LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - « VALLO DELLA LUCANIA - La legge sui Parchi rischia di distruggere i piccoli comuni»
18 luglio 2016 La città di Salerno

«Con la nuova riforma della legge sui Parchi, i Comuni rischiano di essere privati dei beni demaniali». L'allarme arriva dal presidente della Comunità del Parco del Cilento, Salvatore Iannuzzi, che ha bocciato il testo di legge appena licenziato dal Senato con una nota inviata al presidente del Consiglio Matteo Renzi e al presidente della Commissione ambiente del Senato, Giuseppe Francesco Maria Marinello. «La nuova legge sui Parchi nazionali – spiega Iannuzzi, che è anche sindaco del Comune di Valle dell'Angelo – prevede la cessione dei beni demaniali dei Comuni ai soggetti gestori delle aree protette, a titolo gratuito». Si tratta di una novità legislativa che «finirà di impoverire i nostri centri con un ulteriore riduzione delle entrate che rischia di disastrare irrimediabilmente le casse dei piccoli Comuni del Parco», tuona Iannuzzi. «I Comuni insistenti in un'area parco non solo non debbono essere privati delle poche entrate patrimoniali di cui dispongono ma, al contrario – mette in chiaro il presidente – occorre trovare forme di aiuto e di restituzione per i sacrifici economico-sociali a cui sono sottoposti». Secondo Iannuzzi la legge di riforma dei parchi dovrebbe contemplare «misure di tutela socio-economica delle comunità insistenti in aree protette, soprattutto se già classificate come zone di disagio, quali ad esempio: bonus nella gestione dei servizi comunali, deroghe e supporti nella organizzazione dei servizi essenziali al cittadino, sgravio fiscale per le attività economiche». Questo perché vivere in un'area protetta costa di più che vivere fuori: «In un piccolo paese del Cilento – spiega Iannuzzi – il costo della vita è maggiore che in città capoluogo come Salerno o Napoli. La comunità nazionale deve compensare le popolazioni del Parco per i limiti e le restrizioni imposte dal regime protezionistico della natura». «Ad esempio – dice Iannuzzi – costruire un'abitazione in un Parco costa molto di più: richiede materiali particolari e costosi (pietra locale, infissi in legno, tetto in coppi etc). Anche coltivare un terreno diventa faticoso: bisogna condividere il raccolto con cervi e cinghiali; gli allevatori invece condividono mucche e pecore con i lupi». «Lo Stato – osserva – non ha sempre garantito nelle aree protette una reale e concreta promozione e crescita del territorio, pur avendo ottenuto, quale corrispettivo, una formidabile conservazione di un pezzo importante di patrimonio ambientale per la intera umanità». A tanto è seguito, in alcuni casi, un depauperamento antropico ed economico dell'area protetta e sentimenti di ostilità da parte delle comunità locali.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news