LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - La Regione autorizza le trivelle al “Masso”
Andreas Quirici
19 luglio 2016 IL TIRRENO

Ok alla ricerca geotermica nell’oasi naturalistica, malgrado il no espresso da sindaci e Soprintendenza

POMARANCE. Il tanto temuto ok alle perforazioni geotermiche vicino al Masso delle Fanciulle è arrivato. Ieri , la conferenza dei servizi regionale ha confermato il via libera al progetto presentato dalla Gesto Italia per la realizzazione di due pozzi esplorativi per un massimo di profondità di 2.200 metri ciascuno. Il parere negativo espresso dalla Soprintendenza di Pisa e Livorno, che aveva indotto la Regione ad ascoltare il Ministero dell’ambiente per capire se considerarlo vincolante o meno, alla fine non ha inciso su una decisione che farà discutere.

In rappresentanza delle amministrazioni comunali coinvolte in questa vicenda, era presente il sindaco di Volterra, Marco Buselli che ha parlato anche per conto dei suoi colleghi di Pomarance e Radicondoli. «L'autorizzazione al permesso di ricerca sul Masso delle Fanciulle è stata concessa, nonostante il parere contrario da parte dei nostri Comuni», ha detto Buselli che ha poi aggiunto: «Ho ribadito la nostra contrarietà, anche a nome del Comune di Pomarance, ma la Regione ha comunque inteso, come era nelle sue facoltà, andare avanti. Credo sia una pagina non bella, perché i territori si devono ascoltare. Del resto ci sono zone vocate e altre che non lo sono. Anche il Comune di Radicondoli aveva espresso tutte le proprie perplessità in merito alla realizzazione di questo progetto. Di fatto quindi, si procede senza che alcun Comune abbia dato il proprio assenso».

È questo l’aspetto che più stride anche rispetto agli ultimi impegni normativi assunti dalla Regione nei confronti delle amministrazioni locali. Pochi giorni fa, infatti, la commissione ambiente della Regione ha approvato una proposta di legge del Pd che, in tema di energia, introduce la necessità di raggiungere un’intesa tra la stessa Regione e i Comuni coinvolti in un determinato progetto di ricerca geotermica, specificando che il confronto tra enti abbia inizio con l’avvio del procedimento autorizzativo.

È vero che la procedura di Valutazione d’impatto ambientale (Via) per il progetto di ricerca geotermica della Gesto Italia risale all’anno scorso. Ma è altrettanto evidente che questa vicenda è la fattispecie-tipo di questa nuova normativa regionale.

Amarezza per i membri del Comitato difensori della Toscana che hanno lottato a lungo contro le trivelle vicine all’oasi naturalistica. Una battaglia lunga, portata avanti a spese degli stessi cittadini che hanno cercato in tutti i modi, tra raccolte di firme, manifestazioni, osservazioni durante la procedura di Via, di evitare l’insediamento produttivo in una delle aree più belle della Valdicecina. Gli stessi cittadini hanno presentato addirittura un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica che, al momento, sembra l’ultima speranza affinché venga
fatto un dietrofront rispetto alla decisione presa ieri dalla Regione.

Da capire, adesso i tempi per rendere concreta l’esplorazione geotermica che, se dovesse portare risultati positivi, avrebbe bisogno di una ulteriore richiesta di coltivazione con relativa Via.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news