LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - "Corridoio sicuro è stato un errore chiuderlo così"
SIMONA POLI
13 luglio 2016 la Repubblica

«Non si chiude così un museo. Un dirigente conosce bene il grado di rischio di una struttura e il Vasariano non ne ha, non c'è un pericolo di incendi, quegli 800 metri sono sicuri ». A dirlo è Antonio Godoli, architetto responsabile degli Uffizi, profondissimo conoscitore della struttura e di tutti i suoi segreti, a cominciare da quel Corridoio vietato al pubblico due giorni fa dal direttore Eike Schmidt dopo aver letto un rapporto dei vigili del fuoco.

Schmidt ha sbagliato dunque?

«Capisco la necessità di volersi tutelare ma ragionare in questo modo è sbagliato. Il responsabile di un museo si fa un'idea sul campo di eventuali rischi, conosce gli spazi e le loro caratteristiche. Nel Vasariano il rischio non c'è, lo so per certo, ci abbiamo lavorato».

Era stato riaperto nel ‘97.

«Posso raccontare nei minimi particolari quell'intervento che portò all'apertura. Nel ‘96 col Vertice europeo ci furono messi a disposizione centinaia di milioni che servirono a costruire la struttura realizzata da Gae Aulenti di fronte alla stazione Leopolda, a ripavimentare il piazzale degli Uffizi, a rifare tre cortili interni e ad adeguare il Vasariano. Nella commissione che autorizzò i lavori c'erano tutti, compresi ministero, soprintendenza e vigili del fuoco. Furono rifatti gli impianti elettrici, furono coperte le travi di legno del soffitto che ai tempi dei Medici non c'erano perché considerate "roba da stalle", fu installata a metà percorso una porta ignifuga che in caso di incendio impedirebbe al fuoco di espandersi da una parte all'altra del passaggio, per una lunghezza di 800 metri è una validissima messa in sicurezza. Vennero rinnovate anche le finestre, l'unica cosa che potrebbe prendere fuoco lì dentro sono i quadri ma francamente non vedo come».

Nencetti, il sindacalista che ha fatto l'esposto ai vigili del fuoco, sostiene che nel Vasariano si ammassano troppi gruppi di visitatori.

«Non mi risulta affatto, per esperienza posso dire che al massimo ci sono cinquanta persone, ossia due gruppi da 25. Un funzionario pubblico deve assumersi delle responsabilità, anche grandi. Ma se si utilizzano questi parametri pochi musei a Firenze si salverebbero dalle critiche ».

Nencetti ha già annunciato la sua prossima crociata: ha inviato un esposto per segnalare che la Galleria dell'Accademia ha i servizi igienici nel seminterrato. La direttrice Cecilie Hollberg ieri gli ha risposto che il sottosuolo ha le uscite di sicurezza regolamentari.

«E ha fatto bene. Deve essere il direttore a stabilire cosa va bene e cosa no. Valutando con sopralluoghi accurati. L'80 per cento dei musei fiorentini altrimenti rischierebbe di chiudere».

In questo caso però mancano le carte. I vigili del fuoco dicono che non è stata definita mai la vera natura del Vasariano e la sua destinazione d'uso.

«In teoria è vero che ogni luogo museale deve avere una sorta di specificazione e bisogna sapere quanta gente può entrarci. Ma nella pratica si fa di rado questo percorso. Io lo feci per Orsanmichele per i concerti di Lanzetta e da allora "ci mettemmo in regola" per così dire. Ma l'interesse collettivo prevale sulla burocrazia. E il Corridoio deve essere visitabile».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news