LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CIVIDALE - Il sindaco di Cividale: «Era troppo tardi per tornare indietro»
13 luglio 2016 IL MESSAGGERO VENETO





«La comunicazione di stop alla demolizione e di indizione di un nuovo vertice in Prefettura mi ha fatto sperare che le istituzioni coinvolte nel caso della ciminiera di Rubignacco avessero individuato una soluzione diversa, rispetto all'abbattimento del manufatto. Non è andata così, però». Parla il sindaco Stefano Balloch, che al termine di una settimana monopolizzata dalla questione del fumaiolo ha assistito al crollo da casa, sulla collina del Castello, e che a capitolo chiuso cede (pur velatamente) alla polemica. «Le istituzioni che si occupano della tutela del paesaggio e degli elementi architettonici – accusa – dovrebbero attivarsi per tempo, con un congruo anticipo. Non è possibile muoversi all'ultimo momento, quando, come nella fattispecie, ci si trova di fronte a un pericolo di crollo immediato, certificato dai vigili del fuoco. Servono convergenza e prevenzione. Ci sono stati anni e anni a disposizione – continua – per studiare la costruzione e definirne le modalità di conservazione e di messa in sicurezza. Ricordo che il Comune è stato l'unico ente ad apporre un vincolo sul sito in oggetto, nell'ambito del piano regolatore. Si è atteso troppo: adesso era tardi». Commenti analoghi si percepivano, a tratti, anche fra il "pubblico" raccoltosi sull'altura di fronte alla torre per assistere al botto, ma il sentimento diffuso era un altro, e aveva toni di rammarico e di nostalgia. «Che gran vuoto», hanno sussurrato in molti nei secondi successivi all'esplosione, quando il camino è scomparso alla vista e la nuvola di polvere provocata dal crollo si è dissolta, rivelando un paesaggio inedito, sgombro. I «peccato» sono fioccati. La torre sarà ricostruita, d'accordo, ma l'operazione di ripristino della memoria sarà solo parziale (i criteri sono stati definiti dalla Soprintendenza regionale) e, per quanto filologica, non potrà ovviamente restituire lo scorcio originale. La gente ne ha piena consapevolezza e anche per questo è confluita nelle vicinanze del camino, armata di macchine fotografiche. «Per avere un ricordo», scandivano tutti nella lunga attesa, protrattasi ben più del previsto per il ritardo conseguente all'inaspettato (ma poi rientrato) stop della tarda mattinata, quando dai vertici della Prefettura di Udine era arrivato l'alt. Sul posto anche la consigliera comunale Maria Cristina Novelli, che però se ne è andata «prima dello scoppio per non commuovermi», spiega. «Al sindaco Balloch il premio Attilia», dice poi, parlando di «ingiustificabile e irrimediabile scempio. A quel che ho capito – aggiunge – per la demolizione sono stati spesi all'incirca 30 mila euro. Quanti ne sarebbero serviti per mettere in sicurezza il bene conservandolo intatto? Il doppio? Perfetto: volete che non fosse possibile racimolare la somma, in qualche modo? Magari anche coinvolgendo la cittadinanza, che in questi giorni ha dimostrato un profondo attaccamento al manufatto. Una colletta, per esempio: io l'avrei "adottato" con piacere, un pezzetto di ciminiera. Per non parlare – continua –, della disponibilità di numerosi esperti a offrire gratuitamente la propria consulenza, per definire possibili modalità di recupero. Perché questa fretta spasmodica? Sarebbe bastato delimitare l'area a rischio, in attesa di pareri competenti». (l.a.)



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news