LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. La cultura può rilanciare lo sviluppo
Emanuele Imperiali
Corriere del Mezzogiorno 20/7/2016

Si è discusso a lungo su quanto influiscano sul turismo, e sull’economia locale, una fiction come quella del commissario Montalbano tra Ragusa e Scicli nella Sicilia barocca o film ad ambientazione storica e religiosa che registi internazionali hanno girato tra i Sassi di Matera. Non a caso le splendide cittadine cilentane sono state fatte conoscere al grande pubblico attraverso le immagini di «Benvenuti al Sud». In questi giorni al Festival di Ischia si è ricorso a un neologismo, cine turismo, che altro non è se non una delle tante nicchie di mercato, caratterizzata da un’utenza che si reca in visita alle location cinematografiche e televisive. Dopo aver fatto da sfondo a film come «Ferdinando e Carolina» di Lina Wertmüller girato alla Casina Vanvitelliana sul lago Fusaro, Capo Miseno ha fatto da cornice ad alcune scene del film campione d’incassi «Scusa ma ti chiamo amore». Proviamo allora a fare due conti e a snocciolare qualche cifra per dimensionare il fenomeno nella giusta portata: nel corso di un faccia a faccia al Giffoni Film Festival con i protagonisti di Gomorra, Marco d’Amore, alia Ciro di Marzio, ha rivelato che per la fiction nel napoletano hanno lavorato 1500 persone tra produzione ed esercenti vari, e l’indotto è valutato tra 16 e 18 milioni sul territorio. Il turismo culturale offre praterie inesplorate da conquistare, se si pensa che Unioncamere Campania nel Rapporto 2016, quantifica in oltre 1.100 le sole industrie culturali regionali specializzate in film, video e radio, con un valore aggiunto, pur se non pari a quello italiano, comunque molto elevato.

Plastica testimonianza di come turismo e cultura possano andare a braccetto. Si tratta di numeri importanti, al di là degli effetti economici e occupazionali legati al rilancio dei ben noti giacimenti archeologici e turistici regionali. Purtroppo non è tutto oro quello che luccica. La politica culturale regionale non può essere affidata unicamente alle eccellenze, così come l’industria. In troppi casi è priva di un’adeguata capacità organizzativa, come spiegava in un’intervista il sociologo Mimmo de Masi, a lungo motore del Festival di Ravello, secondo il quale manca al Sud una classe dirigente manageriale, i finanziamenti pubblici sono assegnati con eccessivo ritardo e ciò incide sulla programmazione degli eventi: emblematico, sotto questo profilo, il caso del Napoli Teatro Festival, che si preoccupa di difendersi dalle polemiche, come appare dalla nota di ieri, piuttosto che programmare una strategia e diventare un marchio di eccellenza. Se è vero, allora, e questo giornale ne è sempre stato un convinto propugnatore, che la cultura, quando non resta confinata nell’effimero, può diventare una strada maestra per uscire dal sottosviluppo, è altrettanto vero che, come nell’industria, occorre fare rete. Per riuscirci, però, serve un governo politico, autorevole, di un settore che non può essere relegato ai ritagli di tempo di un pur attivissimo presidente di Regione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news