LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. «Il tessuto urbano è stato massacrato. Recuperare la bellezza è un diritto»
Helmut Failoni
Corriere di Bologna 19/7/2016

Professor Roversi Monaco, lei che negli anni ha recuperato le bellezze cittadine dando loro nuova vita, che idea ha di Bologna dal punto di vista urbanistico?

«È complessa, e, sotto certi profili, difficile, la situazione di una città come la nostra, che non è una grande città, ma che non potrà mai essere assimilata a una città di provincia. Bologna, nel corso della sua lunghissima storia, è stata una città che ha saputo e potuto esercitare un ruolo significativo in scelte e decisioni rilevanti per l’intera Europa. Da questo deriva il fascino innegabile suo e del suo tessuto urbano, purtroppo massacrato, vorrei dire consapevolmente, dopo la stagione non sufficientemente lunga, caratterizzata dalla felice mano, e, direi, dalla spiritualità di Pier Luigi Cervellati e dall’abilità di Umbro Lorenzini».

Qual è stato il punto di forza di Cervellati?

«Fu l’unico che teorizzò lucidamente e dal punto di vista del territorio che l’università è la città, e tale doveva risultare da un assetto urbanistico che scaricava in una pluralità di splendidi edifici storici le richieste di spazi dell’ateneo».

E ora invece?

«Gli ultimi vent’anni sono stati ispirati da un desiderio incontenibile di guadagni, di realizzazioni di scarso profilo e spesso inguardabili e mi sento di poter affermare che molte volte ho ricollegato questo desiderio di bruttezza e di volgarità allo scarso livello di architetti che venivano proposti, per certi settori, sempre quelli. E alla incolpevole incapacità degli esecutori, poco costosi, ma molto disponibili a tutto».

Restando ancora un momento nel passato, per provare a capire il presente, le mostre in quegli anni erano piuttosto importanti...

«Hanno toccato livelli significativi, anche per l’esistenza di uomini e donne particolarmente capaci, come Gnudi, Emiliani, Anna Maria Matteucci, e per la presenza dell’ente bolognese Manifestazioni artistiche, che ha nel tempo ben dimostrato che le cose belle e importanti si realizzano nell’unità di istituzioni e nella concordia».

Un’esperienza unica, e poi?

«Gli specialisti del “non far fare agli altri”, numerosi e pugnaci a Bologna, contribuirono potentemente a distruggere quelle esperienze».

Chi erano questi specialisti?

«Non voglio far nomi, ma la lottizzazione in quel campo iniziò e presto trionfò secondo il principio, sempre più spesso vincente, della tutela a tutti i costi dell’assemblamento degli interessi, che vuole dire qualcosa per tutti quelli graditi e che agisce invece solo in negativo per coloro che portano avanti idee».

Quando cominciò tutto?

«Non è cosa di breve periodo: si sviluppò con l’assessorato alla cultura di Sinisi ed è arrivato ancora florido nel 2015».

Cosa bisogna fare allora?

«Quello che è essenziale è un recupero della necessità della bellezza».

E dove la andiamo a prendere?

«La bellezza viene da lontano: dai luoghi, dagli edifici, dai portici, e da tante piccole grandi cose che rendono unica la nostra città, dando nello stesso tempo a tutti noi, soprattutto ai giovani, un compito ineludibile, quello di distruggere l’attacco interplanetario dei fittoni e degli altri frammenti di pietre varie che hanno massacrato alcune delle strade e piazzette più belle di Bologna, alla ricerca, è legittimo pensare, del nuovo ispirato dall’ignoranza. È per questo che vanno onorati, e prima ancora compresi, gli street artist che hanno operato per il miglioramento della città e per il recupero della bellezza: Dado, Cuoghi e Corsello, Rusty, fra i tanti».

L’associazione è immediata. La street art nell’immaginario è legata alle periferie delle città. Cosa pensa dei progetti del Comune fuori dal centro?

«Io non credo alle pianificazioni di segno politico: la consapevolezza delle periferie non l’hanno i consulenti improvvisati, gli studiosi oppressi dal desiderio di successo. L’hanno e possono averla soltanto coloro che ci vivono e che sono in grado di penetrarne le problematiche con l’intento ben evidenziato di sottolineare per tutti, ma soprattutto per le autorità del governo locale, che della bellezza non si può fare a meno. E che per gli abitanti di una città come la nostra il principio costituzionale di uguaglianza determina chiaramente l’esigenza di dare a tutti i luoghi della città la possibilità di offrire momenti di collegamento e di comprensione con realtà che in molti vorrebbero a sé riservate».

Cosa dice dell’offerta pubblica?

«Nell’ambito di una realtà di offerta pubblica non solo di basso profilo, ma per più profili preoccupante, la città di Bologna deve riprendere il filo di un governo locale consapevole del ruolo di regolatore e pianificatore che dà un senso profondo al Comune come concetto generale».

Il caso Fiera?

«Nella stessa città, alludo agli ultimi cinquant’anni, hanno convissuto uomini e donne che hanno saputo costruire, migliorare, innovare e uomini e donne che hanno speso il tempo a condizionare, a ritardare. Probabilmente è così ovunque, ma la subitaneità con la quale uomini sbagliati o portatori di idee sbagliate, hanno saputo distruggere, o quasi, quanto c’era di buono, non cessa di stupirmi. Impedisci di fare, questo principio pur non enunciato, è quanto tanti vorrebbero realizzare. In troppi ci riescono. Il caso della Fiera è evidente, così come il perdurante insulto all’urbanistica e al territorio».

Un commento sulla nuova Giunta?

«Oggi la principale qualità è rappresentata dal coraggio consapevole e la speranza è che questo sentimento e questa virtù siano ben presenti in tutti i partecipanti della giunta».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news