LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Unesco. Se a Venezia nessuno fa i conti
Cesare De Michelis
Corriere del Veneto 19/7/2016

È lunga la storia dei rapporti tra l’Unesco e Venezia ed è storia di un conflitto perenne, di un’incomprensione resistente, nella quale si contrappongono due punti di vista opposti, che sono sempre gli stessi: chi vuol conservare la città insulare com’è, sottraendola al confronto con la modernizzazione - e spesso si tratta di personalità estranee alla vita ordinaria di Venezia, innamorate di un ideale, cui dedicano con generosità ogni cura, certe della precaria salute di una città che immaginano fragile vittima di un futuro minaccioso- e chi, invece, a Venezie vive e lavora e, come è sempre accaduto nei secoli, la vorrebbe agibile e normale, in sintonia col mondo contemporaneo, non estranea al moderno, pronta a cambiare.

L’Unesco usciva allora vincitore dalla battaglia che aveva salvato i templi di Abu Simbel in Egitto e pretendeva, peraltro senza impegnarsi a reperire le risorse, di stabilire quanto dovevano fare gli Stati, ergendosi a difensore di un bene che si confondeva col bello.

Il senso dell’intervento su Venezia fu chiarito dal Rapporto sulla pianificazione urbana a Venezia (giugno 1975), che contrapponeva a quanto era stato fatto in tempi recenti una visione alternativa, intervenendo sul governo locale con “raccomandazioni” sempre più imperative.

Non diversa è l’iniziativa di questi giorni, che accompagna i suggerimenti ultimativi con minacce che escludono il confronto e la discussione, come se alle scelte proposte non ci fosse alternativa e se nel resto del mondo si fosse provveduto già a fare come l’Unesco vorrebbe: si pensi al numero programmato dei turisti, sul quale ci si arrovella da anni, ma che nessuna città ha adottato, perché contraddice l’idea stessa di città e ogni etica dell’accoglienza, che per altro oggi appare più necessaria di ieri di fronte alle migrazioni che investono l’intera Europa.

Turismo, grandi navi, Mose, e tante altre opere sempre più urgenti e rinviate: Venezia è un problema dal 1962, quando il Comune promosse un convegno così intitolato che affrontò questioni aperte, suggerì soluzioni, lasciando che tutto finisse agli «atti» (1964) senza iniziative concrete.

Chi pensa di avere le soluzioni in tasca - Unesco, Italia Nostra, Fai- dovrebbe avere la coscienza di rispondere tenendo conto delle conseguenze che ogni scelta produrrà, altrimenti schierarsi è troppo comodo, basta forse a salvarsi la coscienza scaricando il seguito su chi oggi sarebbe costretto a subire: addio ai servizi di accoglienza e poi al porto crociere, poche difese dalle aggressioni del mare, eccetera: la decadenza veneziana sarebbe inarrestabile.

Dopo cinquant’anni e più Venezia resta quel problema del quale ognuno fa una lettura diversa e, quindi, dà una soluzione diversa: non sto a ripetere quanto si è detto sull’uso che si dovrebbe fare del centro storico, perché intanto quel che avanza sono solo i bed and breakfast, gli alberghi e i souvenir; resistono solo porto e aeroporto.

Tutti parlano, urlano, minacciano, ma nessuno vuol far di conto: Dio mio!

Il primo segnale del distacco fu il Rapporto su Venezia (1969) che l’Unesco redasse e pubblicò dopo l’alta marea eccezionale di cinquant’anni fa (4 novembre 1966) con l’obiettivo di denunciare il terribile pericolo che minacciava Venezia.

La questione la pose con chiarezza lo stesso direttore generale dell’Unesco, René Maheu, nella Prefazione: Salvare che cosa?, i monumenti, le opere d’arte, l’atmosfera culturale, oppure i suoi abitanti e la loro vita di ogni giorno; da che cosa?, dall’amica natura, «che l’ha protetta così a lungo» o da «l’uomo moderno»; e, finalmente, come? , scegliendo tra le pietre e la vita, perché forse si faceva ancora a tempo, nonostante tutto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news