LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - Rubens a terra, buchi e cartone. Nel mirino la gestione del Ducale
di Gabriele De Stefani
14 luglio 2016 LA GAZZETTA DI MANTOVA



Francesco IV in bilico mentre passano i turisti, le cornici ammalorate, la scelta del portale in gesso. Non ci sono danni, ma tra gli esperti è allerta per la conservazione del palazzo con il nuovo corso


MANTOVA. Un Rubens appoggiato di traverso a una parete mentre i visitatori passeggiano negli spazi dedicati alla collezione Freddi: occhio a dove mettete i piedi o combinate un disastro che farà il giro del mondo in mezzo minuto. Qualche cornice si sbriciola, un’altra cede e sfiora la pala che si prova a valorizzare affiancandole un maxi-telo mobile, un portale in cartongesso fa a pugni con palazzo del Capitano (dove è stato piazzato all’ingresso del nuovo spazio espositivo La Galleria). Agli austeri muri della reggia non resta che strabuzzare gli occhi.

Che le esigenze di tutela e conservazione non siano al cuore del mandato ricevuto dai nuovi direttori dei musei era chiaro fin dalla lettura dei curricula scelti dalla commissione voluta dal ministro Dario Franceschini. L’interrogativo che corre a Mantova, nel mondo della cultura, a palazzo e perfino nella politica, è però duplice. Domanda-sospetto numero uno: non è che il nuovo corso di Peter Assmann stia cedendo troppo sul piano del rigore conservativo? Domanda-sospetto numero due: non è che l’apprezzabile moto a rompere l’inerzia lenta dei musei sia diventato il passepartout per un Ducale con le porte apertissime, pronto a dare spazio a tutti e con scarsa attenzione alla qualità dei progetti che abbraccia?

Sul secondo interrogativo Assmann si è già pronunciato sulla Gazzetta («Staremo più attenti alla qualità e selezioneremo di più») con quella che, più che una risposta, è suonata come un’ammissione: abbiamo un problema, l’asticella va alzata.

C’è poi tutto l’altro capitolo, quello della conservazione del bene-Ducale. A maggio una cornice cedette e sfiorò la Famiglia Gonzaga in adorazione della Trinità. Ora dalla reggia filtrano qualche malumore e svariate fotografie. La prima è il ritratto di Francesco IV di Rubens, prestato al Ducale da Romano Freddi, immortalato mentre qualche addetto al suo spostamento nella Sala degli Arcieri lo ha appoggiato a terra (siamo attorno al 20 maggio).

L’equilibrio è sottile, tanto più che, giura chi ha scattato la fotografia, in quegli istanti passavano di lì turisti e scolaresche. Non solo: le operazioni di spostamento delle opere dalla collezione Freddi alla Sala degli Arcieri e quelle di riassetto della Galleria Nuova hanno scontato anche qualche cornice infranta.

Non c’è scandalo né danno irreparabile, spiegano gli esperti del settore, ma sono tutti segnali di una cura approssimativa. Anche perché, riferisce sempre chi vive il palazzo, la scelta del personale a cui affidarsi alza il velo sull’inesperienza di Assmann nelle vesti di conservatore: capita così che ruoli di responsabilità siano affidati a neolaureati alle prime armi o che siano arruolate aziende non propriamente del settore.

Malignità che filtrano da un personale chiamato a cambiare approccio? Resistenze di un mondo abituato a rimanere sotto una campana di vetro? Quel che è certo è che a breve, con l’arrivo di Giovanna Paolozzi Strozzi alla guida della nuova Sovrintendenza, si annuncia frizzante la convivenza tra due figure così diverse per formazione e approccio.

«Può essere che un quadro sia stato appoggiato male. Non dico che vada bene, sia chiaro, ma può succedere - commenta Assmann - mi spiace per questi malumori perché stiamo facendo del nostro meglio, i numeri ci danno ragione e molti nostri progetti attirano visitatori anche da fuori Mantova. Penso ad esempio alla didattica che abbiamo introdotto tra anticamera degli Sposi e Sala degli Arcieri. In ogni caso - chiude un Assmann amareggiato - sono aperto a qualunque critica purché costruttiva».

Del resto in un anno di governo del Ducale Assmann è intervenuto parecchio e ha sorpreso (il verbo può non essere neutrale) altrettanto. Portale in cartongesso, sala multimediale in fondo al corridoio del Passerino, anticamera degli Sposi e recenti installazioni alla Cavallerizza hanno in comune un impatto notevole. Una domanda corre sullo sfondo: si sta seguendo un progetto che punti a migliorare il godimento estetico e a svecchiare il museo rispettando il profilo storico-artistico della reggia? È questo ciò che, al netto dei numeri sugli ingressi e dell’attivismo assmanniano, ha vissuto il Ducale negli ultimi dodici mesi?

http://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2016/07/14/news/rubens-a-terra-buchi-e-cartone-nel-mirino-la-gestione-del-ducale-1.13816331?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news