LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Cemento in riva al mare all'Ars spunta la sanatoria si spacca la maggioranza
EMANUELE LAURIA
10 luglio 2016 la repubblica





Quella raffica di emendamenti ha preoccupato anche i magistrati di Agrigento, in prima linea nella lotta all'abusivismo. C'è un fronte trasversale, all'Ars, che preme per rendere più elastiche le norme urbanistiche in Sicilia: abbattendo un totem come il divieto assoluto di costruire entro 150 metri dalla costa, permettendo in alcuni casi di bypassare il vincolo paesaggistico, estendendo i benefici del piano casa di Berlusconi. Un "liberi tutti" che arriverebbe quando nell'Isola si viaggia al ritmo di otto nuovi abusi al giorno e il litorale fa registrare un aumento del cemento senza pari: 65 chilometri, dagli anni Ottanta in poi, sono stati mangiati dall'avanzare del mattone.

Il luogo di battaglia è la commissione Ambiente dell'Ars, dove sono sbarcati dodici emendamenti al disegno di legge che recepisce il testo unico nazionale sull'edilizia. Le firme sono quelle di deputati del gruppo misto, del Pd, di Ncd, dell'Udc. E martedì queste norme andranno al voto, con esiti che — proprio a causa della varietà delle forze politiche proponenti — sono assolutamente incerti.

L'emendamento più "pesante" è quello dell'ex sindaco forzista di Trapani Girolamo Fazio, che concede la sanatoria anche alle case realizzate entro 150 metri dalla battigia e, in alternativa, prevede l'assegnazione delle costruzioni abusive a chi attualmente le abita. Unica condizione: la norma si applica agli edifici realizzati entro la fine di aprile del 1991. In quella data, spiega Fazio nella sua relazione, l'Ars chiarì che il vincolo dei 150 metri si applica ai privati abusivi anche se i Comuni interessati non l'hanno recepito nei loro Prg. Per gli ambientalisti, e per i grillini, si tratta di un'aggressione senza precedenti al territorio: «Non si è mai vista una norma che sana le costruzioni realizzate in una zona di inedificabilità assoluta», dice il deputato 5Stelle Giampiero Trizzino.

Ma altre proposte di legge vanno nella stessa direzione. Ce n'è un'altra, presentata dal parlamentare Ncd Pietro Alongi, che prevede la possibilità di «am- pliare» gli edifici realizzati in prossimità del mare ma solo «senza alterazione dei volumi esistenti». I due concetti, sottolinea Trizzino, «sono evidentemente incompatibili».

E non finisce qui. Un emendamento a firma di Valeria Sudano (Pd) e Marco Forzese (Udc) consente la possibilità di fare ampliamenti di volume alle costruzioni realizzate non più entro il 2009, come previsto dal piano casa di Berlusconi, ma entro il 2012. Ancora la Sudano, con il collega Paolo Ruggirello (entrambi new entry del Pd), propone la possibilità di sanatoria degli immobili sulla costa all'interno di un piano di recupero urbanistico- ambientale fatto dai Comuni su indicazioni fornite dalla Regione. Un altro emendamento di Fazio, invece, prevede la regolarizzazione di concessioni edilizie rilasciate senza il via libera paesaggistico della Soprintendenza, sempre che le costruzioni siano state realizzate prima del vincolo.

Davanti a questa pioggia di emendamenti, la presidente della commissione Ambiente, Mariella Maggio, garantisce un intervento: «So che i colleghi del Pd ritireranno i loro emendamenti. E se non lo faranno li riterrò inammissibili. Per quanto riguarda la sanatoria delle case sulle zone costiere, siamo pronti a votare. Cosa penso di queste norme? Ognuno risponde dei propri atti e delle firme apposte sulle varie proposte. Purtroppo questi tentativi dimostrano che non c'è ancora adeguata sensibilità verso le esigenze del territorio ».

Legambiente dissotterra l'ascia di guerra. «C'è da restare allibiti - dice il presidente siciliano Gianfranco Zanna - nel vedere come ci sia ancora qualche deputato che propone l'ennesima incostituzionale sanatoria, solo per prendere in giro qualche elettore ».

Martedì si andrà alla conta: e solo in quell'occasione si capirà quali esigenze prevalgono a Palazzo dei Normanni. Di certo, la sola presentazione di alcuni emendamenti ha provocato la reazione degli abusivi: a Licata, nei mesi scorsi, le famiglie che si opponevano alle ruspe l'hanno fatto sventolando l'emendamento di Fazio sulla sanatoria delle costruzioni lungo il litorale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news