LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pokémon Go al Colosseo
Eraldo Affinati
Corriere della Sera 21/7/2016

Uno scrittore e i suoi ex allievi in cerca di mostri sotto le arcate

Dove lottavano i gladiatori ora si aggirano Pikachu e Venusaur

I o di Pokémon Go non ne sapevo niente. Ho chiesto lumi a Romoletto. E lui mi ha convocato al Colosseo perché da quelle parti sembra che i mostriciattoli siano di casa. Mew vola sicuro tra le vette delle colonne imperiali. Togepi, chiuso nel guscio, si crogiola sotto i lastroni infuocati dal sole. Charizard, drago dalle grandi ali e la coda fiammeggiante, regna sovrano tra le rovine. Quando ho rivisto il mio ex studente dell’istituto professionale, avrei voluto comunicargli l’emozione per averlo ritrovato, sono trascorsi un paio d’anni dall’ultima volta che ci incontrammo, ma il ragazzo, al quale dedicai uno speciale elogio, quello del ripetente, come al solito non mi stava a sentire. Era troppo preso dalla nuova applicazione che si era appena scaricato.

A stento l’ho seguito in mezzo alla folla dei turisti accalcati davanti alle vecchie arcate, là dove generazioni di scrittori hanno riflettuto sulla vanità dell’umana cupidigia, nel miscuglio ai miei occhi davvero bizzarro fra lo splendore del cielo azzurro elettrico trionfante sulle pietre appena restaurate e l’orrore dei corpi sudati in fila lungo le transenne verso la biglietteria.

«Dove scappi, Romolé? E chi sono quei tre pischelli che ti vengono dietro?». L’eterno garzoncello scherzoso, ancora indisciplinato e ribelle, esattamente come lo ricordavo, me l’aveva anticipato, ma io non volevo crederci. «A professò, abbiamo fatto una squadra». Eccoli lì, rapidi come segugi, vitali e attivi, con un’intraprendenza e una concentrazione che molti di noi sarebbero spinti a considerare degne di miglior causa, impegnati a intrufolarsi, cellulare alla mano, nel groviglio dei fotografi, dei venditori ambulanti, dei poliziotti, delle carovane organizzate. Non per tracciare chissà quali percorsi conoscitivi, solo allo scopo di catturare quanti più animaletti possibile e diventare allenatori esperti.

Da venerdì scorso il Pokémon Go è arrivato anche in Italia. È la cosiddetta «realtà aumentata»: il sistema Gps individua la posizione dell’utente che subito, occhi fissi sullo schermo, può entrare in azione. Hai presente il Game boy? Acqua passata. Così come i cartoni animati. E le semplici figurine da collezionare sull’album. Adesso i mostriciattoli spuntano nei pressi dell’Arco di Costantino, nello strapiombo dei secoli, vicino ai cantieri della nuova linea metropolitana. È come se ti dicessero: vieni qui, prendimi. Lo riconosci? È Venusaur, quadrupede verdastro con la bocca spalancata. Te lo saresti aspettato, placido nella sua positura ancestrale, con gli artigli ben piantati a terra, lungo la salita della via Sacra? Inseguilo, non fartelo scappare.

E laggiù, vicino alla stazione degli autobus, quella specie di bambolotto allegro e scanzonato che si batte il petto in segno di successo, quasi volesse prenderti in giro, non è addirittura Pikachu, il piccolo roditore dal quale tutto cominciò? Allora non ti resta che aggiustare la mira sul touch screen del tuo smartphone per lanciargli una Poké Ball e catturarlo. Portalo in palestra, poi riprendi la caccia. È tutto gratis.

Romoletto avanza nella calca, esaltato come non lo avevo mai visto a scuola. Fra una presa e l’altra, urla qualcosa verso la mia direzione: polvere di stelle, caramelle, moduli esca, livelli raggiunti o mancati. I suoi compagni improvvisati non mi guardano neppure. Sono troppo infervorati nella ricerca. Ed altri gruppi di giovani e meno giovani, testa china sugli scenari virtuali, sembrano animarsi accanto a loro. La musichetta che accompagna l’applicazione ricorda la colonna sonora del film Il gladiatore . Un conto è ascoltarla fra i grattacieli di Central Park. Un altro sentirla qui, nel cuore del mondo antico. « Ma nun era mejo annà a funghi ?» si chiede perplesso il centurione romano prima di farsi fotografare a fianco della coppia di sposi.

Pe nso al sonno dei guerrieri, là dietro gli speroni dei laterizi: loro si battevano all’ultimo sangue, non come queste creature fantastiche che, nel momento in cui vengono sconfitte, perdono conoscenza e diventano inutilizzabili. È la filosofia Nintendo, l’azienda giapponese che gestisce il gioco. Te lo immagini Bulbasaur, sempre un po’ assonnato, col seme piantato sulla schiena, entrare in una vera contesa? Se Squirtle, tartaruga a busto eretto, venisse presa sul serio, forse se la darebbe a gambe. In fondo assomigliano tutti a Magikarp, pesciolino incoronato, pronto a galleggiare sospeso nell’aria immota dei Fori Imperiali. Perfino i Pokémon cattivi, riuniti nei team malvagi, criminali caratterizzati da sguardi torvi e pose truculente, alla lunga rappresentano soltanto una cricca di simpatici bracconieri.

Finora questa schiera di personaggi multiformi era stata confinata negli schermi grandi e piccoli dei videogiochi. Influenzava, lo sappiamo, i processi cognitivi dei bambini e degli adolescenti. Ad esempio addestrava ai passaggi immediati fra un contesto e l’altro, rendendoli in certi casi velocissimi, quasi impercettibili. Tu come docente, se eri curioso, potevi apprezzare la qualità intuitiva dei tuoi scolari, sebbene restassi talvolta colpito dalla scarsa predisposizione che alcuni di loro, posti di fronte a un testo da leggere e interpretare, in compenso dimostravano per la dimensione deduttiva del ragionamento logico.

Adesso il meccanismo è più sofisticato perché Romoletto, guidato dal sentiero digitale, cammina fra la gente alla ricerca dei prigionieri: i Pokémon, fantasmatici e sbarazzini, lo trascinano verso i bianchi pilastri in travertino, là dove un tempo gli uomini combattevano contro gli animali feroci e spesso morivano fra le loro grinfie, nei medesimi spazi dei martiri, che preferivano abbandonare questa vita pur di non abiurare alla loro fede.

Vai ragazzo, vai, corri dentro il pulviscolo luminoso della Storia: non si divertiva una volta, così come stai facendo tu ora, anche il popolo di Roma, drogato dalle emozioni forti, in qualche modo raggirato dai suoi stessi governanti interessati solo a compiacerlo?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news