'Autorità Nazionale Anticorruzione di Raffaele Cantone, con una delibera di 44 pagine documentò a beneficio di chi soltanto avesse avuto voglia di leggere o intendere, le dimensioni, la natura, le responsabilità (non fosse altro erariali) e i dettagli della catastrofe.

Uno su tutti. Nella città "patrimonio archeologico dell'umanità", appaltante e appaltatore licenziarono il progetto esecutivo "dimenticando" di condurre adeguate indagini del sottosuolo, salvo scoprire con "sconcerto" che tra la basilica di san Giovanni e piazza Venezia le talpe meccaniche incontravano regolarmente preziosi manufatti di epoca romana. Va da sé che non si persero d'animo. Una variante in corso d'opera e qualche centinaio di milioni di euro di costi aggiuntivi. Fino al "coccio" successivo.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news